lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Le potenziali complicanze della menopausa: dal rischio cardiovascolare ai problemi cognitivi

La menopausa è una parte naturale della vita che colpisce ogni donna con l’invecchiamento. Clinicamente, la menopausa nelle donne è definita da un arresto delle mestruazioni per almeno un anno, poiché la funzione ovarica e l’ovulazione sono attenuate. La strada per la menopausa può essere transitoria e naturale, o chirurgica se una donna subisce la rimozione chirurgica di parti del suo sistema riproduttivo. Nella menopausa sia transitoria che chirurgica, c’è in definitiva una marcata diminuzione dei livelli di ormoni circolanti derivati dalle ovaie. Questi ormoni steroidei, compresi gli estrogeni e il progesterone naturale, non solo mantengono e supportano la funzione riproduttiva, ma svolgono anche un ruolo chiave in numerose altre funzioni e sistemi corporei, comprese funzioni cerebrali mediate come la cognizione. In effetti, queste due classi di ormoni steroidei sono presenti, e possono anche essere sintetizzate, nel cervello, come lo sono i rispettivi recettori.

Con la menopausa, una donna può sperimentare una varietà di sintomi che incidono sulla qualità della vita. La terapia ormonale sostitutiva (HRT) può essere utilizzata clinicamente per prevenire molti sintomi indesiderati della menopausa (ad esempio disturbi vasomotori come le vampate, del sonno, atrofia vaginale, osteoporosi, ecc.). Un nuovo studio condotto dagli scienziati della Mayo Clinic ha rivelato l’associazione di isterectomia con conservazione ovarica e rischi elevati di malattie cardiovascolari e condizioni metaboliche. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Menopause. Lo studio ha arruolato 2.094 partecipanti donne della contea di Olmsted, che hanno avuto la loro isterectomia con conservazione ovarica per malattia benigna tra il 1980 e il 2002. Sono stati identificati usando il Rochester Epidemiology Project, un database medico che contiene i registri ospedalieri e ambulatoriali completi di tutti gli operatori sanitari nella Contea di Olmsted, Minnesota.

 L’età dei partecipanti secondo le date indice era di 18 anni e superiore alla data della loro isterectomia. Ogni partecipante allo studio era in età adulta con una donna che risiedeva nella stessa contea alla data dell’indice senza alcuna storia di isterectomia o di rimozione dell’ovaio. I risultati hanno identificato le precedenti condizioni cardiovascolari e metaboliche prima dell’intervento chirurgico e si sono concentrati solo sulla nuova insorgenza di malattia dopo l’isterectomia. Di 75487 donne (età media 48 anni) sottoposte a isterectomia per indicazioni ginecologiche benigne, il 42,6% sono state trattate prima e 43301 (57,4%) dopo l’avviso emesso dalla FDA. Complessivamente, le complicanze maggiori e minori sono rimaste stabili prima e dopo l’avviso emesso dalla FDA. Al contrario, tra un sottogruppo di 25571 donne (33,9%) sottoposte a isterectomia per fibromi uterini, le complicanze maggiori sono aumentate significativamente dopo l’avviso emesso dalla FDA dall’1,9% al 2,4%.

I risultati dello studio hanno mostrato un aumento del 14% del rischio di aumento dei trigliceridi, un aumento del 18% del rischio di obesità, un aumento del 13% del rischio di ipertensione e un aumento del 33% del rischio di malattia coronarica nelle donne sottoposte a isterectomia con conservazione ovarica. Inoltre, i risultati hanno anche identificato un rischio aumentato di 4,6 volte di insufficienza cardiaca congestizia e un rischio aumentato di 2,5 volte di malattia coronarica nelle donne della fascia di età di 35 anni. Questo è il primo studio ad oggi che mostra che le donne sottoposte a isterectomia hanno un rischio di malattia a lungo termine, anche quando entrambe le ovaie sono conservate. Non si conosce ancora il motivo d tale associazione, anche se apparentemente i fattori ormonali sembrano estranei. Mentre le donne sono sempre più consapevoli del fatto che la rimozione delle loro ovaie comporta rischi per la salute, questo studio suggerisce che l’isterectomia da sola comporta dei rischi, specialmente per le donne che subiscono l’isterectomia prima dei 35 anni.

Un altro studio sui ratti ha mostrato, invece, mostra che dopo l’isterectomia alcuni tipi di memoria sono interessati a breve termine. Lo studio è il primo a rivelare un legame tra l’utero e la funzione cerebrale. Ha esplorato la funzione cognitiva nei ratti con e senza isterectomia per mettere in evidenza l’influenza dell’utero sulla memoria e le capacità di pensiero, tra gli altri. Un terzo delle donne americane ha rimosso chirurgicamente il loro utero, un processo chiamato isterectomia, quando raggiungono l’età di 60 anni. Dopo l’operazione, alcune donne entrano nella menopausa precoce. Attualmente, la maggior parte dei medici considera l’utero funzionale solo se sta portando avanti una gravidanza. Questo punto di vista è messo in discussione dai risultati dello studio che suggeriscono che l’utero non gravido ha un effetto sul modo in cui funziona il cervello. Il presente studio ha esaminato vari tipi di interventi chirurgici che hanno indotto la menopausa nei ratti e ha rilevato che la procedura ha causato un impatto a breve termine sulla memoria.

Gli scienziati dello studio hanno prima introdotto un modello di isterectomia per topi, in modo da valutare come la rimozione chirurgica dell’utero condizionasse la funzionalità cerebrale. I risultati hanno mostrato che se l’utero da solo è stato rimosso chirurgicamente, la memoria a breve termine ha sofferto a breve termine, come valutato due mesi dopo. Nessuna perdita di memoria è stata rilevata quando le ovaie sono state rimosse insieme all’utero. Ciò suggeriva che la rimozione dell’utero avesse un impatto unico sulla memoria. Inoltre, i risultati potrebbero mostrare che l’utero e le ovaie formano componenti di un sistema che invia e riceve messaggi al cervello per influenzare funzioni come la cognitività. Studi condotti negli ultimi decenni indicano che estrogeni e progestinici possono influire sull’apprendimento e sulla memoria. I modelli preclinici della menopausa sono stati utili per comprendere gli effetti della perdita di estrogeni sull’apprendimento e memoria, così come gli effetti della somministrazione di ormoni esogeni, attraverso una moltitudine di parametri.

L’autrice principale dello studio, Heather Bimonte-Nelson, PhD, del Dipartimento di Psicologia presso l’Arizona State University, ha anche sottolineato che l’obiettivo principale della loro attuale ricerca era di migliorare e portare alla luce risultati ottimali per la salute delle donne durante tutta la loro vita: “Speriamo queste scoperte scientifiche di base porteranno a una maggiore attenzione sul modo in cui i diversi interventi sulla menopausa potrebbero avere un impatto sul cervello e sul suo funzionamento nelle donne, influenzando in ultima analisi la loro qualità della vita“.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Multinu F et al., JAMA Surgery 2018 Jun; 153(6):e180141.

Laughlin-Tommaso SK et al. Menopause. 2018; 25(5):483.

Prakapenka AV, Bimonte-Nelson HA. Aging 2018; 10:2541.

Prakapenka AV et al. Neurobiol Aging. 2018 Apr; 64:1-14.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Il fruttosio nelle bevande gassate? Non è come quello della frutta

Una nuova revisione degli studi esistenti pubblicati su The BMJ rivela che le bevande zuccherine contenenti fruttosio aumentano il rischio di diabete di tipo...

Crisi finanziaria e lockdown da pandemia che si intrecciano: qual’è il peso sulla salute mentale?

Gli studi hanno riportato negli ultimi anni un notevole aumento del disagio psicologico tra i residenti negli Stati Uniti e in Inghilterra, associato all'età...

Facebook ed apps: per gestire Alzheimer e autismo in modo interattivo

Facebook e altri social media: fonte di equivoci, imbrogli, frodi, tradimenti, ansia, depressione quant'altro. Ma se usati correttamente, possono aiutare in certi contesti clinici. Negli...

Questo si chiuderà in 20 secondi