giovedì, Giugno 1, 2023

Il congresso reumatologico europeo...

EULAR - l'Alleanza Europea delle Associazioni di Reumatologia - lavora su un ampio...

How cannabis impacts youngsters...

The rate of cannabis use is higher among university students between 18 and...

Come fa lo stress...

Lo stress psicologico influisce profondamente sulle risposte infiammatorie. L'impatto dello stress psicologico sulla...

L’endotossina batterica come causa...

Oltre ai batteri residenti nell'intestino, le infezioni batteriche, come la parodontite (malattia gengivale),...
HomeBIOMEDICINA & SALUTEInnovazione anticancro: la...

Innovazione anticancro: la vitamina C diventa efficace se si toglie il grosso delle calorie

Dosi farmacologiche di vitamina C (acido ascorbico) sono state proposte come potenziale terapia antitumorale secondo diversi studi preclinici e clinici. Studi recenti indicano che i tumori col gene K-RAS mutato possono mostrare una maggiore suscettibilità agli effetti antitumorali della vitamina C, rendendo così questo composto generalmente non tossico un’arma potenziale contro questo tipo di tumore aggressivo. La vitamina C ad alte dosi può esercitare i suoi effetti antitumorali attraverso reazioni pro-ossidanti, che causano la formazione di perossido di idrogeno e radicali idrossilici attraverso la chimica di Fenton. A loro volta, queste specie reattive dell’ossigeno (ROS) causano danni alle macromolecole, portando così alla morte cellulare. L’azione pro-ossidante della vitamina C dipende strettamente dalla chimica redox degli ioni metallici. In particolare, il ferro libero ha dimostrato di essere un attore chiave negli effetti citotossici indotti dalla vitamina C.

Le cellule tumorali mutanti del K-RAS si basano su alti livelli di ROS e su un pool di ferro labile per sostenere la loro crescita. Inoltre, l’attivazione oncogenica di RAS aumenta ulteriormente il contenuto di ferro cellulare aumentando la regolazione delle proteine di assorbimento del ferro, come il recettore della transferrina (Trf1), e sottoregolando le proteine di esportazione e conservazione del ferro, in particolare la ferritina. Ora, gli scienziati dell’USC e dell’IFOM Cancer Institute di Milano hanno scoperto che una dieta che imita il digiuno potrebbe essere più efficace nel trattamento di alcuni tipi di cancro quando combinato con vitamina C. Il Dr. Longo e i suoi colleghi hanno rilevato questo forte effetto solo nelle cellule tumorali che avevano una mutazione che è considerata uno degli obiettivi più impegnativi nella ricerca sul cancro. Queste mutazioni del gene K-RAS segnalano che il corpo sta resistendo alla maggior parte dei trattamenti antitumorali e riducono il tasso di sopravvivenza di un paziente.

Le mutazioni del K-RAS si verificano in circa un quarto di tutti i tumori umani e si stima che si verifichino fino alla metà di tutti i tumori del colon-retto. Lo studio ha anche fornito indizi sul perché precedenti studi sulla vitamina C come potenziale terapia antitumorale avevano mostrato un’efficacia limitata. Di per sé, un trattamento con vitamina C sembra innescare le cellule mutate dal K-RAS per proteggere le cellule tumorali aumentando i livelli di ferritina, una proteina che lega il ferro. Ma riducendo i livelli di ferritina, gli scienziati sono riusciti ad aumentare la tossicità della vitamina C per le cellule tumorali. In base a questa scoperta, gli scienziati hanno anche scoperto che i pazienti con carcinoma del colon-retto con alti livelli di proteine leganti il ferro hanno minori possibilità di sopravvivenza. Tuttavia, i cicli dietetici che imitano il digiuno sono in grado di aumentare l’effetto delle dosi farmacologiche di vitamina C contro i tumori con mutazione K-RAS.

Ciò sembra avvenire attraverso un’interazione tra ferro e vieni meccanismi molecolari coinvolti nello stress ossidativo. I risultati hanno indicato in particolare un gene che regola i livelli di ferro: eme-ossigenasi-1 (HO-1), che è indotto dal ROS. I precedenti studi del team di ricerca hanno dimostrato che il digiuno e una dieta che imitano il digiuno rallentano la progressione del cancro e rendono la chemioterapia più efficace nelle cellule tumorali, proteggendo le cellule normali dagli effetti collaterali associati alla chemioterapia. La combinazione migliora la risposta antitumorale del sistema immunitario nei modelli di topo con carcinoma mammario e melanoma. Gli scienziati ritengono che il cancro alla fine sarà trattato con farmaci a bassa tossicità in un modo simile a come gli antibiotici sono usati per trattare infezioni che uccidono determinati batteri, ma che possono essere sostituiti da altri farmaci se il primo non è efficace.

Per raggiungere questo obiettivo, affermano di dover prima verificare due ipotesi: che i loro interventi di combinazione non tossici funzionerebbero nei topi e che sembrerebbe promettente per gli studi clinici sull’uomo. In questo nuovo studio, gli scienziati hanno dimostrato entrambi. Almeno cinque studi clinici, incluso uno presso l’USC su pazienti affetti da carcinoma mammario e carcinoma prostatico, stanno attualmente studiando gli effetti delle diete che imitano il digiuno in combinazione con diversi farmaci antitumorali. I ricercatori hanno affermato che mentre il digiuno rimane un’opzione stimolante per i malati di cancro, un’opzione più sicura e più fattibile è una dieta a basso contenuto calorico a base vegetale che induce le cellule a rispondere come se il corpo stesse digiunando. I loro risultati suggeriscono che un trattamento a bassa tossicità della dieta che imita il digiuno più la vitamina C ha il potenziale per sostituire i trattamenti più tossici.

Il professor Valter Longo, direttore dell’USC Longevity Institute, ha spiegato e commentato: “Il nostro primo esperimento in vitro ha mostrato effetti notevoli. Se usato da solo, dieta a digiuno o vitamina C da sola ha ridotto la crescita delle cellule tumorali causando un lieve aumento della morte delle cellule tumorali. Ma se usati insieme, hanno avuto un effetto drammatico, uccidendo quasi tutte le cellule cancerose. La loro tossicità potrebbe in effetti essere bloccata da forti antiossidanti come il glutatione o potenti anti-ROS come l’enzima SOD2 o catalasi. la prima volta, abbiamo dimostrato come un intervento completamente atossico possa efficacemente curare un cancro aggressivo e abbiamo preso due trattamenti che sono stati ampiamente studiati come interventi per ritardare l’invecchiamento – una dieta a digiuno e la vitamina C – e li abbiamo combinati in un potente trattamento per il cancro”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Di Tano M et al., Longo VD. Nat Commun. 2020; 11(1):2332.

Nencioni A et al. Nat Rev Cancer. 2018 Nov; 18(11):707-719.

Buono R, Longo VD. Trends Endocrinol Metab. 2018; 29(4):271.

Get notified whenever we post something new!

Continua a leggere

Il congresso reumatologico europeo EULAR 2023: novità cliniche per autoimmunità e non solo

EULAR - l'Alleanza Europea delle Associazioni di Reumatologia - lavora su un ampio spettro di malattie autoimmuni e autoinfiammatorie. Quest'anno l'EULAR ha tenuto il suo congresso annuale 2023 a Milano. È stato descritto un aumento dell'incidenza di queste patologie,...

How cannabis impacts youngsters on their emotional continence: are females more vulnerable?

The rate of cannabis use is higher among university students between 18 and 21 years of age. In both 2018 and 2019, the annual prevalence of cannabis use in the United States college population reached its highest rate in...

Come fa lo stress cronico a far spuntare la colite? I risultati di un lavoro ultraspecialistico

Lo stress psicologico influisce profondamente sulle risposte infiammatorie. L'impatto dello stress psicologico sulla gravità della malattia è particolarmente notevole nella malattia infiammatoria intestinale (IBD). Vari studi epidemiologici supportano che gli eventi stressanti possono aggravare le riacutizzazioni della IBD. Tuttavia,...