venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Le tipologie di lavoro particolare e la loro influenza sul microbiota intestinale

Introduzione

Ci sono tante tipologie di lavoro ed ognuna di esse ha il suo carico stressante, in un modo o l’altro. La maggior parte delle attività lavorativev sono diurne, ma ci sono quelle che sono anche notturne. Sarebbe bello dire “si lavora di giorno e si dorme di notte”, sarebbe ideale per tutti ma non è così. Non ne risente solo il cervello e il metabolismo, ma anche l’ospite interno delle viscere che oggi chiamiamo elegantemente microbiota. Qui, molti studi hanno riportato che gli effetti di orari di lavoro non convenzionali sulla salute umana possono essere significativi e dannosi.

Questi programmi interrompono la vita sociale, i modelli di sonno e le abitudini alimentari, portando così a una maggiore morbilità e aumento di peso. In un recente studio pubblicato su Nutrients, i ricercatori esaminano diversi studi che analizzano l’impatto del lavoro non convenzionale sulla salute dei lavoratori e sul microbiota intestinale, nonché il potenziale utilizzo dei probiotici per modularlo, per affrontare la disbiosi e migliorare la qualità della vita di questi lavoratori.

Lavoro a turni

Il lavoro a turni, compresi i turni notturni, comporta rischi per la salute e il benessere dei lavoratori. Alcuni studi hanno affermato che l’obesità, il diabete di tipo 2, la sindrome metabolica, le malattie cardiovascolari, il cancro, i disturbi del sonno, la sindrome dell’intestino irritabile, l’ansia e l’aumento dei tassi di mortalità sono spesso dovuti a orari di lavoro non convenzionali. Anche un’alimentazione inadeguata, orari dei pasti irregolari e fattori fisiologici contribuiscono a questi problemi.

Cambiamenti dietetici

I lavoratori a turni spesso affrontano cambiamenti nelle loro abitudini alimentari, con luoghi di lavoro che diventano meno impegnativi dal punto di vista fisico e la disponibilità di snack ad alto contenuto energetico. Ciò contribuisce al consumo di prodotti alimentari ricchi di grassi, oli e farine raffinate. La mancanza di attività fisica a causa dei limiti di tempo e della fatica aggrava ulteriormente questo problema. Queste condizioni portano a malattie cardiovascolari a causa di livelli più elevati di indice di massa corporea (BMI), colesterolo e trigliceridi.

Cambiamenti ormonali

Il lavoro a turni può causare cambiamenti ormonali nei lavoratori, contribuendo così a problemi cardiometabolici. Ormoni come la leptina e la grelina, che regolano il comportamento alimentare e l’appetito, sono influenzati dall’interruzione del ritmo circadiano, melgioi noto come l’orologio biologico. Livelli elevati di grelina e bassi livelli di leptina durante la notte portano ad un aumento dell’appetito e aumento di peso. Il lavoro a turni aumenta anche i livelli di resistina e cortisolo, entrambi collegati alla resistenza all’insulina e allo stress. La diminuzione della produzione di melatonina e gli elevati livelli di cortisolo contribuiscono ulteriormente all’insulino-resistenza e all’infiammazione.

Privazione del sonno

Il sonno insufficiente e l’interruzione circadiana alterano i livelli di cortisolo e attivano l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA). Il cortisolo elevato influisce sul metabolismo del glucosio, portando successivamente a squilibri nei livelli di glucosio. La privazione del sonno e l’interruzione circadiana provocano anche un aumento dei livelli di cortisolo, in particolare nel pomeriggio e alla sera, che possono contribuire alla disfunzione metabolica e all’infiammazione. La restrizione del sonno può innescare cambiamenti proinfiammatori nel microbioma intestinale, alterando così l’abbondanza batterica e potenzialmente influenzando la salute metabolica.

Lavoro non convenzionale e microbiota intestinale

L’ambiente di lavoro, inclusi fattori come il lavoro a turni e condizioni specifiche del posto di lavoro, può influenzare la composizione e la salute del microbiota. Diversi ambienti di lavoro come gli ospedali hanno comunità microbiche distinte che possono influire sulla salute dei lavoratori, in quanto potrebbero essere a maggior rischio di malattie infettive a causa della loro microbiologia sul posto di lavoro.

Personale sanitario

Precedenti studi hanno riportato che gli operatori sanitari mostrano una maggiore diversità microbica, con un’abbondanza di Firmicutes e livelli inferiori di Bacteroidetes rispetto ai lavoratori non medici. Allo stesso modo, i lavoratori delle unità di terapia intensiva hanno mostrato una maggiore abbondanza di alcuni batteri associati a infezioni nosocomiali, suggerendo così un’influenza dell’ambiente ospedaliero sul microbiota intestinale.

Personale militare

Gli studi sul microbiota condotti sul personale militare hanno rivelato che Ruminococcaceae era più abbondante nei soldati positivi alla diarrea del viaggiatore, mentre Ruminiclostridium spp. era più prevalente nei soldati senza questa condizione. La presenza di Haemophilus spp. e Turicibacter spp. era associata ad alleviare i disturbi gastrointestinali.

Marinai di lunga data

Nei marinai che viaggiano a lungo sono stati osservati una ridotta diversità microbica e geni funzionali correlati al metabolismo dei carboidrati, che possono avere un impatto sulla salute dell’intestino e aumentare il rischio di malattie croniche. La limitata disponibilità di cibo fresco contribuisce al declino della diversità microbica intestinale.

Metallurgi e minatori

L’esposizione professionale a silice, polvere di ceramica e fluidi per la lavorazione dei metalli (MWF) influisce sugli OGM e sulla salute dei lavoratori. I pazienti affetti da silicosi presentano un numero inferiore di Firmicutes/Actinobatteri, mentre i lavoratori esposti alla polvere presentano un aumento dei Proteobatteri. I lavoratori esposti a MWF mostrano condizioni polmonari uniche e batteri associati a MWF. È stato dimostrato che il microbiota dei lavoratori del tunnel riflette i disturbi mentali, il che sottolinea il suo ruolo nella loro salute mentale e cardiovascolare.

Ripristino della disbiosi nei lavoratori attraverso i probiotici

I probiotici hanno il potenziale per alleviare gli effetti negativi del lavoro non convenzionale sul microbiota. Diversi studi hanno esplorato gli effetti dell’integrazione di probiotici sui lavoratori di vari campi. È stato dimostrato che quelli costituiti dai ceppi di Lactobacillus e Bifidobacterium, aumentano i microrganismi benefici e riducono i patogeni. Studi clinici hanno studiato l’efficacia dei probiotici in varie malattie. Nei lavoratori, i probiotici sembrano moderare i cambiamenti del sistema immunitario e alleviare lo stress associato ai turni notturni. Nei marittimi, l’integrazione di probiotici migliora la forma fisica, riduce l’ansia e mantiene l’omeostasi intestinale. L’integrazione con acidi grassi a catena corta o l’assunzione di fibre alimentari può anche ridurre l’ansia e la depressione. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per convalidare questi risultati e comprendere i meccanismi sottostanti.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Approfondimenti per parola chiave “microbiota”, “probiotici”, “disbiosi”.

Pubblicazioni scientifiche

Lopez-Santamarina A.et al. Nutrients 2023; Jul 7; 15(13):3070.

Bijnens S, Depoortere I. Physiol Behav. 2023 May; 263:114103.

Mortaş H, Bilici S et al. Chronobiol Int. 2022 Jun; 39(6):872-885.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Vitamina D nel diabete femminile: serve davvero alla gestione o ai sintomi depressivi annessi?

Il diabete colpisce 1 su 10 persone negli Stati Uniti e si prevede che aumenterà a 1 su 3 adulti entro il 2050. Inoltre,...

Gli sforzi per elaborare il vaccino contro l’epatite C: il segreto è nel rimodellare l’antigene

L'infezione da HCV causa danni al fegato asintomatici ed è una crisi sanitaria globale. Una strategia globale per combattere l'infezione da HCV deve incorporare...

A dedicated european committee warns about the danger behind the vaping on dental health

It has been known for years that smoking can contribute to serious damage to gum and oral health, with smokers suffering more gum disease,...