venerdì, Giugno 14, 2024

La via molecolare CTLA4-IL23: un dialogo insospettato che apre nuove possibilità contro cancro e autoimmunità

Il sistema immunitario ha molti percorsi per proteggere il...

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Colazione e i suoi “skipper”: una recensione mette sul piatto le grosse differenze nutrizionali

Tradizionalmente, la colazione è stata identificata come il “pasto più importante della giornata” ed è considerata una componente importante di una dieta sana. Tuttavia, la colazione è il pasto più spesso saltato da bambini e adolescenti. Attualmente non c’è consenso su una definizione di colazione che tenga in considerazione il tempo di consumo, il suo contenuto energetico o gli alimenti e le bevande inclusi. Ad esempio, in una recensione precedente, la colazione è stata definita come “il primo pasto della giornata che interrompe lo stato di digiuno dopo il periodo di sonno più lungo, viene consumato entro 2 o 3 ore dal risveglio; ed è composto da cibo o bevanda di almeno un gruppo alimentare e può essere consumato in qualsiasi luogo. Il consumo della colazione si è sviluppato nel tempo a seconda della cultura, delle abitudini alimentari e della disponibilità di cibo. Inoltre, nel mondo vengono adottate diverse abitudini alimentari per la colazione.

La colazione è stata associata alla salute generale, che include un’elevata adeguatezza nutritiva quotidiana e un basso rischio di malattie croniche (diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari, ecc.). La distribuzione ottimale dell’apporto energetico totale nell’arco della giornata è ancora oggetto di dibattito; tuttavia, alcuni autori indicano che nei bambini in età scolare, la colazione dovrebbe fornire il 20% della quota energetica giornaliera totale. Nello studio di Faci et al., è stato osservato che i bambini che consumavano più del 20% delle calorie totali a colazione avevano una migliore distribuzione totale dei macronutrienti, che è in accordo con le raccomandazioni internazionali, inclusa una buona distribuzione dei macronutrienti (55-75% dei carboidrati, 15-30% di grassi e 10-15% di proteine). Alcuni studi hanno anche riportato associazioni tra saltare la colazione e tendenza ad ingrassare nei bambini.

Ad esempio, negli adolescenti europei, coloro che sono abituati a consumare regolarmente la colazione avevano una percentuale di grasso corporeo bassa e un profilo cardiovascolare sano rispetto a quelli che la saltavano, soprattutto nei maschi. Anche la composizione della colazione è stata analizzata da diversi autori, compresi i latticini, il cibo più frequentemente consumato a colazione da bambini e adolescenti. In uno studio precedente, gli autori hanno anche suggerito che le caratteristiche di un modello dietetico sano (DP) includono il consumo regolare di frutta a colazione. Tuttavia, solo il 3% circa dei bambini e degli adolescenti è abituato a consumare frutta a colazione. Saltare la colazione è stato anche collegato a diverse funzioni cognitive ridotte, come il rendimento scolastico nei bambini, a causa delle difficoltà di apprendimento in alfabetizzazione e matematica.

Una recensione metanalitica pubblicata nel 2020 su decine di studi trattanti il problema, ha sommarizzato le varie abitudini di colazione e l’effetto sulle capacità di distribuire i macronutrienti e sfruttarli nel corso della giornata. Le associazioni tra il consumo di colazione e l’apporto energetico totale sono state valutate in 30 studi e 18 hanno presentato associazioni significative. Otto studi hanno concluso che i consumatori di colazione avevano un apporto energetico giornaliero maggiore rispetto agli skipper della colazione. Secondo diversi studi inclusi, il consumo di preparati a base di cereali è positivamente associato all’assunzione totale di carboidrati. Nel complesso, è stato riscontrato che il consumo della colazione è associato a una maggiore assunzione di fibre. Le associazioni tra colazione e assunzione di proteine complessive non erano significative in molti studi.

Sei studi hanno concluso che i consumatori di cereali avevano un apporto proteico maggiore rispetto ai non consumatori, quattro studi hanno osservato che i consumatori della colazione avevano un apporto proteico maggiore rispetto agli skipper della colazione e un altro studio ha concluso che il consumo della colazione è correlato a un basso apporto proteico. L’assunzione di grassi è stata valutata in 30 studi e 22 di loro hanno osservato associazioni significative. Quindi, 11 studi hanno scoperto che i consumatori di cereali avevano un apporto di grassi inferiore rispetto ai non consumatori. Cinque studi hanno scoperto che il consumo della colazione era associato a un basso apporto totale di grassi. Uno studio ha osservato che quegli adolescenti con una colazione di alta qualità avevano un apporto di grassi inferiore rispetto a quegli adolescenti che di solito saltano la colazione o facevano una colazione di bassa qualità.

Tuttavia, tre studi hanno dimostrato che chi faceva colazione aveva un apporto di grassi maggiore rispetto a chi saltava la colazione. L’assunzione di acidi grassi saturi è stata valutata in 18 studi, ma solo 6 studi hanno mostrato associazioni significative. Gli acidi grassi polinsaturi sono stati valutati in 10 studi e 7 di loro hanno osservato associazioni significative. Tre studi hanno osservato che i consumatori di una colazione non a base di cereali avevano un’assunzione totale di acidi insaturi maggiore rispetto ai consumatori di cereali. Per quanto riguarda le associazioni tra il consumo della colazione e l’assunzione di cibi e bevande, il consumo di latte e latticini è stato valutato in otto studi e sette di loro hanno osservato associazioni significative. Due studi hanno osservato che i consumatori di cereali avevano un consumo maggiore di latte e prodotti lattiero-caseari rispetto ai non consumatori.

D’altra parte, tre studi hanno dimostrato che i consumatori di colazione avevano un consumo giornaliero di latticini maggiore rispetto a chi la saltava (skippers). In conclusione, i bambini che di solito saltano la colazione avevano un introito calorico (Kcal) giornaliero inferiore rispetto ai bambini che di solito fanno colazione con i cereali. I bambini che consumano abitualmente la colazione hanno un apporto proteico maggiore rispetto a quelli che normalmente saltano la colazione (cereali o altro tipo di colazione). Ciò può essere spiegato dal fatto che i prodotti lattiero-caseari sono uno degli alimenti più comunemente consumati dai bambini a colazione negli Stati Uniti, in Canada e in Europa e che forniscono elevate quantità di proteine. Ciò è in linea con altri autori che hanno anche osservato che il consumo frequente di latticini è associato a un elevato apporto di proteine e a un migliore apporto di nutrienti in bambini, adolescenti e adulti.

Saltare la colazione potrebbe favorire la fame al mattino e, di conseguenza, aumentare il consumo di merendine. Tuttavia, la maggior parte degli snack consumati da bambini e adolescenti è ricca di grassi e zuccheri aggiunti e, relativamente povero di proteine e sicuramente povero di vitamine e minerali; per questo motivo, questo potrebbe essere collegato a un pattern alimentare meno sano.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Jimenez-Legarre N et al. Nutrients. 2020; 12(8):2460.

Fulgoni VL et al. Nutrients 2019 Apr 27; 11(5):964.

Okada C et al. Int J Obes. 2018; 42(10):1724-32.

Priebe NG et al. PLoS One 2016; 11(10):e0164931.

Michels N et al. Eur J Nutr 2015 Jun; 54(4):653-64.

Latest

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Newsletter

Don't miss

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Quando un oncogene non lavora come dovrebbe: il caso di c-Jun nel cancro della prostata

Uno studio internazionale condotto dagli scienziati della MedUni Vienna...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

L’uso dei gastroprotettori predispone alla malattia renale? Un’analisi aggiornata sembra smentire

Gli inibitori della pompa protonica, volgarmente definiti “gastroprotettori” (GAP), sono uno dei farmaci più comuni utilizzati per gestire la gastrite cronica e la malattia...

Gli anticorpi come causa di dolore: un balzo al di là delle nozioni del secolo scorso

Gli anticorpi (immunoglobuline, Ig) sono una classe speciale di glicoproteine presentate sulla superficie delle cellule B come recettori legati allamembrana e nel siero del...

Revisione sul mal di schiena cronico: la conoscenza dei dati globali per la ricerca di benessere e prevenzione

La lombalgia è una causa significativa di disabilità a livello globale e un problema costoso, con la spesa sanitaria in aumento ogni anno. Viene...

Questo si chiuderà in 20 secondi