domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Psoriasi: come gestirla con lo stile di vita, la scelta dei biologici e la medicina alternativa

Cosa causa l’infiammazione nella psoriasi?

Sebbene la causa esatta della psoriasi sia sconosciuta, i medici la considerano una malattia infiammatoria immuno-mediata. Ciò significa che l’infiammazione è alla radice di questa condizione. Nelle persone con psoriasi, la disfunzione del sistema immunitario provoca l’accumulo di cellule infiammatorie nello strato intermedio della pelle, noto come derma. La condizione accelera anche la crescita delle cellule della pelle nell’epidermide, lo strato esterno della pelle. In genere, le cellule della pelle crescono e si sfaldano nell’arco di un mese. Questo processo accelera fino a pochi giorni nelle persone con psoriasi. Invece di perdere, le cellule della pelle si accumulano sulla superficie della pelle, causando sintomi spiacevoli come placche sollevate, squame, gonfiore e arrossamento o scolorimento. Anche se la psoriasi è una condizione della pelle, l’infiammazione associata alla psoriasi ha un impatto su tutto il corpo. Può aumentare il rischio di malattie cardiache, cancro, malattie infiammatorie intestinali e artrite psoriasica.

C’è un modo per trattare l’infiammazione?

Sebbene l’infiammazione nella psoriasi sia dovuta alla disregolazione del sistema immunitario, gli studi suggeriscono che le persone possono ridurre questa infiammazione attraverso lo stile di vita e i cambiamenti nella dieta. Questo può aiutare a ridurre i sintomi e migliorare la qualità della vita. Usando questi metodi, molte persone che hanno la psoriasi possono mantenere la remissione, che è un lungo periodo senza manifestare i sintomi della psoriasi. Inoltre, alcuni farmaci per il trattamento della psoriasi agiscono riducendo l’infiammazione. Questi includono corticosteroidi topici, farmaci biologici iniettabili e farmaci per via orale. Ognuno con la psoriasi è diverso. Alcune persone richiedono un trattamento più esteso di altre. Sebbene al momento non esista una cura per la psoriasi, le seguenti abitudini possono aiutare a ridurre l’infiammazione correlata alla psoriasi e aumentare le possibilità di una persona di sperimentare la remissione.

Gestire la psoriasi con lo stile di vita

Mangiare una dieta nutriente

La dieta è fortemente legata all’infiammazione sistemica. Gli studi suggeriscono che alcuni modelli dietetici infiammatori possono aumentare il rischio di psoriasi e peggiorare i sintomi. Una dieta nutriente sembra diversa per tutti. Tuttavia, i seguenti passaggi possono aiutare chi è affetto da psoriasi a stabilirne uno:

Evitare cibi infiammatori

Alcuni cibi e bevande contengono sostanze pro-infiammatorie che aumentano l’infiammazione e scatenano i sintomi della psoriasi. Gli esempi includono bevande gassate e cibi ultra-lavorati come snack salati, dolci, prodotti conservati ed altri prodotti a base di carne lavorata.

Considerare una dieta antinfiammatoria

Le diete ricche di frutta, verdura e altri alimenti nutrienti riducono costantemente i sintomi della psoriasi. Ad esempio, uno studio del 2018 su 35.735 persone, di cui 3.557 con psoriasi, ha suggerito che coloro che seguivano una dieta in stile mediterraneo avevano una psoriasi meno grave rispetto alle persone che non lo facevano.

Mantenere un peso sano

L’obesità è un fattore di rischio per lo sviluppo della psoriasi. Le persone con psoriasi che hanno sovrappeso o obesità possono anche manifestare sintomi più gravi rispetto alle persone con un peso moderato. La perdita di peso può ridurre i marker infiammatori e contribuire a ridurre i sintomi della psoriasi nelle persone con peso corporeo in eccesso. Uno studio del 2020 ha rilevato che le persone con psoriasi e sovrappeso o obesità che hanno ridotto il proprio peso corporeo del 12% attraverso un programma di 10 settimane hanno sperimentato una riduzione del 50-75% della gravità della psoriasi. I partecipanti hanno sperimentato una perdita di peso media di 10 Kg.

Implementare altre sane abitudini

Diverse abitudini possono aiutare a ridurre l’infiammazione e migliorare i sintomi della psoriasi, come ad esempio:

  • Evitare o smettere di fumare: il fumo danneggia in modo significativo la salute di una persona e peggiora le malattie infiammatorie, compresa la psoriasi.
  • Ridurre l’assunzione di alcol: il consumo eccessivo di alcol può contribuire all’infiammazione e peggiorare i sintomi della psoriasi.
  • Rimanere attivi: evitare lunghi periodi di seduta può aiutare a ridurre i sintomi della psoriasi. Una revisione della ricerca ha suggerito che le persone con psoriasi che vivono una vita sedentaria hanno sintomi più gravi rispetto alle persone che si esercitano regolarmente.
  • Dormire a sufficienza: non dormire a sufficienza può portare a uno stato pro-infiammatorio nel corpo. Gli studi suggeriscono che un sonno scarso e incoerente può aumentare i marcatori di infiammazione nel sangue. Gli esperti raccomandano agli adulti di dormire 7-9 ore a notte per una salute ottimale.
  • Gestire i livelli di stress: lo stress prolungato rende il sistema immunitario iperattivo e contribuisce a uno stato pro-infiammatorio. Fino all’88% delle persone con psoriasi riferisce che lo stress è un fattore scatenante dei loro sintomi. L’uso di tecniche di riduzione dello stress come la meditazione e lo yoga può aiutare.

Cosa sono i farmaci biologici e in che modo sono diversi dagli altri trattamenti per la psoriasi?

I farmaci biologici sono farmaci prodotti da cellule viventi in laboratorio o attraverso un processo biologico. È così che prendono il loro nome. I farmaci tradizionali, invece, sono piccole molecole create in laboratorio. I biologici prendono di mira parti specifiche del sistema immunitario. Trattano le malattie modulando l’attività di specifiche cellule immunitarie o messaggeri infiammatori chiamati citochine. Poiché i farmaci biologici sono così mirati, possono anche essere più sicuri dei farmaci che sopprimono ampiamente il sistema immunitario. Mentre continuiamo ad acquisire conoscenze sulle cause specifiche di malattie come la psoriasi, continueranno ad arrivare sul mercato prodotti biologici migliori e più sicuri.

Quali sono le categorie e tipi di farmaci biologici per la psoriasi?

Attualmente sono disponibili quattro classi di farmaci biologici:

  • bloccanti del fattore di necrosi tumorale-alfa (TNF-alfa)
  • inibitori dell’interleuchina 12 e 23 (IL-12/23).
  • inibitori dell’IL-17
  • inibitori dell’IL-23

Ognuna di queste citochine è un messaggero specifico del sistema immunitario coinvolto nello sviluppo della psoriasi. Il regime di dosaggio e gli effetti collaterali variano a seconda del farmaco. Più a valle è il bersaglio, più specifico è il biologico e, potenzialmente, minori sono gli effetti collaterali che ha.

I bloccanti del TNF-alfa includono adalimumab (Humira), etanercept (Enbrel) e certolizumab pegol (Cimzia). Sono tutti approvati per il trattamento sia della psoriasi che dell’artrite psoriasica. A seconda del farmaco, le persone avranno bisogno di una dose ogni settimana o ogni due settimane. Inoltre, questi farmaci biologici sono i farmaci ad azione più ampia, poiché il TNF-alfa è un mediatore a monte dell’infiammazione.

Gli inibitori dell’IL-17 includono secukinumab (Cosentyx), ixekizumab (Taltz) e brodalumab (Siliq). Trattano sia la psoriasi che l’artrite psoriasica e il programma di dosaggio è ogni 2-4 settimane.

Gli inibitori dell’IL-23 sono la nuova classe di farmaci biologici immessa sul mercato. Includono risankizumab-rzaa (Skyrizi), guselkumab (Tremfya) e tildrakizumab-asmn (Ilumya). Ciascuno è approvato per il trattamento della psoriasi. A seconda del farmaco, una persona riceve una dose ogni 8-12 settimane.

L’unico inibitore IL-12/23 disponibile è ustekinumab (Stelara). Può trattare sia la psoriasi che l’artrite psoriasica e una persona riceve una dose ogni 12 settimane.

Come funzionano i biologici per alleviare i sintomi della psoriasi?

Sappiamo che la psoriasi è causata da un’iperattività del sistema immunitario con conseguente infiammazione della pelle. Bloccando passaggi specifici nel percorso immunitario che causano questa infiammazione, i biologici possono ridurre al minimo l’infiammazione e fermare l’attacco immunitario alla pelle e alle articolazioni. Senza infiammazione, la pelle può tornare al suo stato sano originale, ma il danno articolare può essere permanente. Ecco perché è così importante ricevere una diagnosi e iniziare il trattamento il prima possibile nel corso della malattia.

Cosa rende candidati per i biologici e chi dovrebbe evitarli?

I biologici sono appropriati per le persone con psoriasi da moderata a grave. In alcuni casi, questo si riferisce alla psoriasi che colpisce più del 10% della superficie corporea. Le persone con psoriasi che colpisce meno della pelle possono comunque ricevere farmaci biologici. Le aree colpite possono essere uniche e significative, ad esempio la psoriasi che colpisce le mani può essere debilitante, anche se copre solo una piccola percentuale della superficie corporea totale. Le persone che non dovrebbero ricevere farmaci biologici includono quelle con cancro attivo, un’infezione attiva (compresa la tubercolosi non trattata) e le persone che non stanno bene a livello sistemico, in generale.

Quali sono i potenziali effetti collaterali dei farmaci biologici e come è possibile gestirli?

I principali effetti collaterali che i farmaci biologici possono causare includono infezioni e tumori maligni. Mentre ridurre l’infiammazione della pelle fa bene alla psoriasi, bloccare il sistema immunitario – che difende il corpo dalle infezioni e combatte le cellule cancerose – può potenzialmente portare a effetti avversi. Se il sistema immunitario non protegge il corpo dalle infezioni e non è in grado di riconoscere e combattere le cellule anormali come al solito, una persona può avere un rischio maggiore di infezioni e tumori maligni. Oltre a questi rischi, i bloccanti del TNF sono stati associati allo sviluppo della sclerosi multipla o SM.

Inoltre, i bloccanti dell’IL-17 hanno un ulteriore avvertimento su un potenziale aumento del rischio di malattia infiammatoria intestinale o IBD. Sebbene i potenziali effetti avversi possano essere preoccupanti, sono estremamente rari. Con regolari visite di follow-up da un dermatologo, questi farmaci sono sicuri da usare. Il dermatologo esaminerà la pelle della persona, valuterà la sua storia medica per eventuali sintomi potenzialmente preoccupanti ed eseguirà il monitoraggio del sangue.

Quali misure si dovrebbero prendere se un biologico è inefficace o smette di funzionare?

Molte persone sperimentano benefici dai farmaci biologici per diversi anni. Ma in alcuni casi, la risposta diminuisce nel tempo. Ciò può derivare dal fatto che il corpo della persona sviluppa anticorpi contro il farmaco, neutralizzandone l’effetto. In alcuni casi, una particolare classe di farmaci biologici potrebbe non essere affatto efficace. Mentre la psoriasi su due persone qualsiasi può sembrare la stessa, varie mutazioni genetiche possono causare la condizione. A seconda del particolare tipo di mutazione, o genotipo, una persona può rispondere meglio a una certa classe di biologico. Attualmente, i medici specialisti devono ancora identificare tutte le mutazioni genetiche che causano la psoriasi e non hanno modo di prevedere quale farmaco porterà alla risposta migliore.

Tuttavia, molti di questi farmaci sono stati valutati, sia nelle persone nuove ai farmaci biologici sia in coloro che hanno precedentemente utilizzato altri tipi. Quindi, abbiamo una guida quando prendiamo decisioni per i nostri pazienti. Se un individuo non risponde a un biologico dopo diverse settimane di uso continuo, o se qualcuno non risponde più a uno, il dermatologo può cambiare il farmaco con un altro nella stessa classe o con uno in una classe diversa.

Molti professionisti affermano che l’agopuntura può aiutare ad alleviare i sintomi della psoriasi e dell’artrite psoriasica. Cosa dice la ricerca?

L’agopuntura è l’antica pratica di inserire aghi sottili nella pelle. Le persone lo hanno usato come trattamento complementare per migliaia di anni. Alcuni studi hanno suggerito che l’agopuntura può aiutare con sollievo dal dolore, gestione dello stress, risposta del sistema immunitario e infiammazione. Tuttavia, i ricercatori devono condurre studi in doppio cieco su larga scala prima di poterlo provare. Gli scienziati hanno anche studiato gli effetti dell’agopuntura nella psoriasi e nell’artrite psoriasica (PsA). Sebbene non abbiano ancora confermato i suoi presunti benefici, ricevere l’agopuntura da un fornitore autorizzato e qualificato ha pochissimi rischi, quindi potrebbe valere la pena provare per le persone che hanno la psoriasi o l’artrite psoriasica.

Coloro che hanno la psoriasi o la PsA possono scoprire che un trattamento alternativo come l’agopuntura può aiutarle a tenere sotto controllo la loro condizione. L’agopuntura può anche aiutare ad alleviare lo stress, che potrebbe aiutare a prevenire alcune riacutizzazioni della psoriasi. Le persone che hanno la psoriasi e la PsA dovrebbero comunque consultare regolarmente un medico, generalmente il loro reumatologo. Questo può aiutare a garantire che le loro condizioni rimangano sotto controllo. Dovrebbero anche informare il proprio medico dell’agopuntura e di qualsiasi altro trattamento complementare che stanno provando.

Agopuntura e psoriasi

Alcune ricerche hanno suggerito che vale la pena prendere in considerazione l’agopuntura:

  • Una revisione sistematica del 2015 ha rilevato “alcune prove di beneficio” nel trattamento della psoriasi. Tuttavia, i suoi autori spiegano di aver basato le loro conclusioni su un piccolo numero di studi e che ci sono stati alcuni risultati contrastanti.
  • Una panoramica del 2017 della letteratura sull’agopuntura per la psoriasi era più ottimistica. Gli autori affermano che il trattamento dell’agopuntura per la psoriasi è “semplice, conveniente ed efficace”, con effetti collaterali minimi e poco rischio di tossicità.
  • Una revisione del 2017 di 13 studi randomizzati afferma che i trattamenti correlati all’agopuntura “potrebbero essere considerati” come una terapia alternativa per il trattamento a breve termine della psoriasi e che sarebbero utili studi più ben progettati.

Agopuntura e dolori articolari

Sebbene manchino prove per l’agopuntura come trattamento specifico per l’artrite psoriasica, molti studi hanno dimostrato che l’agopuntura funziona bene nell’alleviare altri tipi di dolori articolari. Uno studio del 2018 ha rilevato che l’agopuntura ha ridotto il dolore articolare nelle donne in postmenopausa sottoposte a trattamento per il cancro al seno in fase iniziale. Uno studio del 2019 ha rilevato che l’agopuntura ha avuto qualche beneficio per le persone con artrite reumatoide (AR) nella mano. Il trattamento ha contribuito a ridurre il dolore e migliorare la forza della mano. Una revisione del 2018 del trattamento dell’agopuntura per l’AR ha concluso che l’agopuntura da sola o combinata con altri trattamenti “vale la pena provare”. Gli autori spiegano che l’agopuntura ha effetti antinfiammatori e antiossidanti e che aiuta a regolare la funzione del sistema immunitario. Questi tre fattori sono importanti nel trattamento della PsA.

Agopuntura e gestione dell’ansia

Sia la psoriasi che la PsA possono causare stress e ansia a causa di dolore, prurito, gonfiore, aspetto della pelle e altri fattori. L’agopuntura può essere un modo per aiutare a trattare quell’ansia e migliorare la qualità della vita per le persone con psoriasi e PsA. Le prove suggeriscono che l’agopuntura può aiutare con i sintomi di ansia, che potrebbero essere utili per le persone con psoriasi e PsA. Uno studio su piccola scala del 2016 ha scoperto che l’agopuntura ha contribuito a ridurre i livelli di ansia nelle persone con disturbi d’ansia. I cambiamenti in una parte del cervello chiamata corteccia prefrontale hanno dimostrato che l’agopuntura può indurre un effetto di rilassamento.

Una revisione del 2017 ha rilevato che l’agopuntura è stata utile per alleviare l’ansia nelle donne con infertilità. Uno studio clinico del 2018 ha rilevato che l’agopuntura dell’orecchio era efficace nel ridurre lo stress correlato agli esami negli studenti universitari. Sebbene questi studi non dimostrino che l’agopuntura possa aiutare specificamente con la psoriasi o l’ansia correlata alla PsA, gli effetti di sollievo dall’ansia dell’agopuntura potrebbero essere utili per le persone che vivono con queste condizioni.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Reich A et al. J Dermatolog Treat. 2023; 34(1):2160196.

Ruggiero A et al. Int J Dermatol. 2023; 62(3):e135-e137.

Lubrano E, Chan J et al. J Rheumatol. 2023; 50(2):279-84.

Duchnik E, Kruk J et al. Nutrients. 2023 Feb 7; 15(4):840.

Controne I, Scoditti E et al. Nutrients. 2022; 14(20):4324.

Gupta A, Madke B. Cureus. 2022 Aug 8; 14(8):e27767.

van Acht MR et al. Psoriasis (Auckl). 2022 Apr; 12:35-51.

Kessler J et al. Clin Rheumatol. 2021; 40(11):4379-4389.

Griffiths CEM et al. Lancet. 2021; 397(10281):1301-1315.

Singh A, Easwari TS. Curr Drug Targ. 2021; 22(15):1760.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Chitina: la mamma del chitosano che entra nel reclutamento contro diabete ed obesità

Tutti si ricorderanno del Chitosano e della moda di dieci anni fa o più, quando si commercializzava questa sostanza naturale ai fini estetici. Il...

Trattamento dell’ovaio policistico senza farmaci tradizionali: focus sulle scelte da adottare per gli adolescenti

La sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) colpisce circa il 6-13% delle ragazze adolescenti. La diagnosi e il trattamento rimangono una sfida a causa della notevole...

Musica: la fedele millenaria compagna curativa e dimenticata

La demenza senile, che sia dovuta alla malattia genetica di Alzheimer o da cronicizzazione di fenomeni depressivi o per cerebrovasculopatia cronica, è un onere...

Questo si chiuderà in 20 secondi