giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Fibrosi cistica: il primo multivitaminico antiossidante che funziona

I ricercatori del Colorado Children’s Hospital e della University of Colorado School of Medicine hanno scoperto che l’assunzione di un multivitaminico arricchito con antiossidanti appositamente formulati può ridurre le malattie respiratorie nelle persone con fibrosi cistica (FC). Lo studio, che è stato recentemente pubblicato online sull’American Journal of Respiratory e Critical Care Medicine, ha esaminato gli effetti di un “cocktail” di più antiossidanti sull’infiammazione e sugli esiti di salute in pazienti con FC. L’infiammazione è un importante contributo al danno polmonare nella FC e contribuisce al progressivo declino della funzionalità polmonare. Lo studio della durata di 16 settimane comprendeva 73 pazienti con CF insufficiente al pancreas (età media 22 anni). Per l’isufficienza pancreatica associata alla malattia, questi pazienti non assorbono adeguatamente importanti antiossidanti alimentari tra cui il beta-carotene, la vitamina E, il coenzima Q10 e il selenio, che aiutano a neutralizzare l’infiammazione nel corpo.

Per risolvere questo problema, gli antiossidanti utilizzati nello studio sono stati consegnati in una capsula specificamente progettata per persone con difficoltà ad assorbire grassi e proteine, compresi quelli con CF. L’integratore antiossidante era sicuro e ben tollerato. Gli antiossidanti supplementari hanno aumentato le concentrazioni di antiossidanti nel sangue nei soggetti trattati e hanno temporaneamente ridotto le citochine l’infiammatorie nel sangue a quattro settimane ma non a 16 settimane. È importante sottolineare che il trattamento antiossidante sembra sia prolungare il tempo alla prima malattia respiratoria che richiede antibiotici, riducendo la frequenza delle acuzie respiratorie che hanno subìto. In particolare, la metà dei pazienti che assumono il supplemento ha manifestato una riacutizzazione polmonare che richiedeva antibiotici rispetto al gruppo che assumeva il multivitaminico di controllo senza aggiunta di antiossidanti a 16 settimane.

Inoltre, il gruppo trattato con antiossidanti ha avuto una frequenza più bassa di malattie respiratorie rispetto al gruppo di controllo. Le formulazioni antiossidanti orali singole sono state precedentemente testate in CF con risultati misti. Tuttavia, non c’era stato un trial controllato e randomizzato ben progettato di un antiossidante. Si sa che lo stress ossidativo conseguente all’infiammazione cronica, è una componente fondamentale dei meccanismi di danno biologico in questa malattia. Mentre è necessario fare più ricerca per trovare un trattamento che fornisca un effetto antinfiammatorio prolungato, il team crede che questo integratore antiossidante prolunghi in modo significativo il tempo che i pazienti hanno avuto prima della loro prima polmonite. Inoltre, offre un mezzo semplice, relativamente economico per ripristinare e mantenere normali livelli di antiossidanti in persone che altrimenti avrebbero problemi a farlo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Younus H. Int J Health Sci. 2018 May-Jun;12(3):88-93.

Cantin AM. Am J Respir Crit Care Med. 2018 May 30.

Sagel SD et al. Am J Respir Crit Care Med. 2018 Apr 24.

Shi J et al. Oxid Med Cell Longev. 2018; 2018:6567578.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Fragole: il loro impatto positivo sulla salute del cuore

Fragole: frutto che a piena maturazione diventa succulento, ha un sapore dolce ed è ricco di acqua, minerali ed alcune vitamine. La fragola ha...

Cosa ci fa l’emoglobina nella pelle? Alla ricerca delle radici sulle prime intenzioni di difendersi dagli attacchi esterni

I ricercatori hanno dimostrato per la prima volta che l'emoglobina, una proteina presente nei globuli rossi dove lega l'ossigeno, è presente anche nell'epidermide, il...

Demenza fronto-temporale: una terapia mirata verrà con l’aumento delle conoscenze

Gli scienziati riportano in un nuovo studio che imitando un processo naturale di cellule, hanno impedito la formazione di aggregati proteici associati alla sclerosi...

Questo si chiuderà in 20 secondi