venerdì, Maggio 31, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Mannosio: l’integratore che influenzerà la terapia dei tumori?

Il mannosio è un supplemento nutrizionale zuccherino che ha dimostrato la promessa di rallentare la crescita di alcuni tumori nei topi di laboratorio. Il mannosio si trova anche naturalmente nei mirtilli e in altri frutti. I risultati dello studio di cinque anni condotto dal Cancer Research UK Beatson Institute di Glasgow sono stati pubblicati sull’ultimo numero della rivista Nature. Un team di ricercatori ha somministrato mannosio a topi con tumore del pancreas, del polmone o della pelle simulati. Non ci sono stati effetti collaterali mentre la crescita del cancro ha rallentato significativamente. I ricercatori avvertono tuttavia che è troppo presto per conoscere la connessione diretta e le persone non dovrebbero iniziare a integrare con mannosio perché comporta il rischio di effetti collaterali. Il team di ricercatori ha fornito supplementi di mannosio ai topi con i tumori che venivano anche trattati con farmaci antitumorali come il cisplatino e la doxorubicina. Sulla somministrazione di mannosio, gli effetti della chemioterapia sono stati migliorati, aggiungono. I tumori si ridussero di dimensioni e i topi vissero più a lungo. Il team ha quindi esposto altre cellule cancerose da cancro osseo (osteosarcoma), leucemia, carcinoma intestinale e cancro ovarico e ha scoperto che alcune delle cellule rispondevano mentre altre non rispondevano al mannosio in laboratorio.

Hanno notato che le cellule che contenevano alti livelli dell’enzima fosfomannosio isomerasi (PMI) avevano meno probabilità di rispondere al mannosio. I tumori usano più glucosio rispetto ai normali tessuti sani. Tuttavia, è molto difficile controllare la quantità di glucosio nel nostro corpo attraverso la sola dieta. In questo studio, i ricercatori hanno scoperto che il mannosio può interferire con il glucosio per ridurre la quantità di cellule tumorali dello zucchero che possono essere utilizzate. I ricercatori hanno prima esaminato come i topi con cancro del pancreas, del polmone o della pelle rispondevano quando il mannosio veniva aggiunto alla loro acqua da bere e somministrato come trattamento orale. Hanno scoperto che l’aggiunta dell’integratore ha rallentato significativamente la crescita dei tumori e non ha causato alcun evidente effetto collaterale. Per testare come il mannosio potrebbe influenzare anche il trattamento del cancro, i topi sono stati trattati con cisplatino e doxorubicina – due dei farmaci chemioterapici molto usati. Hanno scoperto che il mannosio ha potenziato gli effetti della chemioterapia, rallentando la crescita del tumore, riducendo le dimensioni dei tumori e aumentando la durata di vita di alcuni topi. Sono stati anche studiati diversi altri tipi di cancro, tra cui la leucemia, l’osteosarcoma, il cancro dell’ovaio e dell’intestino. I ricercatori hanno coltivato cellule tumorali in laboratorio e poi le hanno trattate con mannosio per vedere se la loro crescita veniva influenzata.

Alcune cellule rispondevano bene al trattamento, mentre altre no. Si è anche scoperto che la presenza di un enzima che scompone il mannosio nelle cellule ,era un buon indicatore di quanto fosse efficace il trattamento. Secondo l’autore principale, il prof. Kevin Ryan, del Cancer Research UK Beatson Institute, il principio alla base del mannosio e dei suoi benefici nei tumori era il fatto che poteva bloccare l’assorbimento di glucosio da parte del tumore e quindi privarlo efficacemente e rallentarne la crescita. Il mannosio non ha influenzato le cellule sane circostanti che hanno portato al profilo privo di effetti collaterali. È ipotizzabile che il mannosio stesso possa influenzare il metabolismo del glucosio, data la relazione con l’enzima (PMI) summenzionato. Un’altra possibile via che potrebbe influire sul mannosio è la glicosilazione delle proteine. Molte proteine ​​sulla superficie cellulare funzionano come antigeni e / o molecole di adesione. La maggior parte di essi viene modificata dalle frazioni zuccherine di glucosio, galattosio, glucosamina e mannosio. Sebbene nessuna dimostrazione sull’argomento sia stata mostrata qui, il mannosio potrebbe influenzare il pattern di glicosilazione delle proteine ​​nelle cellule tumorali. Se alcuni recettori necessari per la crescita cellulare sono erroneamente glicosilati, allora la crescita cellulare può rallentare e persino fermarsi ad un certo punto.

Il professor Kevin Ryan ha spiegato: “I tumori hanno bisogno di molto glucosio per crescere, quindi limitare la quantità che possono usare dovrebbe rallentare la progressione del cancro. Il problema è che i tessuti normali necessitano anche di glucosio, quindi non possiamo rimuoverlo completamente dal corpo. Nel nostro studio, abbiamo trovato un dosaggio di mannosio che potrebbe bloccare abbastanza glucosio per rallentare la crescita del tumore nei topi, ma non tanto da condizionare i tessuti normali. Questa è la prima ricerca, ma si spera che trovare questo equilibrio perfetto significhi che, in futuro, il mannosio potrebbe essere somministrato ai malati di cancro per migliorare la chemioterapia senza danneggiare la loro salute generale. Il nostro prossimo passo è studiare perché il trattamento funziona solo in alcune cellule, in modo che possiamo capire quali pazienti potrebbero trarre il massimo beneficio da questo approccio. Questa è la prima ricerca, ma si spera che trovare questo equilibrio perfetto significhi che, in futuro, il mannosio potrebbe essere somministrato ai malati di cancro per migliorare la chemioterapia senza danneggiare la loro salute generale. Questa è una scoperta nuova di zecca e solo il primo passo per capire se il mannosio potrebbe aiutare a curare il cancro. Speriamo di iniziare le sperimentazioni cliniche con mannosio nelle persone il più presto possibile, per determinare il suo vero potenziale come una nuova terapia contro il cancro”.

Il team deve capire perché alcuni tumori rispondono al mannosio mentre altri no. Quindi, sperano di poter iniziare a testare l’integratore sui pazienti oncologici presto, assicurando che funzioni effettivamente anche negli esseri umani.

  • cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gonzalez PS et al., Ryan KM. Nature. 2018 Nov 21.

Bannoud N et al. PLoS One. 2018 Aug; 13(8):e0201844.

Dalle Vedove E et al. Adv Healthc Mater. 2018; ;7(14).

Shtraizent N, DeRossi C et al. Elife. 2017 Jun 23;6.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Prevenzione del secondo ictus con le statine: e sembrano funzionare sia che sia ischemico che emorragico

L’ictus ischemico è causato da un blocco del flusso sanguigno al cervello ed è il tipo più comune di ictus. Al contrario, l’emorragia intracerebrale...

Disordine temporo-mandibolare: cos’è e come si manifesta

Benvenuti in questo nuovo articolo dedicato al vastissimo mondo della fisioterapia. Oggi vi parlerò di un problema diffuso, poco conosciuto, i cui risvolti nella...

Vitamina D: ridimensionati i bisogni dell’integrazione su vasta scala

Gli autori dell'ultimo studio stanno sollecitando i medici, i prescrittori e il governo a smettere di consigliare alle persone di assumere regolarmente supplementi di...

Questo si chiuderà in 20 secondi