giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Il coronavirus che si evolve: da letale a preferenziale per le mucose respiratorie

Le varianti SARS-CoV2 si sono evolute in modo efficiente dalla fine del 2021. Il numero crescente di casi di sottolignaggio Omicron BA.5 in tutto il mondo ha manifestato direttamente la sua migliore trasmissibilità rispetto alle sottovarianti correlate e alle varianti passate. Gli studi hanno riportato l’efficacia replicativa delle varianti emergenti negli organoidi respiratori con un aumento del numero di copie del gene virale per i casi BA.5 rispetto ai casi BA.2. Contrariamente alla diffusa documentazione relativa alla fuga immunitaria, si sa poco sull’idoneità intrinseca del coronavirus all’interno delle cellule respiratorie umane, che ne sono l’obiettivo principale. In un nuovo studio appena pubblicato, i ricercatori hanno esaminato l’idoneità replicativa della sottovariante Omicron BA.5 e delle varianti precedenti negli organoidi respiratori. Il team ha prima valutato la cinetica di replicazione correlata a un isolato clinico BA.5 rilevato negli organoidi delle vie aeree rispetto a un isolato B.1.1.529 e un ceppo HKU-001a di tipo selvatico (WT).

Sono stati impiegati solo i monostrati degli organoidi nasali e delle vie aeree che sono stati posizionati sugli inserti transwell poiché questi monostrati potrebbero sostenere una crescita SARS-CoV-2 più forte rispetto alle loro controparti 3D. Sono state anche esplorate le cinetiche di replicazione di B.1.1.529, BA.5 e WT negli organoidi alveolari che ricapitolavano il contenuto cellulare, la funzionalità e le caratteristiche morfologiche dell’epitelio alveolare nativo. Lo studio ha dimostrato che la replicazione di B.1.1.529 ha raggiunto un titolo considerevolmente più alto rispetto a WT. Il test TCID59 ha rivelato che BA.5 aveva la più alta capacità replicativa, quasi due o tre unità logaritmiche in più rispetto a B.1.1.529 e oltre quattro unità logaritmiche in più rispetto a WT. Inoltre, BA.5 ha mostrato un titolo virale di picco di oltre sette unità logaritmiche/mL dopo 24 ore dall’infezione. Il team ha trovato virioni generati da organoidi delle vie aeree inoculati con BA.5 e B.1.1.529, che creano placche tipiche.

Inoltre, il test della placca ha mostrato una robusta replicazione di BA.5, con il titolo virale più alto di 2,2 unità logaritmiche superiore a quello di B.1.1.529. Il titolo virale BA.5 era il più alto a 24 ore dopo l’infezione, che è diminuito a 72 ore, indicando che BA.5 potrebbe causare un’infezione produttiva anche con una minore molteplicità di infezioni. Durante l’imaging confocale, il team ha notato un’apparente formazione di sincizi all’interno delle vie aeree e degli organoidi nasali infetti da BA.5. I corpi sinciziali che erano positivi per i marcatori dei pneumociti sono stati rilevati nell’autopsia del tessuto polmonare di pazienti deceduti con infezione da SARS-CoV2, a prova dell’abilità fusogenica della proteina spike. Le cellule nucleoproteiche virali (NP+) possono raggrupparsi nei monostrati organoidi infettati con ceppi WT e B.1.1.529, specialmente in un’infezione più attiva negli organoidi nasali. Inoltre, i sincizi multinucleati NP+ caratterizzati da una morfologia tipica erano facilmente rilevabili nelle vie aeree infette da BA.5 e nei monostrati organoidi nasali.

I risultati dello studio hanno mostrato che BA.5 ha rivelato una forma fisica significativamente migliorata rispetto a un ceppo originario (quello conosciuto) e alla sottovariante Omicron B.1.1.529 negli organoidi nasali e delle vie aeree umani. I ricercatori ritengono che la ragione principale per una maggiore forma fisica sia la capacità della proteina spike BA.5 di suscitare la formazione di sincizio negli organoidi nasali e delle vie aeree. Considerando questo, la vaccinazione intranasale altamente efficace per innescare una potente risposta immunitaria della mucosa, la produzione di antivirali contro SARS-CoV2 e metodi terapeutici potrebbero fornire tecniche efficaci per frenare la trasmissione del coronavirus.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specalista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

I nuovi vaccini contro la Omicron: il “banale” coronavirus si sta trasformando in un’influenza? (04/04/2023)

Le varianti del coronavirus (Omicron inclusa) e i motivi conosciuti della loro virulenza (27/12/2021)

La nuova variante Omicron del coronavirus: di cosa si tratta? (29/11/2021)

Immunità al COVID: la tendenza a perderla partirebbe a 6 mesi dalla seconda dose (09/09/2021)

Le prove che l’immunità cellulare al COVID non scompare presto: il razionale delle due dosi è vero (19/07/2021)

Pubblicazioni scientifiche

Li C, Huang J et al. PNAS USA 2023; 120(17):e2300376120.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Da una nuova neuropatologia rara a quelle più comuni: e la proteina YTK6 che accomuna il riciclo molecolare in tutte loro

Un recente studio collaborativo ha scoperto rare varianti nel gene YKT6 come causa di un nuovo disturbo neurologico caratterizzato da ritardi nello sviluppo insieme...

Cancro cerebrale: la vitamina C come supporto terapeutico al vaglio

Il glioblastoma multiforme è un tumore maligno di alto grado con una prognosi infausta; la sopravvivenza mediana è di 12 mesi e il 2%...

Video LASER FINGER una nuova fibra per la – VAPO-RESEZIONE dell’adenoma prostatico

Video LASER FINGER una nuova fibra per la - VAPO-RESEZIONE dell'adenoma prostatico presentato al 83° CONGRESSO NAZIONALE SIU a cura del Prof. Rosario Leonardi https://youtu.be/TAk42Ybad2Y

Questo si chiuderà in 20 secondi