HomeRICERCA & SALUTEDall'ipertensione una speranza per la SM: la nimodipina

Dall’ipertensione una speranza per la SM: la nimodipina

Nonostante il continuo interesse per la ricerca sulla sclerosi multipla (SM), c’è ancora una mancanza di strategie neuroprotettive, perché l’obiettivo principale è rimasto sul controllo della risposta immunitaria. Studi di ricerca intensivi hanno studiato come modulare il sistema immunitario; le strategie terapeutiche comuni sono efficaci nel rallentare la malattia, la progressione e attenuazione dei sintomi, ma non possono curare la malattia. L’opzione di prevenire la neurodegenerazione presto sarebbe un utile addendum al trattamento abituale. Forse però qualcosa si sta muovendo in tal senso. Un gruppo di ricercatori delle Università di Colonia e di Werzburg, in Germania, ha scoperto che un comune farmaco anti-ipertensivo potrebbe essere il primo neuroprotettore nella sua categoria nel trattamento delle SM.

La nimodipina, è un farmaco del gruppo dei calcio-antagonisti usato per trattare l’ipertensione. Inoltre, per la sua alta affinità per il sistema nervoso centrale è usato per prevenire i vasospasmi dopo emorragia cerebrale. Gli attuali studi di ricerca stanno esaminando i suoi effetti sull’ictus cerebrale, l’epilessia, le prestazioni cognitive e gli effetti comportamentali. Conoscendo il suo meccanismo di azione, bloccare certi canali degli ioni calcio, i ricercatori hanno testato i suoi effetti sulle lesioni infiammatorie  croniche di ratti con SM (EAE). Con sorpresa, alle analisi istopatologiche della mielina nel midollo spinale, i ratti trattati con nimodipina hanno avuto una ricrescita delle fibre nervose maggiore per unità di superficie, per stimolazione selettiva delle cellule che ricostruiscono la mielina (oligo-dendrociti).

Al contrario, il farmaco ha soppresso la crescita e la funzionalità immunitaria della microglìa, i macrofagi del sistema nervoso che producono citochine infiammatorie responsabili della malattia. Il farmaco riduce altresì la produzione di ossido nitrico (*NO), un mediatore infiammatorio tipico delle fasi acute della SM attraverso l’enzima NOS2. Ma qui sta la seconda sorpresa: gli effetti della nimodipina non dipendono dalla sua interazione con i canali del calcio (Cav1.2); esso, infatti, non è presente nella microglìa! E non dipende neppure dal blocco dei canali del potassio, un altro recente bersaglio valutato per il trattamento della sclerosi multipla. I ricercatori non sono ancora sicuri quale sia il reale bersaglio della nimodipina in questa circostanza. Sta di fatto che il farmaco sopprime le risposte esagerate della microglìa, senza eliminarla del tutto e questo è un bene. La microglia, infatti, ha un parziale ruolo positivo nella SM: aiuta a sbarazzarsi dei detriti di mielina danneggiata.

Nel complesso, i dati del team alimentano la speranza che la nimodipina possa servire come opzione di trattamento per i pazienti con SM, che promuove la rigenerazione nervosa pur avendo anche capacità immunomodulatoria in assenza di gravi effetti collaterali.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Schamper A et al. (2017) P.N.A.S. USA:E3295–E3304.

Moon JS, et al. (2016) Nat Med 22:1002–1012.

Herzfeld E, et al. (2014) Int J Mol Sci 15:18453–18465.

Li Y et al. (2009) Neuropharmacology 56:580–589.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI