giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sollevamento pesi: perchè alcuni sono più veloci di altri a mettere massa muscolare?

L’attività fisica è un modo importante per promuovere la salute e il benessere generale.

L’American Heart Association (AHA) raccomanda almeno 150 minuti di attività aerobica di intensità moderata a settimana o 75 minuti a settimana di attività aerobica intensa. L’agenzia esorta inoltre le persone a svolgere attività di rafforzamento muscolare da moderata ad alta intensità, inclusi pesi o allenamento di resistenza, almeno due giorni alla settimana. Gli esercizi aerobici di intensità moderata includono attività come aerobica in acqua, camminata veloce di almeno 4 km all’ora, ballo, tennis, giardinaggio e ciclismo. Le attività ad alta intensità includono nuotare, correre, fare escursioni in salita o con uno zaino pesante, lavori pesanti in giardino, tennis, danza aerobica, saltare la corda e andare in bicicletta, tra gli altri. C’è anche il sollevamento pesi tra le discipline sportive. La maggior parte delle volte, le persone si avvicinano al sollevamento pesi per scopi di competizione, ma una grande fetta di sportivi pratica questa disciplina per i suoi gusti e per il modo personale di mantenere la salute.

Tuttavia, nel mondo del sollevamento pesi, alcune persone guadagnano più muscoli più velocemente di altre, indipendentemente da quello che fanno. Se questo può non essere rilevante per coloro che lo fanno raramente per la salute generale, ciò può rappresentare una sfida per le persone competitive. Ora, un nuovo studio sull’uomo potrebbe spiegare perché questo accade. Un team di ricercatori dell’Università di McMaster, insieme ad altri ricercatori provenienti da Canada, Regno Unito e Stati Uniti, ha trovato nuove risposte attraverso un nuovo esperimento in cui i partecipanti hanno esercitato una gamba e immobilizzato l’altra. Il team ha identificato 141 geni che sembrano regolare la crescita dei muscoli scheletrici, che sono legati agli scheletri per controllare la potenza e il movimento. Nello studio uomini giovani e sani hanno sviluppato muscoli in una delle loro gambe seguendo un regime prescritto di allenamento con i pesi. Hanno reclutato 10 uomini che hanno seguito un addestramento per oltre 10 settimane.

Per le prime otto settimane, l’altra gamba è servita come controllo non esercitabile. Per le due settimane successive, la gamba che non si esercitava è stata immobilizzata interamente su un tutore per impedirle di sostenere il peso. In sole due settimane, la gamba immobilizzata ha perso la stessa quantità di massa muscolare che la gamba opposta aveva guadagnato in più di due mesi di allenamento con i pesi. Il confronto delle risposte genetiche dei muscoli di entrambe le gambe dello stesso individuo ha guidato i ricercatori a isolare accuratamente ciò che aiuta la crescita muscolare correlata all’esercizio fisico. Il guadagno muscolare nell’arto che si esercita è compreso tra l’1 e il 15% nelle dieci settimane, con una media dell’8 percento. La perdita muscolare nella gamba non esercitata o immobilizzata variava tra l’1 e il 18%, con una media del 9 percento. In parole povere, il partecipante medio ha perso muscoli a causa dell’inattività a circa cinque volte la velocità con cui l’aveva acquisita attraverso il sollevamento pesi.

Tanner Stokes, autore principale della ricerca, e Stuart Phillips, professore di Kinesiologia, hanno spiegato: “La variazione nella crescita muscolare tra le persone rende molto difficile isolare ciò che guida quella crescita. Usare entrambe le gambe della stessa persona per caricare e scaricare i muscoli ci ha permesso di fare un confronto diretto. Il nuovo esperimento ha fornito nuove intuizioni che potrebbero aiutare a sviluppare nuovi metodi contro la perdita muscolare debilitante nelle persone anziane. Questo potrebbe potenzialmente aiutare a sviluppare una “pillola per esercizi” per combattere la debolezza e la fragilità nella vecchiaia. Potrebbe anche aiutare a fornire un farmaco alle persone anziane per prevenire lesioni dovute all’attività, imitando i benefici di un allenamento. Lo studio è essenziale per aiutare a mantenere gli anziani o gli anziani sani e al sicuro. Se riusciamo a indirizzare quei geni con lo stile di vita e le terapie farmacologiche, potremmo essere in grado di aiutare gli anziani e le persone vulnerabili alla perdita muscolare”.

Inoltre, lo studio sottolinea l’importanza di costruire e mantenere i muscoli per la salute generale e la qualità della vita. Alcuni tipi di esercizio, incluso il sollevamento pesi, si concentrano sul carico muscolare scheletrico che ha stressato i muscoli. Di conseguenza, si verifica l’ipertrofia delle fibre muscolari, che costruisce efficacemente i muscoli. Negli esseri umani, il carico volontario tramite esercizi di resistenza porta a un adattamento fisiologico altamente eterogeneo tra gli individui, che si associa ad una risposta molecolare differenziale. L’aumento del carico del muscolo scheletrico induce l’ipertrofia delle fibre muscolari che richiede il rimodellamento delle fibre muscolari ed extracellulari. Al contrario, lo scarico provoca atrofia delle fibre, riduzioni del contenuto proteico e un fenotipo tissutale più affaticabile.

  • A cura del Dr., Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Serrano N et al. PLoS One. 2019 Mar 27; 14(3):e0207975.

Garner O et al. MJ Case Rep 2018 Jul; 2018:bcr2017223891.

Storey AG et al. Scand J Med Sci Sports 2016; 26(1):29-40.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Emicrania ed asma: c’è chi pensa che dovrebbero essere gestite allo stesso modo. Perchè?

L’emicrania, una malattia neurologica che colpisce più di 38 milioni di americani di tutte le età, è spesso fraintesa e mal diagnosticata da pazienti...

Tumore al seno da inquinamento urbano: le prime prove ufficiali sul particolato PM2,5

Il cancro al seno è il tumore più comune tra le donne a livello globale, con una prevalenza stimata in oltre 7,8 milioni di...

Vitamina D: come mantiene la salute generale del cervello

La vitamina D è nota per essere anti-proliferativa e ha effetti di pro-differenziazione, come dimostrato dall'aggiunta di 1,25-diidrossivitamina D3 a colture di linee cellulari...

Questo si chiuderà in 20 secondi