Telefoni cellulari e tumore tiroideo: gli studi e le associazioni con la genetica

I tassi di cancro alla tiroide sono in costante aumento negli Stati Uniti e in molte altre parti del mondo. Mentre il tasso di incidenza è costantemente aumentato, il tasso di mortalità è rimasto relativamente stabile a 0,5 / 100.000 sia nel 1980 che nel 2013. Secondo il rapporto più recente dell’American Cancer Society, ci sono stati quasi 53.000 nuovi casi di cancro alla tiroide negli Stati Uniti, con conseguente in 2.180 morti. Il cancro alla tiroide è tre volte più comune nelle donne e viene diagnosticato in giovane età rispetto alla maggior parte degli altri tumori. La ghiandola tiroidea è sensibile alle radiazioni ionizzanti; gli effetti delle radiazioni non ionizzanti (NIR), tuttavia, rimangono sotto investigati. I telefoni cellulari emettono energia in radiofrequenza, una forma di NIR che ha abbastanza energia per riscaldare e far vibrare le molecole, ma manca di energia sufficiente per rimuovere gli elettroni da atomi e molecole e rompere i legami molecolari. Tuttavia, prove da studi in vitro suggeriscono anche che la NIR può portare a livelli più elevati di specie reattive dell’ossigeno nelle cellule del sangue umano, nelle cellule neuronali e negli spermatozoi, aumentando lo stress ossidativo e causando danni al DNA.

Una recensione pubblicata lo scorso anno da un gruppo di ricerca indipendente ha analizzato la letteratura scientifica e 22 studi (compresi 7182 casi) sono stati inclusi in una sintesi qualitativa per determinare gli effetti del NIR sulla ghiandola tiroidea. Dei 22 studi inclusi, 11 studi hanno riportato cambiamenti nei livelli di T3 e T4 (sei hanno riportato una diminuzione dei livelli di T3 e uno ha riportato un aumento); inoltre, cinque hanno riscontrato una riduzione dei livelli di T4 e due studi un livello aumentato. In altri 10 studi, è stata segnalata un’alterazione del TSH. Di questi, due studi hanno riportato una diminuzione del livello di TSH e uno ha riportato un aumento dei livelli ormonali, mentre negli studi rimanenti sono stati riportati cambiamenti non significativi. Infine, sette studi hanno esaminato i cambiamenti istologici nei follicoli della tiroide e hanno dimostrato che il volume di queste cellule era ridotto. Sulla base delle predette prove, la riduzione del diametro dei follicoli tiroidei è potenzialmente collegata alla radiazione del telefono cellulare. L’esposizione può influenzare negativamente l’assorbimento di iodio nella ghiandola tiroidea o aumentare l’effetto della temperatura sulla ghiandola tiroidea; questo, tuttavia, non è definitivo.

Secondo un nuovo studio condotto dalla Yale School of Public Health, le radiazioni dei telefoni cellulari sembrano associate a tassi più elevati di cancro alla tiroide tra le persone con variazioni genetiche in geni specifici, Nel nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato oltre 900 persone in Connecticut e hanno scoperto che quelli con determinati polimorfismi a singolo nucleotide (variazioni genetiche comunemente note come SNP) avevano significativamente più probabilità di sviluppare il cancro nella tiroide. Gli utenti di telefoni cellulari con SNP in quattro dei geni studiati avevano più di due volte probabilità di sviluppare il cancro. I ricercatori hanno esaminato un totale di 176 geni e identificato 10 SNP che sembrano aumentare il rischio di cancro alla tiroide tra gli utenti di telefoni cellulari. Pubblicato sulla rivista Environmental Research, si ritiene che lo studio sia il primo a esaminare l’influenza combinata della suscettibilità genetica e dell’uso del telefono cellulare in relazione al carcinoma tiroideo. I risultati suggeriscono che la suscettibilità genetica gioca un ruolo importante nell’uso del telefono cellulare e nel rischio di sviluppare il cancro alla tiroide e potrebbe aiutare a identificare sottogruppi potenzialmente a rischio.

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati e comprendere meglio l’interazione tra radiazione del telefono cellulare e SNP all’interno di geni specifici. Potrebbe esserci solo un importante fattore limitante della ricerca: lo studio si è basato sui dati raccolti dal 2010 al 2011 quando gli smartphone sono stati introdotti sul mercato per la prima volta. All’epoca solo una piccola parte delle persone aveva smartphone. Pertanto, se l’uso del telefono cellulare ha aumentato il rischio di cancro alla tiroide, è stato probabilmente dovuto all’uso di telefoni cellulari di generazione precedente che erano più comunemente usati quando i dati sono stati raccolti. Inoltre, il passaggio agli smartphone ha visto anche un grande cambiamento nel modo in cui vengono utilizzati i telefoni cellulari (ad esempio, messaggi di testo o chiamate telefoniche). Di conseguenza, i risultati di questo studio attuale giustificano un’ulteriore valutazione in studi futuri. Yawei Zhang, MD, PhD, professore presso il Dipartimento di Scienze della Salute ambientale presso la Yale School of Public Health, ha concluso: “Il nostro studio fornisce prove che la suscettibilità genetica influenza il rapporto tra l’uso del telefono cellulare e il cancro alla tiroide. Sono necessari ulteriori studi per identificare le popolazioni suscettibili alle radiazioni a radiofrequenza e comprendere l’esposizione a queste radiazioni mediante diversi schemi di utilizzo dei telefoni cellulari”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Luo J et al., Zhang Y. Environ Res. 2020 Mar; 182:109013. 

Asl JF et al. Environ Sci Pollut Res Int. 2019; 26:18017-031. 

Luo J et al., Zhang Y. Ann Epidemiol. 2019 Jan; 29:39-45.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it