martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Keto-diet spinta e Mediterranea a confronto per migliorare la fertilità assistita nelle pazienti con PCOS: un’indagine

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) rappresenta il disturbo ormonale più comune che colpisce le donne. In circa il 75% delle donne con PCOS, l’ovulazione è parzialmente o completamente interrotta, aumentando così il rischio di infertilità anovulatoria nelle donne affette. La PCOS è anche associata a un rischio più elevato di disfunzione metabolica, tra cui diabete di tipo 2, sindrome metabolica e malattie cardiovascolari. È noto che una massa corporea eccessiva riduce l’efficacia delle tecnologie di riproduzione assistita (ART) come la fecondazione in vitro. Un indice di massa corporea (BMI) elevato è associato a un rischio sette volte maggiore di effetti avversi come la sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS) durante la fecondazione in vitro. Anche l’induzione dell’ovulazione è più difficile con un BMI più elevato.

Gli approcci all’infertilità correlata alla PCOS comprendono farmaci, chirurgia, cambiamenti dello stile di vita e fecondazione in vitro. La fecondazione in vitro viene utilizzata quando l’induzione dell’ovulazione non ha avuto successo o se la subfertilità maschile o l’infertilità tubarica complicano il problema. Una perdita di peso del 5% o più è efficace nel trattamento della PCOS, poiché migliora la funzione riproduttiva anche senza ART, riduce l’infiammazione cronica e migliora i parametri metabolici. I depositi di grasso nel corpo sono anche un’importante fonte di ormoni che secernono androgeni Fra questi sicuramente ci sono le adipochine, alcune della quali hanno funzione simile alle citochine immunitarie. I regimi dietetici a basso contenuto di carboidrati possono anche ridurre o invertire la resistenza all’insulina e l’infiammazione.

In un recente studio italiano con un piccolo campione di 84 pazienti con PCOS sovrappeso o obesi, i ricercatori esplorano i benefici degli interventi che riducono la massa corporea nelle donne con infertilità correlata a PCOS che sono candidate alla fecondazione in vitro. Questi interventi includevano la dieta Mediterranea (MED) e una dieta chetogenica a bassissimo contenuto calorico (VLCKD). I partecipanti allo studio sono stati sottoposti a VLCKD o MED e dopo esaminati per rilevare variazioni di peso, ormoni e metabolismo. I pazienti in VLCKD hanno perso peso in modo significativo, come evidenziato nel BMI rispetto ai pazienti in MED a 3 e 4 mesi. Anche la circonferenza corporea era ridotta significativamente nei pazienti con VLCKD. I pazienti che hanno consumato il VLCKD hanno mostrato misurazioni della circonferenza dell’anca ridotte, rispettivamente, di 9 e 11 cm a tre e quattro mesi.

Le misurazioni della circonferenza addominale sono diminuite rispettivamente di 8 e 11 cm, il doppio rispetto al gruppo MD. Le misurazioni della circonferenza della vita sono diminuite di 9 e 12 cm nel gruppo VLCKD rispetto alla metà di questi valori nei valori del gruppo MED. I livelli dell’ormone antimulleriano (AMH) sono diminuiti nella coorte VLCKD, riflettendo così un cambiamento nel profilo della PCOS. Anche i livelli di androgeni sono diminuiti sia con i gruppi VLCKD che con quelli MED; tuttavia, l’entità della riduzione è stata maggiore con la dieta VLCKD. I livelli sierici degli ormoni FSH ed LH non differivano significativamente, ma il rapporto FSH/LH è migliorato di 120 giorni in entrambi i gruppi. Circa il 75% e il 90% delle donne su dieta VLCKD sono passate dall’amenorrea a cicli regolari o irregolari rispettivamente a 90 e 120 giorni, rispetto a circa il 50% e 60% con la dieta MED.

Pertanto, entrambi gli approcci dietetici sembrano migliorare indirettamente la composizione corporea, come evidenziato da varie misurazioni della massa corporea, nonché i risultati riproduttivi. L’impatto positivo della VLCKD sul metabolismo potrebbe essere dovuto ad un metabolismo muscolare più elevato e ad una maggiore perdita di grasso. Ciò può essere attribuito all’aumento dei livelli di ormoni adrenergici che promuovono un tasso metabolico basale più elevato. Il numero di nuovi casi di OHSS è stato inferiore tra i pazienti con VLCKD pari al 27% rispetto al 68% tra quelli in MD. Pertanto, la VLCKD sembra migliorare la salute riproduttiva e promuovere una fecondazione in vitro più sicura. Il basso apporto di carboidrati di queste diete può anche mitigare o invertire la disfunzione metabolica e quindi migliorare la salute a lungo termine dell’individuo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Meneghini C, Bianco C et al. Nutrients 2023 Oct; 15(20):4444.

Barrea L, Verde L et al. Curr Nutr Rep. 2023 Mar; 12(1):56-64.

Magagnini MC, Condorelli RA et al. Nutrients. 2022; 14(19):4147.

Sha T, Wang X et al. Reprod Biomed Online 2019; 39:281–293.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Da una nuova neuropatologia rara a quelle più comuni: e la proteina YTK6 che accomuna il riciclo molecolare in tutte loro

Un recente studio collaborativo ha scoperto rare varianti nel gene YKT6 come causa di un nuovo disturbo neurologico caratterizzato da ritardi nello sviluppo insieme...

Biologia del tumore mammario: abbattere lo stress impedisce alle metastasi di fuggire

È stato a lungo pensato che lo stress contribuisca alla progressione del cancro. Scienziati dell’Università di Basilea e del suo Ospedale universitario hanno decifrato...

Calorie, gusto e recettori: la preferenza non è un’opzione

La risposta edonica a zuccheri e grassi ad alto contenuto calorico e il conseguente sovra-consumo di tali alimenti, probabilmente gioca un ruolo nella crescente...

Questo si chiuderà in 20 secondi