giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Lo stigma dell’epilessia: i risvolti sociali, scolastici e lavorativi, tra difficoltà e possibilità

Nel 1968 il sociologo statunitense Erving Goffman definì lo stigma come un “fenomeno in base al quale una persona è screditata o respinta dalla società a causa di un particolare attributo che ne danneggia la normale identità”. Tutti avranno sentito o percepito questa sensazione o problema anche oggi riguardo a condizioni mediche e non, come coloro che sono affetti da AIDS, i grandi obesi, gli omosessuali, chi ha malattie mentali invalidanti ed altro ancora. Questi individui possono avere interferenze col loro piano di cura per la presenza di pregiudizi che si ripercuotono sulla salute fisica, ma soprattutto mentale, dell’individuo. Il processo di stigmatizzazione può avvenire in ogni luogo, a cominciare dagli ambienti scolastici e di lavoro, passando da quelli familiari, per finire in quelli sociali ed anche sanitari.

Bisogna perciò fare attenzione fra stigma vero e quello percepito. Il primo è reale e si vede con atti fisici, verbali o misti; il secondo può semplicemente essere una sensazione o una convinzione della persona in assenza di evidenti segni reali. Uno stigma sociale e sanitario riguarda anche l’epilessia, per la quale lo stigma è sia individuale che esterno. Questo può far sembrare la situazione peggiore di quanto sia realmente per il paziente, portandolo all’isolamento sociale. Probabilmente nel passato era peggio, come nel Medioevo, quando la condizione era percepita come sintomo di possessione diabolica. Anche ai tempi dei greci e dei romani l’epilessia era vista come discriminante, anche se il suo appellativo “morbo sacro” probabilmente rendeva gli individui solamente “particolari” e da trattarli “con le pinze”.

Oltre alle implicazioni sociali lo stigma ha un peso importante anche sulla salute e sulla qualità di vita. Invero, tanto più è alto il livello di stigma percepito tanto minore è la soddisfazione sui vari aspetti dell’assistenza che si riceve, contando anche che le difficoltà di gestione della terapia sono maggiori, con una conseguente ridotta aderenza ad essa. Anche numerose pubblicazioni scientifiche, anche attraverso l’adozione di scale formali di valutazione del livello di stigma e della qualità della vita, ne hanno dimostrato l’associazione con ansia e depressione. Fortunatamente le forme più diffuse sono quelle in cui l’attacco comiziale porta il soggetto a riversarsi al suolo ed avere l’attacco classico in cui evitare di fargli morsicare/ingoiare la lingua può evitare di farlo morire soffocato.

In tal caso le persone possono spaventarsi o addurre un senso di compassione. E’ diverso il caso per le forme più rare o complesse in cui si possono avere comportamenti anomali, deficits intellettivi o di personalità che possono mettere a rischio sia il paziente che coloro che gli stanno accanto. Molti, per esempio, non conoscono il fenomeno della “fuga epilettica”, in cui il soggetto diventa preda di una allucinazione confabulatoria che lo porta a spostarsi, viaggiare e compiere azioni “realissime” per al sua mente, ma totalmente disconnesse dalla realtà per gli altri. Dopo che l’evento termina, il malcapitato può ritrovarsi in un posto che non conosce, essendosi spostato persino con mezzi pubblici ed aver raggiunto luoghi e fatto azioni di cui è incapace a rispondere o giustificarsi.

In Italia esiste la Lega italiana contro l’epilessia (LICE), che conta molte adesioni, il cui scopo è tutelare la salute, i diritti e le componenti socio-economiche dei pazienti affetti. Altro compito dell’associazione (e di altre analoghe e vicarianti) è quello di sensibilizzazione. Nonostante l’epilessia sia una condizione neurologica ben caratterizzata e le possibilità di informazione, aggiornamento e partecipazione siano in crescita, le conoscenze della popolazione generale in proposito sono ancora scarse, e ciò contribuisce allo stigma. Per esempio secondo la metà degli intervistati da membri della LICE l’epilessia è una malattia psichiatrica, e molti la ritengono ereditaria, incurabile e necessariamente soggetta a sostanziali limitazioni e restrizioni nella vita quotidiana.

Lo stesso può dirsi in ambito scolastico e lavorativo, dove ignoranza e disinformazione possono rendere difficile la convivenza di scolari/lavoratori con questo problema. Fortunatamente, interventi nelle scuole e sul luogo di lavoro, mirati a specifici sottogruppi di popolazione, appaiono promettenti e costo-efficaci, rispetto a campagne educazionali pubbliche su larga scala. Per tale ragione, negli ultimi anni la LICE ha portato avanti iniziative in ambito scolastico con corsi e campagne di aggiornamento per insegnanti e studenti e linee guida di intervento in caso di crisi epilettica, condivise a livello regionale e nazionale con gli uffici scolastici. Il personale lì è istruito ed istruisce sul trattamento immediato delle crisi e sulla possibile somministrazione di farmaci per il soggetto colpito.

Per ultimo, forse tutti non sanno che spesso una diagnosi di epilessia può diventare un ostacolo alle possibilità di impiego lavorativo. Ed ha anche le sue ripercussioni giuridiche. Per esempio, quando le crisi epilettiche si presentano per la prima volta in un adulto che svolgeva normali attività lavorative, potrebbe incappare in pesanti restrizioni magari temporanee ma comunque potenzialmente catastrofiche per le sue possibilità di sostentamento. Per ridurre la discriminazione, la vigilanza sulle normative correnti e l’emanazione di leggi “ad hoc”, rappresentano uno tra gli obiettivi principali del Piano decennale dell’OMS. Per adesso non sono previsti neppure supporti economici per casi come questi; e nonostante gli ostacoli burocratici le cose si stanno (seppur lentamente) muovendo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kanemura H. J Clinical Med. 2024 Jan 11; 13(2):405. 

Temple J et al. Epilepsy Behav. 2023 Dec; 149:109522.

Agbetou M, Camara IF et al. Seizure 2023; 107:172-76.

Coey P et al. Epilepsy Behav. 2023 May; 142:109186.

Sulena S et al. Epilepsy Behav. 2023 Apr; 141:109138.

Clifford LM et al. Adolesc Health Med Ther. 2023; 14:27.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

HIV: la proteina del guscio intrappolata nella forma ideale per il vaccino perfetto

Un nuovo vaccino contro l'HIV candidato della Scripps Research sormonta gli ostacoli tecnici che hanno ostacolato i precedenti sforzi del vaccino e stimola una...

Tumore polmonare: ha un segreto “mutaforma” per sfuggire alla chemio

Il cancro del polmone è ora la principale causa di morte correlata al cancro, sia a livello mondiale che negli Stati Uniti. La malattia...

La scienza fa il punto: che impatto ha l’esercizio fisico sul benessere di tutti i distretti corporei?

L’importanza dell’attività fisica nella salute umana Gli studi indicano che gli individui che si esercitano regolarmente e raggiungono i livelli raccomandati di attività fisica corrono...