venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Diabete da gravidanza: quali opzioni alimentari sono disponibili e cosa ne pensa la scienza

Il diabete gestazionale (GDM) è l’iperglicemia che viene riconosciuta per la prima volta durante la gravidanza. Comprende diabete di tipo 2 non diagnosticato e iperglicemia che si sviluppa più tardi in gravidanza. È una delle condizioni mediche avverse più comuni della gravidanza e la sua prevalenza è in aumento come parte della pandemia globale di diabete. Si è stimato nel 2017 che il GDM colpisca circa 21,3 milioni o uno su sei nascite vive. Gli studi hanno dimostrato che esso aumenta con un tasso più rapido nei paesi a basso e medio reddito rispetto ai paesi ad alto reddito, in particolare negli ultimi dieci anni. La sua prevalenza è in aumento come parte della pandemia globale di diabete, sia nei paesi siluppati che in quelli in via di sviluppo. GDM è complessa e multifattoriale, con diversi aspetti che contribuiscono a spiegare la sua fisiopatologia, sebbene ciò non sia ancora completamente chiarito.

La nutrizione in generale e alcuni composti nutrizionali particolari, come carboidrati e fibre, contribuiscono a regolare l’indice glicemico e la risposta glicemica e, di conseguenza, possono influenzare l’instaurarsi e l’evoluzione del diabete gestazionale durante la gravidanza, nonché il rischio di esiti clinici sia nella madre che nel bambino. Di conseguenza, la nutrizione può essere uno strumento chiave per la prevenzione e la gestione del diabete gestazionale. A breve termine, il GDM aumenta le complicazioni della gravidanza e della nascita. Le donne con GDM hanno maggiori probabilità di sviluppare ipertensione gestazionale e preeclampsia. Una coorte retrospettiva basata sulla popolazione che includeva 426.296 consegne in un periodo di 10 anni ha riportato un rischio più elevato del 90% di preeclampsia nelle donne con GDM. L’obesità pre-gravidanza, l’eccessivo aumento di peso gestazionale e uno scarso controllo glicemico sono associati a un maggior rischio di ipertensione gestazionale e pre-eclampsia.

A lungo termine, il GDM aumenta il rischio, sia nella madre che nella prole, di diabete di tipo 2, sindrome metabolica e obesità. Nella loro revisione sistematica, Hopmans et al. ha mostrato che l’aumento del rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari era 13 volte e due volte superiore, rispettivamente, nelle donne con GDM rispetto al controllo sano. In una recente meta-analisi, Kramer et al. ha studiato l’associazione tra GDM e malattie cardiovascolari a lungo termine in 5.390.591 donne. Hanno scoperto che GDM era associato ad un rischio aumentato di 2,3 volte di eventi cardiovascolari nel primo decennio postpartum rispetto alle donne senza GDM. I carboidrati sono un’importante fonte di energia sia per la madre che per il feto e tutte le donne in gravidanza ne hanno bisogno di almeno 175 g/die, inclusi 28 g di fibre al giorno. Tuttavia, per le donne con GDM, è necessario prestare particolare attenzione alla quantità e al tipo di carboidrati.

I carboidrati nella dieta sono diversi per struttura con effetti variabili sulla risposta glicemica e altri esiti fisiologici. I primi studi hanno stabilito che elevate risposte postprandiali al glucosio contribuiscono ad un aumento del trasporto del glucosio nel feto e l’iperglicemia è significativamente correlata alla dimensione del bambino e / o all’adiposità. Gli studi hanno anche stabilito che le risposte materne al glucosio possono essere notevolmente influenzate dalla quantità totale di carboidrati o dal tipo consumato. Di conseguenza, al fine di migliorare il digiuno materno e il glucosio postprandiale durante la GDM, le attuali linee guida dietetiche raccomandano di limitare il loro apporto o di sostituire i carboidrati glicemici / a digestione rapida elevati con quelli che digeriscono più lentamente. Tuttavia, come espresso in numerose pubblicazioni, queste raccomandazioni dietetiche sono limitate dalla mancanza di prove attendibili.

L’analisi Cochrane più recente non ha mostrato significativi benefici per la madre o il bambino. Gli studi hanno valutato gli interventi nutrizionali per prevenire il diabete gestazionale. La maggior parte ha combinato l’aumento dell’attività fisica con la restrizione energetica attraverso la riduzione della quantità e / o la modifica del tipo di carboidrati per ridurre o rallentare l’aumento di peso durante la gravidanza. Gli studi e i loro risultati sono diversi. Nello studio LIMIT oltre 2000 donne in gravidanza in sovrappeso e obese sono state randomizzate prima di 20 settimane di gestazione a standard di cura o un braccio di stile di vita intensivo, compresi i consigli per ridurre l’assunzione di carboidrati raffinati. Il ruolo dei sostituti dei pasti nella prevenzione dello sviluppo della GDM non è stato ben studiato. D’altra parte, le formule specializzate specifiche per il diabete sono progettate utilizzando carboidrati digeriti lentamente e acidi grassi monosaturi per supportare il controllo glicemico.

Revisioni sistematiche e meta-analisi hanno dimostrato che l’intervento con formule migliora efficacemente il controllo glicemico e riduce i rischi cardio-metabolici. Dai dati disponibili, è stato dimostrato che l’uso di una formula come sostituto parziale di un pasto o di uno spuntino in un piano alimentare per diabetici ha portato a un maggiore miglioramento del controllo glicemico rispetto alla sola consulenza dietetica nelle donne con GDM, suggerendo che potrebbe essere un trattamento efficace per controllo glicemico in GDM. Ci sono anche risultati preliminari che suggeriscono i suoi benefici nel ridurre le complicazioni della gravidanza e della nascita. Sebbene limitati, gli studi hanno dimostrato che i sistemi CGM hanno il potenziale per aiutare il paziente e i suoi operatori sanitari a gestire le loro decisioni quotidiane su dieta, stile di vita, cura di sé e cure per raggiungere gli obiettivi del trattamento.

L’alimentazione è fondamentale per la prevenzione e il trattamento della GDM per la salute e il benessere della madre e della prole. Una grande attenzione alla quantità e al tipo di CHO nella dieta può avere importanti benefici sulla patofisiologia della GDM, ma gli interventi attualmente implementati potrebbero non essere adeguati per prevenire o curare questa complessa malattia. Tuttavia, sono necessarie continue ricerche per sviluppare strumenti per facilitare l’aderenza del paziente agli obiettivi del trattamento, individuare gli interventi e migliorare i risultati.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Mustad VA, Dieu TT et al. Nutrients 2020; 12:385-402.

Tabrizi R et al. J. Diab Metab. Disord. 2019; 18(1):41.

Kawasaki M et al. PLoS ONE 2018; 13(1):e0190676.

Phelan S et al. Am. J. Clin. Nutr. 2018; 107:183–194.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

L’intestino è il secondo cervello: ma i suoi neuroni sono i batteri

L'obesità e il diabete sono seri problemi di salute pubblica in tutto il mondo. Dal 1975, la prevalenza loro mondiale è quasi triplicata. I...

Insufficienza renale cronica: la dieta mediterranea le fa bene

L'insufficienza renale cronica (IRC) è un grave problema clinico e sanitario, perché è associato ad un aumento del rischio di eventi cardiovascolari, ospedalizzazione e morte....

Patate viola: la nuova prevenzione del tumore al colon

I ricercatori presso la Pennsylvania State University di State College hanno scoperto che la supplementazione di una dieta ipercalorica (HCD) con patate viola, in...