giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Non ricordi i sogni? Manca la vitamina B6, dicono le prove

Stai lottando per ricordare i dettagli più fini di quello strano sogno che hai avuto la scorsa notte? Bene, nuove ricerche suggeriscono che una dose di vitamina B6 potrebbe aiutare. I ricercatori hanno scoperto che gli adulti che assumevano integratori di vitamina B6 ogni notte prima di andare a letto erano più in grado di ricordare i propri sogni, rispetto agli adulti che assumevano un placebo. La National Sleep Foundation definisce i sogni come “fantasie inconsce che contengono suoni, immagini e altre sensazioni mentre dormi”. Si stima che noi sogniamo da quattro a sei volte ogni notte, ma spesso non ricordiamo tutti i nostri sogni, o possiamo solo ricordare informazioni vaghe. Secondo il Dr. Aspy e colleghi, ci sono prove aneddotiche che suggeriscono che la vitamina B6 può migliorare la nostra capacità di ricordare i sogni, ma ci sono poche prove scientifiche a supporto di questa associazione. La vitamina B6 svolge un ruolo chiave nel metabolismo: nei neuroni serve alla sintesi di certi neurotrasmettitori come serotonina, dopamina e GABA. È anche importante per lo sviluppo del cervello e l’immunità. Si presenta naturalmente in un certo numero di alimenti, tra cui pesce, pollame, carni di organi, patate  e frutta. La vitamina B6 è disponibile anche sotto forma di integratore alimentare.

Con questo in mente, hanno deciso di indagare su come la supplementazione di vitamina B6 ha interessato il richiamo del sogno in 100 adulti con un’età media di 27,5 anni. Per lo studio, i partecipanti sono stati randomizzati a uno dei tre gruppi per un totale di 5 giorni: uno ha preso un supplemento contenente 240 milligrammi di vitamina B6 proprio prima di coricarsi, uno ha preso integratori contenenti un complesso di vitamina B (compresa la vitamina B-6 e altri B vitamine), e uno ha preso un placebo. Lo studio era in doppio cieco, il che significa che né i partecipanti né i ricercatori sapevano quali soggetti stavano assumendo gli integratori di vitamina B-6. Nel corso dello studio di 5 giorni, ai partecipanti è stato chiesto di tenere un registro del ricordo dei loro sogni, specificando quanti sogni avevano e quanto contenuto ricordavano da ciascuno di essi. Rispetto ai soggetti che hanno assunto il placebo o il complesso vitaminico B, i partecipanti che hanno assunto gli integratori contenenti solo vitamina B-6 erano più in grado di ricordare il contenuto dei loro sogni.

“Sembra che con il passare del tempo i miei sogni siano stati più chiari e più chiari e più facili da ricordare”, ha detto un partecipante allo studio che ha assunto gli integratori di vitamina B-6. “Inoltre non ho perso i frammenti con il passare del tempo.” I ricercatori osservano che la vitamina B-6 non ha avuto alcun impatto sulla vividezza, il colore o la bizzarria dei sogni dei soggetti, né ha influito sulla qualità del sonno. Mentre il legame tra l’integrazione alimentare di vitamina B-6 e il richiamo dei sogni richiede ulteriori studi, il Dr. Aspy suggerisce che i loro risultati indicano che la vitamina potrebbe essere utilizzata per migliorare il sogno lucido. “Il sogno lucido, dove sai che stai sognando mentre il sogno sta ancora accadendo, ha molti potenziali benefici”, spiega il Dr. Aspy. Prosegue dando un esempio, dicendo, “potrebbe essere possibile usare il sogno lucido per superare gli incubi, trattare le fobie, risolvere i problemi creativi, perfezionare le capacità motorie e persino aiutare con la riabilitazione dal trauma fisico”. Il Dr. Denholm Aspy e colleghi, della Scuola di Psicologia dell’Università di Adelaide, in Australia, hanno riportato di recente le loro scoperte sulla rivista Perceptual and Motor Skills.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Aspy DJ et al. Percept Mot Skills. 2018; 31512518770326. 

Volpe AD et al. J Int Adv Otol. 2017 Apr;13(1):69-73. 

Aspy DJ. Conscious Cogn. 2016 May; 42:181-203.

Ebben M et al. Percept Mot Skills. 2002 Feb; 94(1):135-40.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Marker ed enzima: la VAP-1, il nuovo bersaglio della sclerosi multipla

La vascular adhesion protein-1 (VAP-1) è una proteina indotta nelle arterie infiammate, ed anche un enzima ossidasi primaria (SSAO), che media l'ingresso dei globuli...

Galactosemia: problems related to diagnosis, management and nutrition

Classical galactosemia (GASM) is one of the most common innate errors in metabolism identified by neonatal screening in the United States. Galactosemia is the...

“Visione” d’insieme: il metabolismo dell’occhio riesplorato per le retinopatie

Milioni di individui stanno progressivamente perdendo la vista a causa del deterioramento delle cellule dei loro occhi, ma una nuova terapia sviluppata dai ricercatori...