sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Caduta dei capelli da carenze nutrizionali: il caso di ferro e vitamina D

Introduzione

I medici stanno ancora definendo la relazione tra anemia da carenza di ferro e perdita di capelli. Questo perché la caduta di capelli può avere più fattori che contribuiscono tra cui la genetica, che fra l’altro non è ancora stata esplorata in questo senso. I sintomi dell’anemia sideropenica comprendono: pelle pallida, mancanza di energia, battito cardiaco accelerato, fiato corto e mal di lingua. Mentre la perdita dei capelli non è un tipico sintomo dell’anemia da carenza di ferro, alcune persone potrebbero sperimentarlo. Se una persona sospetta che i suoi livelli di ferro potrebbero essere bassi, dovrebbe visitare un medico per eseguire esami del sangue e determinare il grado di anemia. Tuttavia, i medici sanno che la carenza di ferro può avere un ruolo perché molte persone, che soffrono di perdita di capelli, hanno depositi di ferro inferiori a coloro che non li perdono.

Meccanismi

Idealmente, aumentando le riserve di ferro, si può vedere un miglioramento nella crescita dei capelli così come qualsiasi sintomo di anemia da carenza di ferro. I medici non sono sicuri del motivo per cui alcune persone che soffrono di perdita di capelli hanno poche riserve di ferro. Sanno, tuttavia, che il ferro è un componente essenziale in un enzima chiamato ribonucleotide reduttasi (RDPR). Questo enzima aiuta la crescita cellulare costruendo basi nucleotidiche necessarie per la sintesi del DNA. Secondo alcune ricerche, le cellule del follicolo pilifero possono essere particolarmente sensibili ai livelli decrescenti di ferro e potrebbero non essere in grado di coltivare nuove cellule altrettanto efficacemente quando le riserve di ferro sono basse. Il ferro svolge un ruolo cruciale nel produrre l’emoglobina, un composto che trasporta l’ossigeno alle cellule. È anche possibile che meno apporto di sangue attraverso i capillari dei follicoli piliferi, indebolisce i follicoli stessi fino al punto di far cadere il capello.

Carenza di ferro e perdita di capelli

La maggior parte degli studi relativi all’anemia da carenza di ferro e alla perdita di capelli analizzano la perdita di capelli nelle donne. La perdita dei capelli di tipo femminile, nota anche come alopecia androgenetica, è il tipo di perdita di capelli più comune nelle donne. La perdita dei capelli di tipo femminile di solito si riferisce al diradamento dei capelli nella parte centrale del cuoio capelluto. Le persone con questo schema di perdita di capelli possono anche avere i capelli sfoltire o sfuggente sull’attaccatura dei capelli lungo la fronte. La ricerca ha determinato che non ci sono prove sufficienti, per dire con certezza che l’anemia da carenza di ferro può causare la perdita di capelli negli uomini o nelle donne.

Mentre alcuni studi hanno scoperto che le persone che soffrono di perdita di capelli erano carenti di ferro, ci sono poche prove che suggeriscano che una carenza di ferro sia la causa reale. Tuttavia, la ricerca suggerisce che la perdita di capelli da carenza di ferro, sembra essere correlata alla perdita di capelli che non cicatrizza i follicoli piliferi. Questo è promettente per la ricrescita, perché significa che i follicoli non sono gravemente danneggiati e potrebbero essere in grado di far crescere di nuovo i capelli.

Trattare la perdita di capelli

Indipendentemente dalla carenza di ferro, i medici possono consigliare molti trattamenti alle persone che soffrono di perdita di capelli, tra cui minoxidil, inibitori della 5-alfa-reduttasi: farmaci come la finasteride (Proscar) che sono inibitori della 5-alfa-riduttasi e le tecniche di impianto controllato. I medici sono continuamente alla ricerca di nuove tecniche per ripristinare la crescita dei capelli. Un’ultima novità è il trattamento con plasma ricco di piastrine (PRP). Ciò comporta la separazione delle piastrine da un campione del sangue di una persona utilizzando un separatore computerizzato, quindi l’iniezione di queste piastrine in aree del cuoio capelluto interessate dalla caduta dei capelli. I medici ritengono che le piastrine contengano una quantità significativa di fattori di crescita, che possono aiutare a stimolare la crescita dei capelli. La ricerca in uno studio ha rilevato che le donne che hanno ricevuto iniezioni di PRP hanno visto aumentare la densità e lo spessore dei loro capelli dopo 6 mesi. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per dimostrare l’efficacia della PRP.

Trattamento della carenza di ferro

La ricerca afferma che non ci sono prove sufficienti a suggerire che l’assunzione di supplementi di ferro aiuterà una persona con la perdita di capelli a crescere nuovi capelli se ha l’anemia da carenza di ferro. Tuttavia, ci sono molti altri trattamenti di ricrescita dei capelli disponibili. Le persone con la perdita dei capelli dovrebbero parlare con il loro medico sulle opzioni di trattamento. Se una persona ha bassi depositi di ferro, aumentando il consumo di ferro probabilmente li aiuterà a sentirsi meglio nel complesso. Integratori a base di ferro possono essere raccomandati come trattamento per l’anemia da carenza di ferro. I trattamenti per l’anemia da carenza di ferro includono:

Integratori con ferro: le forme liposomiali di recente concezione sono le migliori ad essere assorbite, per via della migliore biodisponibilità rispetto alle preparazioni del passato. Le forme endovenose sono adatte solo a coloro che hanno gravi disfunzioni organiche, incapacità a deglutire (es. esiti di ictus) o malassorbimenti gravi (da forme severe di malattie infiammatorie intestinali, ovvero morbo di Crohn e simili.

Variazioni nella dieta: consumare più ferro nella dieta può anche aiutare ad aumentare i livelli. Gli alimenti più ricchi di ferro includono carne rossa, pollo e le frattaglie. Fra queste il fegato sicuramente sta in cima. Il cacao amaro è estremamente ricco di questo elemento (14mg/100g). I legumi hanno nel complesso un buon contenuto di ferro, ma non stanno in cima alla scala alimentare. Da evitare, invece, alimenti che contengono sostanze che sequestrano il ferro, rendendolo insolubile. Fra questi i pomodori, ricchi di acido ossalico, ed il thè che con le sue catechine rende il gli ioni ferro inassorbibili a livello delle mucose intestinali.

==============

Vitamina D e salute dei capelli

Ci sono alcune prove che avere una carenza di vitamina D provoca la perdita di capelli e altri problemi ai capelli. La vitamina D stimola la crescita dei follicoli piliferi e quindi quando il corpo non ne ha abbastanza, i peli possono risentirne. Una carenza di vitamina D può anche essere legata all’alopecia areata, una condizione autoimmune che causa la perdita di capelli a chiazze. La ricerca mostra che le persone con alopecia areata hanno livelli molto più bassi di vitamina D rispetto alle persone che non hanno l’alopecia. Una meta-analisi appena pubblicata ha condotto una revisione degli effetti della vitamina D nell’alopecia areata. Su un totale di 1255 soggetti affetti comparati con 784 controlli (raggruppati da 14 studi clinici), chi era affetto da alopecia era in netta carenza di questa vitamina (Lee S et al. 2018). La carenza di vitamina D può anche avere un ruolo nella caduta dei capelli nelle persone senza alopecia (Gerkowicz et al. 2017). Altre ricerche mostrano che le donne che hanno altre forme di perdita di capelli hanno anche livelli più bassi di vitamina D. La vitamina D svolge un ruolo nella creazione di nuovi follicoli piliferi, soprattutto la loro maturazione cellulare. I nuovi follicoli possono aiutare i capelli a mantenere lo spessore ed evitare che i capelli esistenti cadano prematuramente. A causa di questo collegamento, l’assunzione di quantità adeguate di vitamina D può favorire la crescita e la ricrescita dei capelli.

Trattamento

Gli integratori a base di vitamina D sono il trattamento più efficace per una carenza di vitamina D. La ricerca suggerisce che quando una persona è carente di vitamina D, il trattamento più efficace è per loro di assumere integratori di vitamina D. Gli integratori di vitamina D devono essere assunti con i pasti, in particolare quelli con molti grassi salutari. Il grasso aiuta la vitamina D ad essere assorbita nel corpo. Buone fonti di grassi alimentari includono: alcuni pesci, come salmone, trota e sardine; formaggio, avocado, uova, noci e semi di chia. Gli integratori sono disponibili in una varietà di forme. Alcuni possono essere presi ogni giorno, una volta alla settimana o una volta al mese. La Endocrine Society raccomanda che gli adulti di età compresa tra i 19 e i 55 anni ricevano 600 UI di vitamina D al giorno; mentre gli adulti di età superiore a 55 anni, ne ricevano tra 600 e 800 UI al giorno. Infine, hanno raccomandato tra 400 e 600 UI al giorno di vitamina D per i bambini. Nei casi in cui una condizione sottostante sta causando il deficit, la condizione dovrà essere trattata. Sia il Crohn che la celiachia possono causare una carenza di vitamina D, poiché bloccano parzialmente o completamente l’assorbimento della vitamina D dal cibo.

Prevenzione

La prima difesa di una persona contro la caduta dei capelli causata da una carenza di vitamina D è di circa 30 minuti al giorno sotto il sole e di alimenti ricchi di vitamina D. Per carenze lievi, può anche essere utile aumentare la quantità di tempo trascorso al sole. Una persona può anche voler aggiungere un supplemento di vitamina D alla sua routine alimentare quotidiana. I capelli fragili o radi, richiedono un trattamento delicato, quindi chiunque abbia la perdita dei capelli può prevenire ulteriori rotture: non tirando i capelli durante la spazzolatura, evitando code di cavallo (per le donne) e altre acconciature strette e usando un balsamo delicato su base erboristica.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lee S, Kim BJ et al. Eur Acad Dermatol Venereol. 2018 Apr 6.

Bhat YJ et al. Indian J Dermatol. 2017 Jul-Aug; 62(4):407-410.

Erpolat S et al. Postepy Dermatol Alergol. 2017; 34(3):248-252.

Gerkowicz A et al., Chodorowska G. Int J Mol Sci. 2017; 18(12).

Patel D et al. Curr Treat Options Gastroenterol. 2018;16(1):112.

De Franceschi L et al. Eur J Intern Med. 2017 Jul; 42:16-23.

DeLoughery TG. Med Clin North Am. 2017 Mar; 101(2):319-332.

Grzywacz A et al. Acta Pol Pharm. 2017; 74(1):13-24. Review.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Squalamina: dal pescecane una nuova arma contro il Parkinson

Un composto chimico trovato negli squali pescecane, ha il potenziale per ridurre la formazione di proteine ​​tossiche legate allo sviluppo del morbo di Parkinson,...

Sclerosi multipla: è ora di rinnovare gli oligo staminali

La sclerosi multipla è la malattia autoimmune più comune del sistema nervoso centrale. Le stime suggeriscono che più di 200.000 persone sono affette dalla...

Alcolismo e Alzheimer: scoperta una modalità per andare “fuori di testa”

Nel cervello, l'Alzheimer è caratterizzato dalla formazione di placche beta-amiloidi. Questi ammassi appiccicosi della proteina beta-amiloide interferiscono con i segnali trasmessi tra le cellule...

Questo si chiuderà in 20 secondi