Facebook ed apps: per gestire Alzheimer e autismo in modo interattivo

Facebook e altri social media: fonte di equivoci, imbrogli, frodi, tradimenti, ansia, depressione quant’altro. Ma se usati correttamente, possono aiutare in certi contesti clinici.

Negli Stati Uniti, oltre 15 milioni di assistenti informali forniscono cure non pagate alle persone con malattia di Alzheimer. Fornire tale assistenza comporta i propri rischi: gli studi hanno dimostrato che i caregiver hanno tassi più alti di depressione, ansia, insonnia e malattie cardiovascolari. I ricercatori della IUPUI hanno sviluppato un’applicazione per Facebook che, come dimostra uno studio, offre un modo per fornire il supporto necessario agli assistenti non retribuiti delle persone con malattia di Alzheimer. Lo studio afferma che esiste un’opportunità significativa per contribuire a migliorare lo stress, l’onere e il sostegno del caregiver attraverso gli interventi di sostegno reciproco online. L’app è stata sviluppata nell’ambito di un’indagine su un intervento di gruppo di sostegno tra pari in cui le questioni emotive e informative emerse nel gruppo di supporto sono state rivolte agli amici di Facebook del caregiver come domande.

Gli amici di Facebook hanno quindi avuto l’opportunità di arruolarsi come membri di una rete di supporto rispondendo alle domande del gruppo di supporto. I ricercatori hanno detto che quando hanno risposto a queste domande emotive e informative, i caregiver hanno provato una sensazione di maggiore sostegno. Si ritiene che lo studio sia il primo a esaminare l’uso di Friendsourcing – una variante del crowdsourcing – per la fornitura di supporto online ai caregivers di Alzheimer. “Considerati i recenti problemi dei social media, il nostro studio fornisce prove del bene sociale che può essere ottenuto con i social media usando innovazioni di telemedicina come l’amicizia, che abbiamo sviluppato per sostenere l’accudimento dell’Alzheimer”, ha detto David Wilkerson, un assistente professore nella scuola di IU di lavoro sociale e un membro del team di ricerca di questa app di Facebook.

Tra gli adulti con disturbo dello spettro autistico (ASD), invece, un nuovo studio ha dimostrato che chi usa Facebook con moderazione, è più felice di chi non lo fa. Questo risultato non può essere generalizzato all’uso generale dei social media, tuttavia, perché lo stesso non era vero per coloro che utilizzavano Twitter, ad esempio, come riportato in un articolo pubblicato su Cyberpsychology, Behaviour e Social Networking, una rivista sottoposta a peer review da Mary Ann Liebert, Inc. editori. I coautori Deborah Ward e Karen Dill-Shackleford, la Fielding Graduate University, Santa Barbara, CA e Micah Mazurek, University of Virginia, hanno scoperto che mentre la felicità e l’uso di Facebook sono aumentati fino a un certo punto, l’effetto benefico dei social media è poi calato.

I ricercatori suggeriscono che quella capacità di interagire con gli altri su Facebook, invece che in interazioni faccia a faccia più impegnative, può aiutare a proteggere questi individui dai problemi di salute mentale associati all’ASD, come la depressione. Alcuni studi riportano che fino al 50% degli adulti con ASD hanno un disturbo d’ansia sociale concomitante. Facebook può fornire un punto di partenza sicuro per la formazione e il perfezionamento delle capacità di conversazione. Una maggiore fiducia in se stessi nelle proprie abilità, può portare alla traduzione finale di queste nuove abilità in migliori interazioni faccia a faccia. Una sorta di “preparare il terreno” agli incontri futuri per questa categoria di pazienti per i quali, data la natura della loro patologia, l’interazione diretta con altri individui può risultare una “sfida” che non viene percepita direttamente da chi sta loro intorno. La spia potrebbe essere dunque l’ansia o il loro comportamento depressivo.

Una prova ulteriore che tutto, usato con moderazione o indirizzato nel modo giusto, si comporta come dovrebbe. Lo stesso che dire che con un bicchiere di acqua ci si disseta, ma con la testa dentro un secchio pieno ci si annega.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ward DM et al. Cyberpsychol Behav Soc Netw. 2018; 21(3):205-209.

Gwynette MF, Morriss D et al. JMIR Ment Health 2017 Jan 23;4(1):e4.

Bateman DR, Brady E et al. JMIR Res Protoc. 2017 Apr 10; 6(4):e56

Martínez-Pérez B et al. Health Informatics J. 2015 Dec; 21(4):267-83.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it