giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Esofagite eosinofila: identificati il suo primum movens e il farmaco che potrebbe bloccarlo

L’esofagite eosinofila (EoE) è scatenata da allergie alimentari o allergeni trasportati dall’aria che causano l’accumulo di un tipo di globuli bianchi, gli eosinofili, nel rivestimento dell’esofago. Ciò provoca l’accorciamento dell’esofago e l’ispessimento della parete esofagea, rendendo difficile la deglutizione e provocando il blocco del cibo in gola. La malattia si verifica in circa 1 adulto su 2.000, ma colpisce più frequentemente i bambini (1 su 1.500) dove i sintomi possono essere più difficili da diagnosticare e comportare rischi maggiori poiché la difficoltà di alimentazione può portare a malnutrizione, perdita di peso e scarsa crescita. Un nuovo studio della Tulane University ha identificato un nuovo trattamento per questa malattia cronica del sistema immunitario che può impedire ai bambini di mangiare.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications Biology, ha scoperto che la malattia è causata dall’interleuchina-18 (IL-18), una citochina coinvolta nella risposta immunitaria innata che può causare infiammazione se prodotta in eccesso. Quando un allergene alimentare entra nel corpo, attiva un percorso responsabile della regolazione del sistema immunitario innato, con conseguente rilascio di proteine proinfiammatorie come IL-18. Questo produce gli eosinofili che danneggiano l’esofago. Lo studio ha scoperto che l’inibizione riuscita di questo percorso, chiamato percorso NLRP3, e il rilascio di IL-18 hanno impedito lo sviluppo di EoE da allergeni sia alimentari che aerei. I risultati sono cruciali per una malattia che non è stata identificata fino agli anni ’90.

Per molti anni, EoE è stata diagnosticata erroneamente come malattia da reflusso gastrointestinale (GERD), nonostante i farmaci GERD fossero inefficaci per il trattamento di EoE. Inoltre, i risultati di questo studio sostituiscono decenni di pensiero secondo cui le cellule Th2 svolgono un ruolo importante nell’innescare l’EoE. Lo studio ha identificato un farmaco esistente, VX-765, come un inibitore che potrebbe funzionare come trattamento per gli esseri umani. Questa è una molecola bloccante per la caspasi-1, una proteasi che costituisce l’inflammasoma. È importante sottolineare che questo inibitore esaurirebbe solo gli eosinofili patogeni generati e trasformati da IL-18 e non influenzerebbe i globuli bianchi creati dalla IL-5, una citochina importante per mantenere l’immunità innata.

Gli scienziati hanno dichiarato che una sperimentazione clinica sarebbe il prossimo passo per determinare l’efficacia del trattamento. Infatti, il dottor Anil Mishra, autore principale dello studio presso la School of Medicine dell’Università di Tulane, ha commentato la scoperta: “I genitori e i medici potrebbero non esserne consapevoli, ma questa è una malattia molto importante e grave nella popolazione pediatrica, ed è in aumento nel numero perché è direttamente correlato agli allergeni alimentari, anch’essi in aumento. In questo studio, dimostriamo che dopo aver curato la malattia negli animali, la malattia è scomparsa ed è completamente in remissione. Data la scarsità di informazioni meccanicistiche e strategie di trattamento per l’esofagite eosinofila, riteniamo che gli studi proposti siano molto rilevanti e siano pronti ad avere un impatto importante sullo stabilire il significato del percorso NLRP3-IL18 nell’inizio della patogenesi di questa malattia”

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Yadavalli CS et al. Communicat Biol. 2023 Jul 31; 6(1):763.

Kandikattu HK et al. Mol Immunol. 2023 Mar; 155:100-109. 

Mishra A, Majid D et al. Allergy 2022 Apr; 77(4):1165-1179.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Il tumore del colon-retto giovanile: cosa ci sta sotto questo cancro che sta prendendo sempre più piede?

Negli Stati Uniti, si prevede che entro il 2030 il cancro del colon-retto a esordio giovanile (EOCRC) sarà la principale causa di morte nelle...

Vitamina C e infezioni: attraverso la storia, le evidenze dei suoi benefici

La vitamina C fu identificata all’inizio del XX secolo nella ricerca di una sostanza, la cui carenza avrebbe causato lo scorbuto. Lo scorbuto era...

Il rischio del tumore polmonare legato allo stile alimentare: le ultime evidenze

Il cancro al polmone rimane una delle principali cause di mortalità per cancro in tutto il mondo, con il fumo che rappresenta il principale...

Questo si chiuderà in 20 secondi