Depressione: si scoprono due subtipi ed uno resiste ai farmaci

 1

Secondo stime recenti, la depressione affligge oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo e almeno 16 milioni di persone negli Stati Uniti. Oltre il 60% degli individui statunitensi che soffrono di depressione hanno avuto gravi problemi di salute e fino al 30% delle persone che soffrono di depressione non trovano sollievo nei trattamenti esistenti. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono i farmaci più comunemente prescritti per la depressione. Funzionano aumentando i livelli dell ‘”ormone della felicità” nel cervello: la serotonina. Una nuova ricerca può aiutare a spiegare perché gli SSRI non sono in grado di affrontare completamente alcuni tipi di depressione. Un team guidato dal Prof. Kenji Doya, dell’Unità di Calcolo Neurale presso l’Okinawa Institute of Science and Technology University (OIST) in Giappone, ha ora identificato tre nuovi sottotipi di depressione. Per far luce su questo, i ricercatori hanno esaminato i dati clinici di 134 partecipanti allo studio, metà dei quali i medici avevano recentemente diagnosticato la depressione. Utilizzando questionari e analisi del sangue, gli scienziati hanno raccolto informazioni sulle storie di vita dei partecipanti, sulla salute mentale, sui modelli di sonno e su altre potenziali cause di stress nella loro vita.

Dei 134 soggetti arruolati, 67 erano soggetti depressi e 67 controlli; sono stati studiati utilizzando un set di dati ad alta dimensione, costituito da connettività funzionale a stato di riposo misurata da punteggi di questionari clinici e vari bio-markers. Gli scienziati hanno anche utilizzato la risonanza magnetica funzionale per studiare l’attività cerebrale dei partecipanti, consentendo loro di mappare 78 regioni cerebrali ed esaminare le connessioni tra queste aree. Il team ha sviluppato un nuovo metodo statistico che ha consentito ai ricercatori di abbattere oltre 3.000 funzionalità misurabili in cinque cluster di dati. Le caratteristiche misurabili includevano l’incidenza del trauma infantile e la gravità iniziale dell’episodio depressivo. Di questi cinque cluster di dati, tre corrispondevano a diversi sottotipi di depressione. L’imaging cerebrale ha rivelato che la connettività funzionale delle diverse aree del cervello che erano collegate al giro angolare prevedeva se gli SSRI trattassero efficacemente la depressione. Il giro angolare è una regione del cervello coinvolta nell’elaborazione del linguaggio, dei numeri, della cognizione spaziale e dell’attenzione.

Un problema più difficile nella depressione è l’identificazione dei suoi sottotipi. È noto che la malattia è eterogenea in termini di presentazione clinica, progressione, risposta al trattamento, genetica e neurobiologia. Questa eterogeneità ostacola i progressi nell’identificazione della causa della depressione e del suo trattamento efficace. Per superare questo problema, sono stati condotti diversi studi per identificare sottotipi di MDD in un modo guidato dai dati, basandosi su questionari clinici. La depressione resistente al trattamento (TRD) è definita come depressione in cui non è stato osservato un miglioramento clinicamente significativo a seguito dell’uso di due diversi antidepressivi. Lo studio ha rilevato che uno dei sottotipi identificati, che non rispondevano agli SSRI, era correlato con l’alta connettività funzionale e con il trauma infantile. Gli altri due sottotipi di depressione, che rispondevano bene ai farmaci, erano caratterizzati da una bassa connettività cerebrale e dall’assenza di traumi infantili. Questi risultati possono aiutare i medici a prevedere l’efficacia del trattamento della depressione sulla connettività cerebrale funzionale e l’incidenza del trauma infantile, spiegano gli autori.

Il Prof. Doya spiega la motivazione del recente studio, affermando: “È sempre stato ipotizzato che esistano diversi tipi di depressione, e influenzano l’efficacia del farmaco, ma non c’è stato alcun consenso. La principale sfida in questo studio è stata sviluppare uno strumento statistico, che potrebbe estrarre informazioni rilevanti per raggruppare soggetti simili insieme. Questo è il primo studio per identificare sottotipi di depressione dalla storia della vita e dati RMN. Esso fornisce agli scienziati che studiano gli aspetti neurobiologici della depressione una direzione promettente in cui perseguire la loro ricerca”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Tokuda T et al. Doya K. Sci Rep. 2018 Sep 20; 8(1):14082.

Yoshida K et al. Doya K. PLoS One. 2017; 12(7):e0179638.

Brakowski J et al. J Psychiatr Res. 2017 Sep; 92:147-159.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it