lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Diabete genetico: dall’ipertensione il farmaco che previene l’immunità

Un farmaco comunemente usato per controllare l’ipertensione può anche aiutare a prevenire l’insorgenza del diabete di tipo 1 fino al 60% di quelli a rischio per la malattia, secondo i ricercatori del Campus Universitario Anschutz dell’Università del Colorado e dell’Università della Florida a Gainesville. “Questo è il primo trattamento personalizzato per la prevenzione del diabete di tipo 1, fatto usando un supercomputer, anche se la ricerca ha avurto inizio nel 2010 con lo screening di due grosse banche dati di sostanze e farmaci”, ha detto Aaron Michels, MD, ricercatore presso il Centro Barbara Davis per il diabete infantile e professore associato di medicina presso il CU Anschutz. Il farmaco, alfa-metil-DOPA, è stato usato per oltre 50 anni per trattare l’ipertensione nelle donne in gravidanza e nei bambini. Fa parte dell’elenco dei farmaci essenziali dell’Organizzazione mondiale della sanità. Ma come molti farmaci usati per una condizione, Michels e i suoi colleghi lo hanno trovato utile per qualcosa di totalmente non correlato.

Circa il 60% delle persone a rischio di contrarre il diabete di tipo 1 possiede l’antigene DQ8 che aumenta significativamente le possibilità di contrarre la malattia. I ricercatori hanno creduto che se potessero bloccare specificamente la molecola DQ8, potrebbero anche bloccare l’insorgere della malattia. Quindi il team ha preso ogni farmaco di piccole dimensioni approvato dalla FDA e ha analizzato il legame HLA-DQ8 attraverso un supercomputer. Hanno cercato un migliaio di orientamenti per ciascun farmaco per identificare quelli che si sarebbero adattati alla tasca di legame dell’antigene DQ8. Dopo aver eseguito migliaia di farmaci attraverso il supercomputer, hanno scoperto che la metil-DOPA non solo ha bloccato il DQ8 nel legare iun frammento di insulina, ma non ha danneggiato la funzione immunitaria di altre cellule come fanno molti farmaci immunosoppressori. La ricerca ha attraversato 10 anni e la sua efficacia è stata dimostrata nei topi e in 20 bambini diabetici di tipo 1, che hanno preso parte a una sperimentazione clinica presso il Centro di Barbara Davis per il diabete infantile presso la Scuola di Medicina dell’Università del Colorado.

Dr. Ostrov, professore associato presso il College of Medicine’s Center for NeuroGenetics dell’Università della Florida, commenta: “Ora possiamo prevedere con quasi il 100% di accuratezza chi è in grado di ottenere il diabete di tipo 1. L’obiettivo con questo farmaco è ritardare o prevenire l’esordio della malattia tra i soggetti a rischio Questo studio ha implicazioni significative per il trattamento del diabete e di altre malattie autoimmuni. I nostri dati, infatti, suggeriscono che lo stesso approccio può essere adattato per prevenire malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide, la celiachia, molteplici sclerosi, lupus eritematoso sistemico e altri: con questo farmaco possiamo potenzialmente prevenire fino al 60% del diabete di tipo 1 nei soggetti a rischio di malattia, uno sviluppo molto significativo”. Lo studio è pubblicato sul Journal of Clinical Investigation e il prossimo passo sarà un più ampio studio clinico sponsorizzato dal National Institutes of Health in primavera.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ostrov DA et al., J Clin Invest. 2018 May 1; 128(5):1888-1902.

Michels AW et al. J Immunol. 2011 Dec 1; 187(11):5921-30. 

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Public health and life expectance: cancer numbers worldwide and the efforts for preventable deaths

The Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD) estimates that ~1.9 million preventable and >1 million treatable premature deaths occurred across 38 OECD member...

Le alterazioni del metabolismo del glucosio nel Parkinson: è possibile che la malattia sia un neurodiabete?

L'anomalia del metabolismo del glucosio è stata identificata nel morbo di Parkinson ed è considerata uno dei suoi sintomi non motori. Sistematicamente, la tolleranza...

Crinicerfont: il nuovo farmaco che può correggere l’insufficienza surrenalica negli adulti e anche nei bambini

Le persone nate con la forma comune di iperplasia surrenale congenita (CAH) mancano di un enzima nelle ghiandole surrenali necessario per produrre gli ormoni...

Questo si chiuderà in 20 secondi