venerdì, Giugno 21, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Autoironia: la difesa contro rabbia e disagio

Le battute autoironiche sono le migliori – a meno che non le crei. “Vedi cosa ho fatto lì? A giudicare dal mio umorismo (o dalla sua mancanza), potresti pensare che non sono una persona molto sicura di sé o che ho la tendenza a essere triste”. Secondo alcuni studi, tuttavia, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Qualche anno fa, ricercatori dell’Università di Granada in Spagna si sono proposti di indagare su diversi tipi di umorismo, giungendo a conclusioni sorprendenti. Contrariamente alla credenza popolare, dicono, quelli che fanno battute autoironiche non hanno una bassa autostima, né sono inclini alla depressione; possono, in realtà, essere più felici e meglio socializzati rispetto alla maggior parte delle persone. “In particolare”, ha affermato l’autore dello studio principale Jorge Torres-Marín, “abbiamo osservato che una maggiore tendenza a impiegare umorismo autolesionistico è indicativa di punteggi elevati nelle dimensioni del benessere psicologico, come la felicità e la socievolezza. Quindi, in altre parole, le mie battute autoironiche potrebbero in realtà significare che sono una persona più felice e meglio adattata che probabilmente ha più amici di te. Segretamente però, potrei anche odiare tutti – e questa è la verità perché, insomma, non scherzerei mai su questo”.

I ricercatori hanno raggiunto le loro conclusioni – pubblicate sulla rivista Personality and Individual Differences – dopo aver applicato l’analisi psicometrica per studiare l’umorismo di 1.068 adulti di età compresa tra i 18 e 65 anni. Per studiare il legame tra diversi stili di umorismo, benessere e tratti di personalità, gli esperti hanno applicato la tradizionale divisione tra quattro tipi di umorismo: “affiliativo, aggressivo, auto-valorizzante e autodistruttivo”. I ricercatori spiegano che l’umorismo pro-sociale, o “affiliato”, è caratterizzato da commenti divertenti o da battute ironiche, essendo considerato un tipo di umorismo benevolo. Questo tipo di umorismo è stato scoperto correlato con tratti di personalità come gentilezza, umiltà e onestà. Più gentile è la persona, più è probabile che faccia battute “benevoli” per rafforzare i legami sociali. L’umorismo auto-valorizzante, d’altra parte, si riferisce al mantenimento di una prospettiva umoristica in situazioni avverse o dannose. I ricercatori dicono che si aspettavano che l’umorismo auto-potenziato fosse correlato con i punteggi più alti di benessere psicologico positivo, ma invece hanno trovato l’umorismo autolesionistico correlarsi con la felicità. Inoltre – e con sorpresa – l’umorismo autolesionistico era anche associato a una maggiore repressione della rabbia.

Al contrario, le persone che usano l’umorismo auto-valorizzante tendono anche a gestire meglio la loro rabbia o semplicemente a sentirsi meno arrabbiate in generale. Infine, l’umorismo aggressivo correlato con una maggiore espressione ed esperienza di rabbia nelle situazioni quotidiane. Gli autori avvertono che certi tipi di umorismo potrebbero essere usati per nascondere i sentimenti negativi. Il coautore dello studio Ginés Navarro-Carrillo ha fatto un lungo commento: “I risultati suggeriscono che l’umorismo, anche se presentato come benigno o ben intenzionato, può anche rappresentare una strategia per mascherare le intenzioni negative. L’umorismo consente alle persone con punteggi bassi in onestà di costruire fiducia, vicinanza, ecc. con altre persone, e quindi utilizzare informazioni importanti per manipolarle o ottenere vantaggi in futuro. Come una persona a cui non piace davvero dire barzellette – ma chi ama fare cabaret – non posso resistere all’impulso di passare alcuni dei “grandi della commedia” attraverso il filtro delle nuove scoperte. Comici arrabbiati come Bill Hicks, Lenny Bruce e George Carlin possono sinceramente hanno avuto problemi di gestione della rabbia, visto che il loro umorismo era “aggressivo” e talvolta oscuro. Se vogliamo dare per scontati i risultati, l’umorismo “solare” di Jerry Seinfeld può essere un segno che è davvero una persona gentile e onesta, o che è l’esatto opposto: manipolativo e disonesto, e cerca solo di ottenere la nostra fiducia”.

D’altronde, infatti, chi può dire di conoscere in fondo chiunque?

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Torres-Marin J et al. Front Psychol. 2017 Nov 8; 8:1954.

Ruch W et al. Front Psychol. 2017 Nov 21; 8:2043.

Papousek I et al. Psychiatry Res. 2016 Jan; 235:61-68.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Igiene orale: mantenerla fa evitare la comparsa di malattie cardiache, diabete ed autoimmunità

Le malattie gengivali colpiscono milioni di persone nel mondo, ma le persone con diabete hanno un rischio maggiore di svilupparle. La malattia gengivale si...

Affamati ed arrabbiati: adesso si sa perchè cambiamo umore

Sembra che "hangry" (neologismo di hungry=affamato; angry=arrabbiato) non sia solo un termine inventato. I ricercatori dell'Università di Guelph hanno rivelato che l'improvviso calo di...

Sclerosi multipla: storia di una condizione che potrebbe partire fuori dal cervello e legarsi allo stile di vita

La sclerosi multipla: basi di patogenesi L'eziologia della sclerosi multipla (SM) rimane in gran parte sfuggente; tuttavia, è noto che si manifesta in individui geneticamente...

Questo si chiuderà in 20 secondi