sabato, Dicembre 9, 2023

Keto-diet spinta e Mediterranea a confronto per migliorare la fertilità assistita nelle pazienti con PCOS: un’indagine

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) rappresenta il disturbo ormonale più comune che colpisce le donne. In circa il 75% delle donne con PCOS, l’ovulazione è parzialmente o completamente interrotta, aumentando così il rischio di infertilità anovulatoria nelle donne affette. La PCOS è anche associata a un rischio più elevato di disfunzione metabolica, tra cui diabete di tipo 2, sindrome metabolica e malattie cardiovascolari. È noto che una massa corporea eccessiva riduce l’efficacia delle tecnologie di riproduzione assistita (ART) come la fecondazione in vitro. Un indice di massa corporea (BMI) elevato è associato a un rischio sette volte maggiore di effetti avversi come la sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS) durante la fecondazione in vitro. Anche l’induzione dell’ovulazione è più difficile con un BMI più elevato.

Gli approcci all’infertilità correlata alla PCOS comprendono farmaci, chirurgia, cambiamenti dello stile di vita e fecondazione in vitro. La fecondazione in vitro viene utilizzata quando l’induzione dell’ovulazione non ha avuto successo o se la subfertilità maschile o l’infertilità tubarica complicano il problema. Una perdita di peso del 5% o più è efficace nel trattamento della PCOS, poiché migliora la funzione riproduttiva anche senza ART, riduce l’infiammazione cronica e migliora i parametri metabolici. I depositi di grasso nel corpo sono anche un’importante fonte di ormoni che secernono androgeni Fra questi sicuramente ci sono le adipochine, alcune della quali hanno funzione simile alle citochine immunitarie. I regimi dietetici a basso contenuto di carboidrati possono anche ridurre o invertire la resistenza all’insulina e l’infiammazione.

In un recente studio italiano con un piccolo campione di 84 pazienti con PCOS sovrappeso o obesi, i ricercatori esplorano i benefici degli interventi che riducono la massa corporea nelle donne con infertilità correlata a PCOS che sono candidate alla fecondazione in vitro. Questi interventi includevano la dieta Mediterranea (MED) e una dieta chetogenica a bassissimo contenuto calorico (VLCKD). I partecipanti allo studio sono stati sottoposti a VLCKD o MED e dopo esaminati per rilevare variazioni di peso, ormoni e metabolismo. I pazienti in VLCKD hanno perso peso in modo significativo, come evidenziato nel BMI rispetto ai pazienti in MED a 3 e 4 mesi. Anche la circonferenza corporea era ridotta significativamente nei pazienti con VLCKD. I pazienti che hanno consumato il VLCKD hanno mostrato misurazioni della circonferenza dell’anca ridotte, rispettivamente, di 9 e 11 cm a tre e quattro mesi.

Le misurazioni della circonferenza addominale sono diminuite rispettivamente di 8 e 11 cm, il doppio rispetto al gruppo MD. Le misurazioni della circonferenza della vita sono diminuite di 9 e 12 cm nel gruppo VLCKD rispetto alla metà di questi valori nei valori del gruppo MED. I livelli dell’ormone antimulleriano (AMH) sono diminuiti nella coorte VLCKD, riflettendo così un cambiamento nel profilo della PCOS. Anche i livelli di androgeni sono diminuiti sia con i gruppi VLCKD che con quelli MED; tuttavia, l’entità della riduzione è stata maggiore con la dieta VLCKD. I livelli sierici degli ormoni FSH ed LH non differivano significativamente, ma il rapporto FSH/LH è migliorato di 120 giorni in entrambi i gruppi. Circa il 75% e il 90% delle donne su dieta VLCKD sono passate dall’amenorrea a cicli regolari o irregolari rispettivamente a 90 e 120 giorni, rispetto a circa il 50% e 60% con la dieta MED.

Pertanto, entrambi gli approcci dietetici sembrano migliorare indirettamente la composizione corporea, come evidenziato da varie misurazioni della massa corporea, nonché i risultati riproduttivi. L’impatto positivo della VLCKD sul metabolismo potrebbe essere dovuto ad un metabolismo muscolare più elevato e ad una maggiore perdita di grasso. Ciò può essere attribuito all’aumento dei livelli di ormoni adrenergici che promuovono un tasso metabolico basale più elevato. Il numero di nuovi casi di OHSS è stato inferiore tra i pazienti con VLCKD pari al 27% rispetto al 68% tra quelli in MD. Pertanto, la VLCKD sembra migliorare la salute riproduttiva e promuovere una fecondazione in vitro più sicura. Il basso apporto di carboidrati di queste diete può anche mitigare o invertire la disfunzione metabolica e quindi migliorare la salute a lungo termine dell’individuo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Meneghini C, Bianco C et al. Nutrients 2023 Oct; 15(20):4444.

Barrea L, Verde L et al. Curr Nutr Rep. 2023 Mar; 12(1):56-64.

Magagnini MC, Condorelli RA et al. Nutrients. 2022; 14(19):4147.

Sha T, Wang X et al. Reprod Biomed Online 2019; 39:281–293.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Rigetto dei trapianti: la nuova terapia biologica con PRO140

La ricerca recentemente pubblicata fornisce una dimostrazione preclinica della capacità del PRO 140, un anticorpo monoclonale anti-CCR5 umanizzato in sviluppo da parte di CytoDyn...

Can cer-tain enzymes be targeted to suppress metastases? Any epigenetic cascade is NN MT of roles

A cell can be pictured like a social network: in theory, every person is connected to every other person in the world through surprisingly...

Incontinenza urinaria: generalità

Fisiologia della minzione La minzione è sottoposta completamente a controllo volontario. La contrazione detrusoriale può essere inibita, permettendo alla vescica di adattarsi ad un volume...