lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Stress psicologico e fertilità: come coinvolge maggiormente le donne

La funzione mestruale ha un ruolo centrale nella salute fisica e riproduttiva delle donne. Disturbi mestruali sono stati associati a esiti avversi per la salute, tra cui un aumento dei rischi per malattia coronarica, diabete di tipo 2, patologia cardiometabolica e fecondabilità ridotta. Pertanto, è importante identificare i fattori associati alla disfunzione del ciclo mestruale. Depressione e disturbi ansiosi sono tra le principali cause di anni di vita persi a causa di mortalità prematura o disabilità negli Stati Uniti. C’è un rapporto 2:1 da femmina a maschio nella prevalenza di questi disturbi. Depressione e disturbi d’ansia sono associati alla disregolazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), che può ritardare o impedire l’aumento dell’ormone luteinizzante (LH) e alterare la funzione ovarica. Studi trasversali hanno trovato associazioni tra depressione e mestruazioni irregolari, mestruazioni dolorose e più pesanti e anovulazione. In uno studio prospettico di coorte, alti livelli di stress percepiti erano associati ad un’aumentata probabilità di anovulazione.

Infine, alcuni farmaci psicotropi (es. valproato) possono indurre la sindrome dell’ovaio policistico. Questi risultati indicano che i sintomi di salute mentale e i loro trattamenti possono influenzare negativamente la funzione mestruale. In Nord America, dal 20 al 25% delle donne e dal 18% al 21% degli uomini in età riproduttiva riferiscono stress psicologico quotidiano. Sebbene la ricerca precedente abbia suggerito che lo stress può ridurre le probabilità di concepimento, pochi studi hanno esaminato questa associazione tra le coppie della popolazione generale. Per esempio, uno studio condotto da ricercatori della Scuola di Sanità Pubblica di Boston (BUSPH) rileva che livelli più elevati di stress sono associati a minori probabilità di concepimento per le donne, ma non per gli uomini. I ricercatori hanno utilizzato i dati del Pregnancy Study Online (PRESTO), una coorte preconcepita in corso di pianificatori nordamericani che seguono le coppie per 12 mesi o fino alla gravidanza, a seconda di cosa succeda prima.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno seguito 4.769 donne e 1.272 uomini che non avevano una storia di infertilità e non avevano cercato di concepire per più di sei cicli mestruali. I ricercatori hanno misurato lo stress percepito utilizzando la versione a 10elementi della scala di stress percepita (PSS), che è progettata per valutare quanto imprevedibile, incontrollabile e travolgente un individuo trova le sue circostanze di vita. I questionari di base includevano anche una serie di fattori demografici e comportamentali, tra cui razza / etnia, reddito familiare, dieta, sonno e frequenza dei rapporti. In media, i punteggi PSS al basale erano di circa 1 punto più alto tra le donne rispetto agli uomini e il punteggio medio di follow-up dei PSS tra le donne rimaneva piuttosto costante nei 12 mesi in cui hanno partecipato allo studio. I ricercatori hanno riscontrato che le donne con punteggi PSS di almeno 25 avevano una probabilità di concepimento inferiore del 13% rispetto alle donne con punteggi PSS inferiori a 10.

Questa associazione era più forte tra le donne che avevano cercato di concepire per non più di due cicli mestruali prima di aderire a PRESTO che tra donne che avevano provato per tre o più cicli prima di iscriversi. L’associazione era anche più forte tra le donne sotto i 35 anni. I ricercatori hanno scoperto che, se il legame tra livelli più elevati di stress e minori probabilità di concepimento è un’associazione causale, una piccola parte di tale associazione potrebbe essere dovuta alla diminuzione della frequenza dei rapporti e all’aumento dell’irregolarità del ciclo mestruale. I ricercatori non hanno trovato un’associazione tra punteggio PSS maschile e probabilità di concepimento. Tuttavia, le coppie nello studio avevano circa il 25% in meno di probabilità di concepire quando il punteggio PSS maschile era inferiore a 10 e le donne avevano 20 o più. Questo è il primo studio a suggerire che la discordanza da stress del partner può influenzare la probabilità del concepimento, sebbene il risultato sia impreciso e speculativo.

Sebbene questo studio non provi definitivamente che lo stress provoca infertilità, fornisce prove a supporto dell’integrazione dell’assistenza sanitaria mentale nell’orientamento e nella cura del periodo pre-concepimento. Uno studio similare è stato pubblicato proprio lo scorso Luglio, dove un team dir icercatori giapponesi della Juntendo University Faculty of Medicine di Tokyo, ha effettuato un’analisi dei gravi fattori di stress psicologico nelle donne durante il trattamento della fertilità. I ricercatori hanno reclutato 1672 soggetti che hanno compilato un questionario anonimo auto-riferito riguardante il trattamento della fertilità, le condizioni lavorative e domestiche e lo stress psicologico utilizzando il punteggio K6, che stima il disagio psicologico durante i 30 giorni precedenti. Hanno poi ulteriormente focalizzato l’analisi su 1335 soggetti che stavano lavorando all’inizio del trattamento per la fertilità. Di 1672 donne, il punteggio medio K6 è stato classificato come probabile grave disagio psicologico.

Concentrandosi su 1335 donne lavoratrici, 266 (19,9%) hanno subito le dimissioni dal lavoro. L’alto K6 era fortemente associato a un basso reddito familiare, alla cessazione delle funzioni professionali, alle molestie legate all’infertilità sul posto di lavoro e alle difficoltà percepite nel continuare a lavorare durante il trattamento per la fertilità. Secondo i ricercatori, per ridurre lo stress psicologico nelle donne infertili, può essere particolarmente importante concentrarsi sull’accorciare il più possibile i tempi della gravidanza e del parto. Tuttavia, rispetto ad altre specie di mammiferi, il tasso di fecondità mensile nell’uomo è straordinariamente basso al 20%. Pertanto, anche con il trattamento di fecondazione in vitro, ilt asso di gravidanza clinica basato sul ciclo è fondamentalmente basso al 15-40%. Inoltre, l’incidenza di aborti spontanei aumenta a un ritmo accelerato con l’età materna oltre i 35 anni. Pertanto, l’invecchiamento nelle donne infertili è stato collegato al ritardo del concepimento.

L’effetto negativo dello stress mentale sulla gravidanza rimane ancora controverso, ma i disturbi d’ansia e i sintomi depressivi hanno un potenziale rischio per l’aumento dei tassi di infertilità e perdita di gravidanza e il supporto psicologico può aiutare a migliorare gli esiti della gravidanza. Uno degli studi più recenti a supporto è stato pubblicato nel 2015 da un team danese dell’Università di Copenaghen. Pertanto, i fattori di stress psicologici derivanti sia dal trattamento della fertilità che dal posto di lavoro possono ridurre gli esiti della gravidanza, portando a un circolo vizioso di stress e fallimento riproduttivo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ikemoto I et al. Arch Gynecol Obstet 2021; 304(1):253.

Maroufizadeh S et al. BMC Res Notes. 2019; 12(1):256.

Wesselink AA et al. Amer J Epidemiol 2018; 187(12):2662.

Nillni YI et al. Am J Obstet Gynecol. 2016; 215(4):453.

Kolte AM et al. Hum Reprod. 2015 Apr; 30(4):777-82.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Galectina-1: non solo marker ma anche potenziale bersaglio per contrastare il cancro al fegato

Il carcinoma epatico (HCC) o cancro al fegato, è uno dei tumori più comuni al mondo. E i numeri sono in aumento, con tassi...

Autismo: intestino, microbiota e infiammazione controllano il decorso

I disturbi dello spettro autistico (ASD) colpiscono 1 su 68 bambini negli Stati Uniti. Caratterizzato da difficoltà di socializzazione e spesso accompagnato da comportamenti...

Soluzioni per la psoriasi: il veleno della formica rossa offre una soluzione

I composti derivati ​​dal veleno delle formiche rosse possono ridurre l'ispessimento e l'infiammazione della pelle in un modello murino di psoriasi, Emory e Case...

Questo si chiuderà in 20 secondi