giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Fattori cirolanti nel sangue che danneggiano i reni: così la ricerca scopre come si prePARa il danno

La sindrome nefrosica (NES) è una condizione renale che provoca la fuoriuscita di proteine ​​dagli organi nelle urine. Ciò è causato da difetti nel sistema di filtrazione del rene e, in alcuni casi, questo può portare il paziente a sviluppare insufficienza renale. La maggior parte dei pazienti presenta manifestazioni cliniche tipiche, tra cui proteinuria massiva, ipoalbuminemia, edema e iperlipidemia. I pazienti senza NES tipica e proteine urinarie delle 24 ore <3,5 g/die sono definiti come affetti da nefrite membranosa (MEN) con proteinuria non nefrosica (NNP). La sclerosi glomerulare (GLS) è un danno patologico che può essere suddiviso in sclerosi sferica e sclerosi segmentale. È caratterizzato da cellule endoteliali glomerulari ridotte, accumulo di matrice mesangiale, proliferazione di podociti e ispessimento della membrana basale. È un’importante base patologica per la CKD allo stadio terminale e l’esito di quasi tutta la progressione della malattia renale cronica.

Precedenti studi hanno dimostrato che la deposizione di immunocomplessi sottocutanei sul glomerulo può danneggiare l’attaccamento dei podociti e della membrana basale e l’esfoliazione delle cellule epiteliali e della membrana basale può portare a GLS. Sebbene sia una malattia rara, la NES colpisce circa 10.000 persone ogni anno nel Regno Unito con la maggior parte dei casi legati a cause non genetiche. L’impatto che ha sui pazienti, molti dei quali saranno bambini, può essere devastante. Con il finanziamento dell’ente di beneficenza Kidney Research UK, gli scienziati della Bristol Medical School hanno identificato un nuovo percorso terapeutico per i pazienti con sindrome nefrosica (INS) non genetica (idiopatica), mirando a un fattore ancora sconosciuto che causa la progressione verso l’insufficienza renale. Gli scienziati sapevano che potrebbero esserci uno o più fattori nel sangue che hanno causato il fallimento dei reni nei pazienti con INS, ma finora non sono stati in grado di scoprire esattamente cosa potrebbero essere.

Tuttavia, il team ha provato un approccio diverso mentre cercava di identificare come funzionava il fattore e tentava di prevenirne l’attivazione. Utilizzando il plasma del sangue di pazienti INS che erano in trattamento con dialisi, il team di Bristol ha voluto confermare se un recettore noto come PAR-1 funziona insieme al fattore sconosciuto. I ricercatori hanno utilizzato il plasma dei pazienti e separatamente un attivatore di PAR-1 per studiarne gli effetti sulle cellule renali in laboratorio. Entrambi i trattamenti hanno causato disagio nelle cellule renali. Avendo confermato il legame tra PAR-1 e il fattore sconosciuto, i loro risultati suggeriscono che i farmaci per bloccare il recettore potrebbero essere un’opzione praticabile. Gli steroidi sono attualmente il trattamento più efficace per INS, ma questi hanno spiacevoli effetti collaterali e non funzionano ugualmente bene in tutti i pazienti. Inoltre, con il fattore sconosciuto che circola nel sangue del paziente, un trapianto può offrire una tregua,

Tuttavia la malattia spesso si ripresenta e danneggia il nuovo rene, a volte quasi istantaneamente. Questa scoperta potrebbe rivoluzionare le opzioni di trattamento per i pazienti con INS e offre il potenziale per sradicare l’uso di steroidi e rendere il trapianto un’opzione più praticabile. In effetti, l’utilizzo delle opzioni terapeutiche anti-PAR-1 non solo eliminerebbe la necessità di steroidi, ma consentirebbe anche al trapianto di essere un trattamento più vantaggioso poiché i reni appena trapiantati non sarebbero più suscettibili agli effetti del fattore sconosciuto. I trattamenti anti-PAR-1 sono attualmente in fase di sperimentazione clinica per altre condizioni di salute per accertarne l’efficacia e la sicurezza. Il lavoro condotto a Bristol apre nuove strade per la sperimentazione di questi trattamenti per i pazienti con sindrome nefrosica non genetica (idiopatica). Se la sicurezza di questi trattamenti può essere confermata, i pazienti con INS potrebbero essere sospesi dagli steroidi e sottoposti a nuovi trattamenti nei prossimi anni.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

May CJ et al. Kidney Internat 2023 Mar 20 in press.

Sun J et al. Reanl Failure 2023; 45(1):2188088.

Ye Q et al. Clin Immunol. 2023 Apr; 249:109273.

Wei C et al. Int Urol Nephrol. 2021; 53(3):505-14.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Riparo del DNA: avviene di notte; ecco a cosa serve il sonno

Il sonno è fondamentale per la riparazione così come i processi di ringiovanimento nel corpo come la riparazione muscolare e la regolazione ormonale. Un...

Escalation delle malattie sessualmente trasmesse: il nuovo rapporto globale dei CDC

Un recente comunicato stampa dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha segnalato un aumento delle malattie sessualmente trasmissibili negli Stati Uniti nel...

Problemi psichiatrici: dallo stadio fetale gli indizi di rischio

Particolari varianti genetiche nel genoma umano che sono importanti per lo sviluppo del cervello all'inizio della vita del feto si trovano frequentemente nei disturbi...

Questo si chiuderà in 20 secondi