Tumore al seno: si confermano i casi da inquinamento stradale

 1

Gli esperti dell’Università di Stirling hanno scoperto nuove prove del legame tra inquinamento atmosferico e cancro come parte di un nuovo studio sulla salute sul lavoro. Il team, della facoltà di Scienze della Salute e dello Sport, ha analizzato il caso di una donna che ha sviluppato il cancro al seno, dopo aver trascorso 20 anni lavorando come guardia di frontiera al più trafficato confine commerciale del Nord America. La donna era una delle almeno cinque guardie di frontiera che svilupparono il cancro al seno entro 30 mesi l’una dall’altra e, in un’altra traversata vicina, fu notato un gruppo di altri sette casi. I dottori Gilbertson e Brophy si sono concentrati sul caso di risarcimento del lavoratore della donna, che è stata assunta dall’agenzia canadese dei servizi di frontiera per due decenni all’Ambassador Bridge, che attraversa il fiume Detroit tra Windsor, Ontario e Detroit, nel Michigan. Il ponte – il più trafficato confine commerciale del Nord America – fa passare ogni giorno 12.000 camion e 15.000 auto. L’inquinamento atmosferico è grave e le guardie di frontiera nelle cabine del traffico inalano molti agenti cancerogeni, compresi quelli che provocano il cancro al seno.

La donna – una delle almeno cinque colleghi che svilupparono il cancro al seno entro 30 mesi l’una dall’altra – fu diagnosticata con il suo primo attacco di cancro al seno all’età di 44 anni e la seconda a 51. In particolare, un altro gruppo di sette casi di cancro secondo punto di attraversamento, il Detroit-Windsor Tunnel, che si trova a quattro miglia dal ponte. Il gruppo di casi nel personale del ponte era 16 volte più alto del tasso nel resto del paese – c’è meno di una probabilità su 10.000 che questo possa essere accaduto per caso. Inoltre, i cluster erano caratterizzati da casi di tumore al seno che erano ad esordio precoce e premenopausale con recidive. Gli scienziati hanno analizzato le circostanze del caso – ascoltate dal Workplace Safety and Insurance Appeals Tribunal (WSIAT) – applicando i criteri di Bradford Hill – un gruppo di nove principi che sono utili per stabilire prove epidemiologiche di una relazione causale tra una causa presunta e un effetto osservato. I criteri considerano la forza, la coerenza, la specificità, la temporalità, il gradiente biologico, la plausibilità, la coerenza, l’esperimento e l’analogia.

Il caso si focalizzava sul fatto che la donna avesse una predisposizione ereditaria per sviluppare il cancro al seno a causa di geni oncosoppressori BRCA1 / 2 disfunzionali. È stato scoperto che i suoi soppressori del tumore BRCA1 / 2 non funzionavano, ma questo non era collegato ai geni ereditati. Questa condizione è nota come “BRCAness” ed è sporadica, piuttosto che un cancro al seno ereditario. Il team di Stirling ha studiato se la disfunzione fosse potenzialmente causata da esposizioni professionali all’inquinamento. Una revisione della ricerca precedente ha confermato che BRCA1 può essere “silenziato” dall’esposizione a diossine e idrocarburi policiclici aromatici, entrambi presenti nei fumi di scarico. Inoltre, altre ricerche hanno dimostrato che BRCA2 viene rapidamente degradato in presenza di aldeidi – anche componenti dei gas di scarico. I lavoratori del front-line hanno anche identificato il lavoro notturno come un potenziale fattore che contribuisce alla loro alta incidenza di cancro al seno. Drs Gilbertson e Brophy hanno valutato se il lavoro notturno potrebbe esacerbare le esposizioni agli agenti cancerogeni mammiferi nell’inquinamento atmosferico dovuto al traffico. Hanno fatto riferimento a uno studio precedente che coinvolgeva ratti che hanno scoperto che quelli esposti a luce diurna continua sviluppavano il 36% più velocemente – e avevano il 60% di tumori in più – rispetto a quelli sottoposti a un normale fotoperiodo.

Il dott. Michael Gilbertson, che ha lavorato con il collega Dott. Jim Brophy, ha dichiarato: “Le nostre scoperte hanno inferito una relazione causale tra cancro al seno ed esposizioni molto elevate all’inquinamento atmosferico dovuto al traffico di carcinogeni mammiferi. È stato anche identificato un collegamento tra il lavoro notturno e il cancro. Questa nuova ricerca indica il ruolo dell’inquinamento atmosferico dovuto al traffico nel contribuire all’incremento dell’incidenza del cancro al seno nella popolazione generale. Con questa nuova conoscenza, l’industria e il governo possono pianificare nuovi progetti per le strutture industriali e commerciali per ridurre le esposizioni occupazionali all’inquinamento atmosferico dovuto al traffico e per pianificare il lavoro a turni per ridurre al minimo l’interruzione del sonno. C’è molta più ricerca da intraprendere, ma ora abbiamo meccanismi plausibili per inferire come gli oncosoppressori BRCA1 / 2 in questa guardia di frontiera altamente esposta sono diventati disfunzionali”. Riflettendo sui dati, il Dr Gilbertson conclude: “Probabilmente questi meccanismi hanno contribuito all’epidemia in corso di carcinoma mammario pre-menopausale sporadico ad esordio precoce tra i colleghi della donna. Questi focolai di cancro al seno rappresentano una nuova malattia professionale che stiamo provvisoriamente definendo come BRCAness professionale. Ci saranno sicuramente ripercussioni sul fronte della Medicina del Lavoro, i diritti dei lavoratori e la Medicina Preventiva”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gilbertson M, Brophy J. New Solut. 2018 Nov 22. 

White AJ et al. Curr Epidemiol Rep. 2018; 5(2):92-100.

Datzmann T et al. BMC Public Health 2018; 18(1):715.

Stults WP, Wei Y. Medical Oncol. 2018 May 5; 35(6):88.

Hart JE et al. Environ Health. 2018 Mar 27; 17(1):28. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1337 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it