martedì, Aprile 16, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Le more: frutto dell’estate che diventerà forse un super-food, dice la scienza

Introduzione

La mora (Rubus fruticosus) appartiene alla famiglia delle Rosaceae ed è tra i suoi membri più diffusi e apprezzati. Nell’area mediterranea il suo arbusto comincia a fiorire a Maggio e d entro Luglio le bacche veri diventeranno prima rosse e poi nere. La mora fino ad ad un decennio fa è stata completamente messa da parte nell’alimentazione umana ufficiale, salvo per gli appassionati che le raccolgono per scopi personali. Recentemente sono diventati noti come superfood, il che ne ha aumentato ulteriormente la domanda. Un recente articolo pubblicato sul Foods Journal esamina i componenti fitochimici di questo frutto, concentrandosi sui terpenoidi e sugli antociani più comunemente caratterizzati. Questa conoscenza può aiutare a capire come le more o i loro estratti possono funzionare come nutraceutici – alimenti con proprietà medicinali – per promuovere la salute.

I fenoli vegetali si trovano entrambi in molti tipi di piante e hanno un’elevata bioattività. Hanno più tipi di strutture chimiche che consentono loro di svolgere molte funzioni diverse e regolare o prendere parte a uno spettro di processi cellulari interagendo con una gamma di molecole. Sono efficienti spazzini di molecole ossidanti, inclusi radicali liberi e metalli. Gli antociani sono i flavonoidi primari nelle more e la principale fonte di attività biologica. I terpenoidi hanno anche un’ampia distribuzione e gamma di bioattività. Le more contengono grandi quantità di vitamine A e C, carotenoidi e altre sostanze chimiche vegetali che forniscono poche calorie ma hanno un’elevata bioattività. I fenoli nei frutti di mora includono antociani, flavonoli, ellagitannini e acidi fenolici e sono stati investiti del merito della maggior parte della bioattività dell’estratto di mora.

Cosa ha mostrato lo studio?

Innanzitutto il frutto della mora conteneva ~67 mg/g di peso secco di composti bioattivi. L’estratto ha mostrato un’attività antiossidante equivalente a ~110 mg di quercetina o ~335 mg di vitamina C. Per 100 grammi di frutto secco, invece, la concentrazione di vitamina C è intorno a 20mg. Le more contengono principalmente composti fenolici, tra cui otto antociani e nove acidi fenolici o loro derivati. Hanno anche trovato undici flavonoidi o loro derivati, più della metà composti da vari derivati della quercetina. Sono state rilevate anche rutina e forse epicatechina. In questo studio, i ricercatori hanno trovato 31 terpenoidi, che vengono descritti per la prima volta nelle more. La maggior parte di loro apparteneva alla famiglia degli ursani. Questi possono spiegare la bioattività dell’estratto di mora, insieme ai fenoli della pianta.

I terpeni derivati dall’acido ursolico costituiscono quasi il 90% della frazione bioattiva totale dell’estratto e il 93% del contenuto di terpeni. I terpenoidi erano presenti a quasi 64 mg/g di estratto di frutta, rendendoli il componente predominante. Il più abbondante di questi era un forte antiossidante triterpenico pentaciclico chiamato acido idrossi-tormentico, che regola l’espressione dei geni correlati agli antiossidanti e elimina le specie reattive dell’ossigeno (ROS). Protegge i neuroni dal danno ossidativo, inibisce l’attività delle cellule tumorali ed è antinfiammatorio e antibatterico. L’acido tormentico è anche associato alla regolazione metabolica, riducendo i cambiamenti diabetici e dislipidemici, oltre a dimostrare attività cardioprotettiva e antitumorale.

Capacità antiossidante

Il frutto è risultato avere un’elevata capacità antiossidante da diversi test, tra cui FRAP, DPPH e TEAC. Un’analisi cellulare in vitro utilizzando linee cellulari HUVEC ha anche dimostrato che, quando presente a una concentrazione di soli 5 mg/mL, l’estratto di mora produce effetti antiossidanti significativamente elevati. La capacità antiossidante può variare con il tempo di raccolta dei frutti, la fertilità del suolo, il clima e il metodo utilizzato per misurarla. I terpeni possono entrare in sinergia con i composti fenolici per produrre questo elevato effetto antiossidante. L’estratto ha ridotto i radicali liberi e ha inibito la perossidazione lipidica in modo più efficiente rispetto alla quercetina alla dose di 5 mg/mL di estratto (mostrando un’attività ridotta ma ancora protettiva a livelli più elevati, forse a causa di una paradossale proprietà pro-ossidante a concentrazioni aumentate). Questa attività è stata dimostrata in modelli di ratto, in cui la tossicità del fluoruro o del tetracloruro di carbonio è stata inibita dal succo di mora. Ciò deve essere stabilito negli studi sull’uomo, poiché tutti gli antiossidanti esogeni non riducono efficacemente lo stress ossidativo all’interno del corpo.

Attività antimicrobica

L’estratto ha anche mostrato attività antimicrobica, più potente contro batteri gram-positivi come Enterococcus faecalis, Bacillus cereus e organismi gram-negativi come Escherichia coli. A 100 mg/mL, tutti i microbi testati sono stati uccisi. Poiché questo non era sempre proporzionale al contenuto di acidi fenolici, come dimostrato da studi precedenti, è logico dedurre che anche i terpenoidi e altri acidi organici danno un contributo importante.

Inibizione delle cellule tumorali

L’attività antitumorale è stata dimostrata anche utilizzando cellule tumorali del colon. L’attività tumorale è stata inibita con una concentrazione inibitoria semi-massimale (IC50) di <6 mg/mL, contro tre linee di cellule tumorali. Naturalmente, i composti attivi possono subire modificazioni da parte dei microbi intestinali, che possono alterare la loro capacità di inibizione del tumore. Quest’area richiederà ulteriori studi.

Attività antinfiammatoria

Infine, l’estratto di mora ha mostrato attività antinfiammatoria. In sua presenza, è stato dimostrato che due linee cellulari producono livelli più bassi della citochina infiammatoria interleuchina IL-8, in modo dose-risposta. Questo è riconducibile a tutte le classi di composti bioattivi che agiscono in sinergia. La ricchezza di questi polifenoli fa di questo frutto, come altre tipologia di bacca scura, un ottimo nutriente anche per il microbiota intestinale, che usa i polifenoli per modulare la sua attività metabolica e mantenere in salute il nostro organismo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gil-Martínez L. et al. Foods 2023; 12(7):1505.

He B, Dai L et al. Front Nutr. 2023; 9:1052504.

Golovinskaia O et al. Molecules. 2021; 26(13):3904.

Baby B et al. Crit Rev Food Sci Nutr. 2018; 58(15):2491.

Skrovankova S et al. Int J Mol Sci. 2015; 16(10):24673.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Collagene: tutti gli usi medici e tecnologici di una delle proteine più abbondanti del corpo umano

Il collagene è una proteina composta da aminoacidi specifici: glicina, prolina, idrossiprolina e arginina. Il collagene costituisce circa il 30% delle proteine all’interno del...

Diabete e rischio tumori: le donne più esposte degli uomini

La ricerca suggerisce che una diagnosi di diabete conduce una persona ad un aumentato rischio di vari tipi di cancro. Ora, una revisione che...

Isterectomia: associazioni con rischio cardiovascolare e metabolico

Un nuovo studio condotto dagli scienziati della Mayo Clinic ha rivelato l'associazione di isterectomia con conservazione ovarica e rischi elevati di malattie cardiovascolari e...