venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Il COVID-19 grave ha rivelato i tumori nascosti: cosa è successo? O meglio, cosa ci sta sotto?

Gli studi condotti durante la pandemia di COVID-19 hanno riportato che il sesso maschile, l’età avanzata e le comorbilità come malattie croniche e tumori attivi hanno aumentato il rischio di ospedalizzazione e mortalità a causa dell’infezione da SARS-CoV2. Anche gli individui con tumori attivi avevano un rischio relativamente più elevato di mortalità associata a COVID-19, anche se erano stati vaccinati. I sei fattori che hanno aumentato il rischio di morbilità e mortalità dei pazienti oncologici a causa delle infezioni da SARS-CoV2 sono stati l’età, l’aumento dell’espressione del recettore ACE-2, l’immunosoppressione dovuta a trattamenti contro il cancro, nonché uno stato pro-coagulante e risposte infiammatorie indotte dal cancro. Alcuni di questi fattori potrebbero influenzare la suscettibilità a gravi infezioni da SARS-CoV2 in individui con tumori non diagnosticati.

In un ultimo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati del database francese Système National des Données de Santé (SNDS). Questo database è stato utilizzato per vari studi farmacologici ed epidemiologici, in quanto comprende i dati sui rimborsi sanitari per l’intera popolazione francese. Lo studio ha incluso i dati sui ricoveri in unità di terapia intensiva (ICU) tra il 15 febbraio 2020 e il 31 agosto 2021, che coprivano il periodo tra l’inizio della pandemia di COVID-19 e la fine della quarta ondata in Francia. Il follow-up è stato esteso fino alla fine di dicembre 2021 per consentire un follow-up di quattro mesi per i pazienti ricoverati in terapia intensiva. Lo studio ha incluso dati su individui di età superiore ai 16 anni che si erano avvalsi di almeno un rimborso nei due anni precedenti la data indice e non avevano avuto diagnosi di cancro nei cinque anni precedenti.

I partecipanti allo studio sono stati suddivisi in due gruppi, il primo dei quali comprendeva quelli ricoverati in terapia intensiva. Il secondo gruppo comprendeva controlli abbinati per età, sesso e dipartimento francese che non erano stati ricoverati in ospedale. Sono state determinate informazioni su sesso, età, area di residenza e stato socio-economico e sono state analizzate co-variabili come comorbidità esistenti, stato di vaccinazione COVID-19, trattamento con steroidi o immunosoppressori e disturbi da dipendenza. L’esito esaminato includeva l’incidenza di cancro durante il periodo di follow-up in uno dei due gruppi. Un’incidenza di cancro è stata definita come ricovero in ospedale a causa di qualsiasi cancro o condizione simile al cancro che richieda il rimborso. I partecipanti sono stati esclusi dall’analisi dopo l’inclusione iniziale in caso di morte in uno dei gruppi.

Un totale di 897 delle 41.302 persone ricoverate in terapia intensiva con infezione da SARS-CoV-2 è stato diagnosticato con cancro durante i mesi di follow-up rispetto a 10.944 dei 713.670 controlli con diagnosi di cancro. Infatti, le persone che erano state ricoverate in terapia intensiva avevano un rischio 1,3 volte maggiore di diagnosi di cancro rispetto a quelle che non avevano richiesto il ricovero per infezione da coronavirus. Quando il periodo di follow-up è stato ridotto a tre mesi o se è stata considerata solo la popolazione femminile, l’associazione tra ricovero in terapia intensiva e diagnosi di cancro era più forte. Inoltre, rispetto ai controlli, gli individui nel gruppo di terapia intensiva avevano maggiori probabilità di essere diagnosticati con tumori ematologici, renali, polmonari o del colon. Altri tipi di tumori non hanno mostrato differenze significative tra i due gruppi.

Sebbene lo studio non abbia discusso alcun effetto causale tra l’infezione da SARS-CoV2 e lo sviluppo del cancro durante il periodo di follow-up, i ricercatori hanno speculato sulle differenze nelle tecniche di screening e diagnosi tra i due gruppi che potrebbero aver portato a un bias di rilevamento. Gli individui ricoverati in terapia intensiva con infezione da SARS-CoV2 potrebbero essere stati sottoposti a ripetute scansioni polmonari e esami del sangue, che potrebbero aver portato alla rilevazione di tumori polmonari o ematologici. Comparativamente, i test dell’antigene prostatico specifico o le mammografie potrebbero non essere stati una priorità durante il ricovero in terapia intensiva. Al contrario, gli individui nel gruppo di controllo potrebbero essere stati sottoposti a screening per altri tumori, poiché erano in condizioni di salute migliori per sottoporsi a questi test.

Sebbene possa essere più intuitivo capire perché alcuni tipi di cancro ematologico potrebbero avere un impatto sul sistema immunitario, potrebbe essere più difficile comprendere il legame tra cancro del rene o del colon e una maggiore fragilità all’infezione da coronavirus. Tuttavia, alcuni studi recenti hanno già confermato la disfunzione immunitaria associata ai tumori del rene e del colon. I punti di forza dell’indagine risiedono nell’elevato numero di partecipanti (anche come database di informazioni) e tutte le analisi sono state regolate con un modello multivariabile per ridurre al minimo i fattori di confusione. Sebbene esista un potenziale bias di rilevamento in questa indagine, questi risultati indicano che una grave infezione da COVID potrebbe essere un marker di cancro non diagnosticato.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dugerdil A et al. Scientific Reports 2023; 13(1):8729.

Romatoski KS et al. J Amer Coll Surg. 2023 May 25.

Mendonça E et al. Semin Oncol. 2023; 50(1-2):60-65.

Trama A et al. Int J Cancer. 2022; 151(9):1502-1511.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Esercizio e longevità: qual’è meglio, intensivo, di resistenza o di forza?

Allenamento di resistenza, allenamento di resistenza o allenamento ad intervalli ad alta intensità - che tipo di esercizio fisico aiuterà il tuo corpo a...

Succo di arancia rossa: ottimo tal quale ed anche fermentato

L'obesità è un problema in costante crescita a causa dei sempre peggiori stili alimentari che stanno prendendo piede. La recente scoperta che l'arancia rossa potrebbe contrastare questo fenomeno,...

Alzheimer: la qualità del sonno nei caregivers non deve mancare

Quasi 6 milioni di persone vivono con il morbo di Alzheimer. Tuttavia, gli effetti sono avvertiti dagli oltre 16 milioni di persone, spesso membri...