venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Mangiare di notte o di giorno? Le indagini sulla glicemia dei lavoratori notturni

Quali sono gli effetti del mangiare di notte invece che di giorno? Una nuova ricerca, incentrata su una simulazione del lavoro a turni di notte, può avere implicazioni per le persone che mangiano in orari atipici, come coloro che soffrono di jet lag, disturbi del ritmo circadiano del sonno o che tendono a dormire fino a tardi durante i fine settimana. Uno studio condotto da ricercatori del Brigham and Women’s Hospital indica che mangiare durante la notte può portare a intolleranza al glucosio, mentre limitare i pasti al giorno può aiutare a regolare i livelli di glucosio nel sangue. Il mangiare notturno sembrava causare un disallineamento tra gli “orologi circadiani” centrali e periferici del corpo, cronometri naturali che regolano i cambiamenti fisici, mentali e comportamentali nell’arco di 24 ore. L’intolleranza al glucosio porta ad alti livelli di glucosio e spesso precede il diabete di tipo 2. Il diabete di tipo 2 è prevalente tra i lavoratori del turno di notte che in genere dormono durante il giorno e mangiano durante la notte.

Precedenti studi di laboratorio hanno mostrato un aumento dei livelli di glucosio nel sangue sia nei lavoratori non turnisti che nei lavoratori turnisti sottoposti a lavoro notturno simulato. Questo studio, uno studio randomizzato controllato, ha coinvolto 19 giovani partecipanti sani che sono stati sottoposti a un protocollo di laboratorio controllato di 14 giorni. Durante lo studio, i partecipanti sono rimasti svegli per 32 ore in un ambiente altamente controllato e poco illuminato, dove hanno mantenuto una postura del corpo costante, consumato snack identici ogni ora e non hanno avuto indicazioni temporali, condizioni che fanno parte di un protocollo di routine costante. Successivamente, i partecipanti sono stati sottoposti a un lavoro notturno simulato e hanno seguito uno dei due orari dei pasti: un gruppo ha mangiato durante la notte, per simulare un orario tipico tra i turnisti, mentre l’altro gruppo ha mangiato durante il giorno, allineando così il proprio orario dei pasti al ciclo di quasi 24 ore dell’”orologio” circadiano centrale.

Successivamente, i partecipanti hanno seguito un secondo protocollo di routine costante di 40 ore per valutare gli effetti collaterali degli orari dei pasti sui loro ritmi circadiani endogeni. Secondo la ricerca, i partecipanti che hanno mangiato durante la notte hanno mostrato un aumento dei livelli di glucosio nel sangue, mentre quelli che hanno mangiato solo durante il giorno non hanno mostrato cambiamenti significativi. Inoltre, il consumo notturno ha ridotto la funzione delle cellule beta pancreatiche, che producono insulina, rispetto a nessun cambiamento osservabile in coloro che mangiano solo durante il giorno. Inoltre, l’alimentazione notturna ha causato un disallineamento tra l’”orologio” circadiano centrale, stimato dal ritmo circadiano endogeno nella temperatura corporea interna, e i ritmi circadiani endogeni del glucosio. In netto contrasto, questi ritmi sono rimasti allineati quando i partecipanti hanno mangiato i pasti solo durante il giorno nonostante il loro sonno sbagliato.

I lavoratori a turni, sebbene frequentemente esposti a pasti fuori orario, non sono necessariamente “immuni” ai loro effetti negativi. I dati della ricerca indicano anche che l’orario dei pasti era principalmente responsabile degli effetti riportati sulla tolleranza al glucosio e sulla funzione delle cellule beta. Ciò era probabilmente dovuto al disallineamento degli “orologi” centrali e periferici in tutto il corpo. Mentre l’”orologio” circadiano centrale era ancora sull’ora di Boston, i ritmi circadiani endogeni del glucosio suggeriscono che alcuni “orologi” periferici, come forse quelli del fegato, si erano spostati drammaticamente in un fuso orario in Asia. Dei partecipanti studiati, quelli con la più grande interruzione del loro sistema circadiano (qui quantificato come il disallineamento tra il loro “orologio” circadiano centrale e i loro ritmi circadiani endogeni del glucosio) hanno mostrato la più grande compromissione della tolleranza al glucosio.

Il messaggio da portare a casa dello studio indica che mangiare di giorno, nonostante il sonno sbagliato, mantiene l’allineamento circadiano interno e previene l’intolleranza al glucosio. Gli autori osservano che è necessario condurre ulteriori ricerche per trovare interventi pratici, per implementare il consumo diurno nei lavoratori a turni della vita reale.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Chellappa SL et al. Sci Advances 2021; 7(49):eabg9910.

Chellappa SL et al. Geroscience 2021; 43(4):1767-1781.

Chellappa SL et al. Scient Rep. 2020 Oct; 10(1):18614.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Diabetes therapy: the weaponry enlarges with possibilities

A new class of drugs for diabetes and for obesity dependent on it will soon be available. This is judged by the findings of...

Sordità: udite udite! Il recettore sente il bisogno delle cellule staminali

L'indebolimento dell'udito è stato a lungo accettato come un dato di fatto per l'invecchiamento della popolazione - si stima che 30 milioni di americani...

A new drug for autism: unravel, unpack, unsilence.

It has long been presumed that there is a common cause at the genetic, cognitive, and neural levels for autism's characteristic triad of symptoms....