Progesterone e gravidanza: serve a tutte le donne o solo a quelle con aborti ricorrenti?

Il progesterone è un ormone naturale prodotto dalle ovaie in ogni ciclo mestruale e anche dalla placenta all’inizio della gravidanza. È importante in gravidanza, dal punto di preparazione dell’utero per l’impianto dello zigote di nuova concezione, al nutrimento della gravidanza precoce e al mantenimento a lungo termine. Dall’abitudine all’aborto da 1 a 4 a 1 su 5, un evento che non è solo un evento clinico importante in termini di indagini e trattamenti richiesti, ma causa anche un profondo disagio mentale alle donne e alle loro famiglie. Il solo sistema sanitario nazionale del Regno Unito spende circa £ 350 milioni all’anno per gestire l’aborto e le sue complicanze. Il progesterone è stato un farmaco di scelta tradizionale per queste donne nella prossima gravidanza, nel primo trimestre. Tuttavia, il suo ruolo è stato controverso, con oltre 60 spighe di dibattito che non hanno risolto il problema. Anche le prove sull’utilità del progesterone in questo contesto sono state terribilmente inadeguate, rendendo difficile sviluppare una politica di ampia portata su questa gestione. Le prove PROMISE e PRISM sono state progettate per fornire prove a tal fine.

Secondo due nuovi studi dell’Università di Birmingham e del Centro Nazionale per la Ricerca sull’Aborto spontaneo, le donne che hanno sanguinamenti durante la gravidanza e che hanno avuto precedenti aborti potrebbero beneficiare di un ciclo di progesterone, con circa 8.500 bambini salvati ogni anno. Nel primo studio pubblicato sull’American Journal of Obstetrics and Gynecology, sono riassunti due importanti studi clinici sull’uso del progesterone nelle prime fasi della gravidanza. Le prove, denominate PROMISE e PRISM, sono state entrambe condotte da ricercatori di queste due istituzioni. PROMISE si basava sui risultati di quasi 840 donne con una storia di aborti ricorrenti (2 o più perdite di gravidanza in successione) senza che fosse stata trovata alcuna spiegazione. Le donne venivano visitate in 45 ospedali in varie località del Regno Unito e dei Paesi Bassi. Lo studio ha concluso che l’integrazione di progesterone ha prodotto un tasso di natalità vivo più elevato del 3%, ma il significato in termini statistici è dubbio. PRISM ha studiato oltre 4.000 donne di età compresa tra 16 e 39 anni che avevano sanguinamenti all’inizio della gravidanza, osservati in 48 ospedali del Regno Unito.

Il progesterone somministrato a madri che avevano perso una o più gravidanze precoci in precedenza ha aumentato il tasso di natalità vivo in questo gruppo al 75%, rispetto al 72% in un gruppo di controllo che ha ricevuto un placebo. Il 20% e il 22% delle donne nei gruppi progesterone e placebo, rispettivamente, hanno avuto aborti spontanei. Non è stato osservato alcun aumento di effetti avversi gravi significativi in ​​madri o bambini in entrambi i gruppi. I ricercatori hanno concluso che non vi è stato alcun beneficio nelle donne con sanguinamento in gravidanza precoce. Se l’analisi era limitata alle madri che avevano perso 3 o più gravidanze in successione, il tasso di natalità vivo era aumentato del 15% rispetto a donne simili che avevano ricevuto il placebo. Il secondo studio pubblicato nella rivista internazionale British Journal of Obstetrics & Gynecology, ha dato uno sguardo ai risultati del PRISM dal punto di vista della redditività finanziaria. I ricercatori hanno scoperto che con un costo medio di £ 204 per gravidanza, l’uso del progesterone era conveniente. La risposta ai risultati di PRISM è stata di accettazione diffusa.

Prima della pubblicazione di questi risultati, solo il 13% di un piccolo gruppo di 130 professionisti medici nel Regno Unito prescriveva il progesterone per le donne con sanguinamento in gravidanza precoce. Dopo la pubblicazione dei risultati del PRISM, la cifra è salita al 75%. In sintesi, le prove PRISM e PROMISE hanno riscontrato un effetto terapeutico piccolo ma positivo, dipendente dal numero di precedenti aborti spontanei. I ricercatori ritengono che i doppi fattori di rischio di sanguinamento in gravidanza precoce e una storia di uno o più aborti spontanei identifichino le donne ad alto rischio in cui il progesterone è di beneficio. La domanda è: come dovrebbe influire sulla pratica clinica? ”Gli scienziati stimano che questa pratica potrebbe salvare circa 8.500 bambini all’anno nel Regno Unito. Nonostante il piccolo beneficio mostrato negli studi, i ricercatori favoriscono l’uso del progesterone in base ai possibili effetti positivi. Suggeriscono di considerare di offrire alle donne con sanguinamento precoce in gravidanza e una storia di uno o più aborti precedenti un ciclo di trattamento con progesterone 400mg due volte al giorno, iniziato al momento della presentazione con sanguinamento vaginale e continuato per 16 settimane complete di gestazione.

Un’alternativa è quella di consigliare tali donne e dare loro un’attenzione speciale nella prossima gravidanza per raccogliere complicazioni della gravidanza precoce per una gestione appropriata. Rispetto a questo costoso processo, è probabile che il progesterone sia considerato un buon rapporto qualità-prezzo nella prevenzione dell’aborto. Il vicepresidente del Royal College of Obstetricians and Gynecologists, Pat O’Brien, riassume: “Questo trattamento offre una maggiore possibilità di una nascita di successo e sembra essere conveniente per il SSN, quindi speriamo che la NICE considererà questa importante ricerca nel loro prossimo aggiornamento della guida. Tuttavia, per le donne senza precedenti di aborto spontaneo, non sembra esserci alcun beneficio del trattamento. In modo rassicurante, la maggior parte delle donne che hanno avuto un aborto avrà una gravidanza e un parto di successo in futuro”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Okeke Ogwulu CB et al.  Br J Obstet Gynecol 2020 Jan 30. 

Deems N et al. Front Neuroendocrin. 2020 Jan 24:100820. 

Hezelgrave NL et al. BMC Pregn Childbirth 2016; 16(1):358.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1957 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it