Home BENESSERE & SALUTE Sessualità e demenza: il counseling e la qualità di vita al centro

Sessualità e demenza: il counseling e la qualità di vita al centro

Il numero di persone che vivono a casa con la malattia di Alzheimer (AD), una malattia del cervello che causa cambiamenti anormali che uccidono le cellule cerebrali, dovrebbe passare da 3,2 milioni a più di 8 milioni nel 2050. Gli esperti concordano sul fatto che sappiamo molto poco sulla sessualità tra le persone che vivono a casa con AD o altri problemi cognitivi. L’attività sessuale è un aspetto importante della funzione umana per tutta la vita. Gli adulti più anziani che hanno problemi cognitivi che influiscono sul modo in cui pensano e prendono decisioni possono chiedere ai medici di aiutare a gestire i problemi sessuali. E i caregiver possono chiedere ai medici della sessualità negli anziani per i quali forniscono assistenza. Una domanda frequente è: gli anziani hanno sempre la capacità di acconsentire all’attività sessuale? I ricercatori hanno precedentemente dimostrato che la maggior parte delle persone di età compresa tra 57 e 85 anni ha un coniuge o un altro partner intimo e, tra quelli con un partner, la maggior parte sono sessualmente attivi. Avere una vita sessuale attiva è legata a una migliore salute fisica e mentale, una migliore qualità della vita e tassi più bassi di solitudine.

Per saperne di più sulla connessione tra la sessualità e lo stato cognitivo, i ricercatori hanno progettato un nuovo studio. Hanno analizzato i dati del Progetto Nazionale sulla Vita Sociale, la salute e l’invecchiamento per saperne di più sulla relazione tra comportamento sessuale, funzione e cognitività. Sulla base del loro studio, i ricercatori hanno riferito che:

– L’83% degli uomini e il 57% delle donne ha avuto un partner intimo. Le abilità dei partecipanti più erano svantaggiati a pensare e prendere decisioni, meno probabilità avevano di avere un partner intimo.

– Le donne con punteggi cognitivi più bassi avevano meno probabilità rispetto agli uomini con punteggi cognitivi più bassi di avere partner intimi.

– Quasi la metà degli uomini con demenza era sessualmente attiva, così come il 18% delle donne.

– Tra le persone con un partner intimo, la maggior parte degli uomini (59%) e le donne (51%) con demenza erano sessualmente attive. Oltre il 40% degli uomini e delle donne partner di età compresa tra 80 e 91 anni affetti da demenza erano sessualmente attivi.

– Più di 1 persona su 10 che vive con un partner ha riferito di sentirsi minacciata o spaventata da un partner. Questo risultato è stato simile tra donne e uomini e tra diversi livelli di problemi cognitivi.

Esperti e linee guida chiedono ai medici di sottoporre a screening l’abuso degli anziani (il maltrattamento degli anziani, che può assumere molte forme, tra cui abusi fisici, emotivi e sessuali, sfruttamento finanziario e negligenza), inclusi abusi sessuali, ma definizioni di abuso e standard di consenso per il sesso variano ampiamente. I ricercatori stimano che, tra le persone che vivono a casa di età pari o superiore a 62 anni, almeno 1,8 milioni di uomini e 1,4 milioni di donne con demenza sospetta o diagnosticata siano sessualmente attive. Questo numero sarà più che raddoppiato entro il 2050. Tuttavia, raramente queste persone (specialmente le donne) ricevono consigli da un medico sui cambiamenti sessuali che possono verificarsi con demenza o altre condizioni mediche. I ricercatori hanno suggerito che questi risultati possono informare il miglioramento della consulenza, del trattamento e del processo decisionale centrato sulla persona da parte di medici e altri operatori sanitari che si occupano di persone affette da demenza o malattia di Alzheimer. Hanno aggiunto che la cura rispettosa per gli anziani, comprese le persone con disabilità cognitive, richiede una comprensione delle norme e dei problemi sessuali e strategie efficaci per gestire le preoccupazioni sessuali con dignità. Il loro studio è stato pubblicato nel Journal of the American Geriatrics Society.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lindau ST, Dale W et al. J Am Geriatr Soc. 2018 Sep 12. 

Kontos P et al. Sociol Health Illn. 2017 Feb; 39(2):182-198. 

Nogueira MM et al. Int Psychogeriatr. 2017; 29(2):185-193. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI