giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Caffè e disturbi renali: le conclusioni degli esperti

Il caffè è tra le bevande più gradite al mondo, secondo solo al thè. Il suo consumo è legato a fattori misti, di tipo socio-culturale, organolettico finanche a quello di dipendenza. Le sue proprietà principali sono legate al contenuto dell’alcaloide caffeina, che esercita i noti effetti stimolanti sul sistema nervoso, quello circolatorio e, in minor misura, respiratorio e renale. A parte individui che consumano caffè molto di rado o per nulla, altri soggetti sono fortemente dipendenti da questa bevanda, spesso per ragioni ove di gradimento, ove lavorative, ove entrambe. Tuttavia, la caffeina, dopo aver esercitato i suoi effetti farmacologici, va incontro a catabolismo. Appartenendo alla classe delle purine (metil-xantina), essa viene trasformata essenzialmente in acido urico. Questo ha suscitato l’interesse medico per scoprire se esistesse una correlazione diretta fra consumo quantitativo di caffè e patologie renali. Purtroppo, i dati pubblicati in letteratura spesso rivelano opinioni conflittuali riguardo al suo effetto favorente la formazione di calcoli, di interferenza con la funzionalità renale, l’escrezione di liquidi o la perdita di elettroliti. Molte delle incongruenze negli studi possono sicuramente dipendere dai dosaggi impiegati, da esposizioni precedenti, da problemi metabolici (es. diabete ignorato) più o meno conosciuti a priori ed anche concomitante uso di farmaci a scopo personale. Non ultimo, il terreno genetico è di pari importanza, dato che la caffeina può sia modificare catene enzimatiche metaboliche, sia venire modificata da enzimi per il metabolismo epatico dei farmaci.

Dato il suo ovvio metabolismo, è stata considerata la possibilità di insorgenza di nefrolitiasi (calcolosi). Esistono svariate decine di pubblicazioni al riguardo, con risultati negativi, ora positivi ora statisticamente non-significativi. La più ingente è stata pubblicata a fine 2014 ed ha coinvolto 3 grandi coorti di soggetti: lo Health Professional Follow-Up Study (HPFS) ed i due Nurse Health Study, per un totale di 217.883 partecipanti. Per tutte le coorti, vi è stata tendenza alla minore insorgenza di calcolosi (p<0.001). La caffeina aumenta l’escrezione di calcio, ma tende a ridurre quella di acido ossalico; infatti, la maggiore associazione con calcolosi è comparsa fra i sottogruppi che avevano assunto caffè decaffeinato. Per cui lo studio ha concluso che l’introito di caffeina è associata ad una minore incidenza di nefrolitiasi nell’uomo. In seguito, sono stati effettuati studi sui rischio di assumere caffeina in pazienti affetti da insufficienza renale cronica (IRC) o sul consumo di caffè in pazienti in emodialisi. Secondo le più recenti visioni della letteratura scientifica, il consumo fino a 3 tazzine di caffè al giorno non sembra rappresentare un rischio per i pazienti nefropatici cronici. Particolare riguardo, invece, gli studiosi lo volgono agli anziani, in particolare se in concomitante trattamento con antidolorifici e/o diuretici. Per i soggetti con familiarità di calcolosi o precedente storia clinica di nefrolitiasi, viene solamente raccomandato un adeguato apporto idrico. Uno studio finale (meta-analisi) di quest’anno che ha coinvolto quasi 15.000 individui, ha concluso che non sembra esserci alcuna associazione fra consumo di caffè e rischio di sviluppare IRC nei soggetti maschili. Mancano dati per il sesso femminile.

Infine, l’attenzione dei ricercatori è stata rivolta alla relazione fra il consumo di caffè e rischio di sviluppare tumori renali. L’associazione fra carcinoma renale e introito di caffeina è stata da sempre controversa. A parte la caffeina, infatti, il caffè contiene alcuni composti antiossidanti e chemiopreventivi (cafestolo, acido caffeico, acidi clorogenici, ecc.), che si è proposto poter ridurre l’incidenza di tumore renale, grazie proprio alla loro capacità di elicitare la comparsa di risposte cellulari difensive. Con sorpresa, sembra che sia la presenza di caffeina a condizionare direttamente la comparsa o meno di tumore renale. Sono appena stati pubblicati due studi, volti entrambi a determinare se il consumo di caffè sia direttamente correlato alla comparsa del carcinoma renale a cellule chiare (RCC). Lo studio meta-analisi che ha considerato l’utilizzo di caffè regolare, ha analizzato le banche dati MEDLINE, EMBASE e COCHRANE, ed ha visto una minore incidenza di tumore renale fra i bevitori di caffè regolare. L’altro studio, invece, ha confrontato le anamnesi di 669 casi di RCC con quelle di un migliaio di soggetti sani. Rispetto al consumo di caffè, è stata riscontrata un’associazione inversa tra il consumo di caffeina e il rischio RCC, ed una tendenza verso un aumento del rischio di RCC per il consumo di caffè decaffeinato. Il consumo di caffè deca è stato associato anche con un aumento del rischio per un sottotipo RCC, in particolare la forma aggressiva ccRCC.

Il fatto che la caffeina sia potenzialmente responsabile di questo effetto biologico, desta interesse su come questa sostanza possa avere delle azioni biologiche che forse ancora non sono state esplorate o scoperte. La caffeina, infatti, non possiede azioni antiossidanti dirette o indirette note. E’ dimostrato che i diterpeni antiossidanti del caffè (cafestolo, kaweholo) possono attivare risposte cellulari (Nrf-2, AhR) che stimolano la sintesi di proteine ed enzimi antiossidanti. Una simile azione finora non è stata riscontrata a carico della caffeina. Esiste una sola pubblicazione sperimentale sugli effetti anti-fibrotici della caffeina su topi cirrotici, in cui la caffeina ha ritardato al progessione della malattia attraverso qualcuna delle risposte cellulari menzionate (Nrf-2). In conclusione, sembra che l’assunzione moderata di caffè possa risultare non nociva per l’apparato renale. Anzi, pare che ci sia un certo effetto protettivo della caffeina nei confronti delle maggiori nefropatie.

Questo, si rimarca, entro le quantità della norma. Come per ogni cosa, d’altronde….

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

 

Citazioni bibliografiche

Antwi SO et al (2017) Cancer Causes Control 28(8): 857-66.

Wijarnpreecha K et al. (2017) Int J. Clin Pract. 2017 Jan; 71(1).

Ferraro PM et al (2014) Am J. Clin Nutr. 100(6): 1596-1603.

Singh VP et al. (2013) Korean J Physiol Pharmacol 17(4): 347.

Montella M et al. (2009) Nutr. Cancer 61(1): 76-80.

Bolignano D et al. (2007) J Ren Nutr. 17(4): 225-34.

Massy LK, Sutton RA (2004). J. Urol 172(2):555.58.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Distrofia muscolare: l’antinfiammatorio biologico migliora la prognosi

La distrofia muscolare (DMD) è la più comune malattia neuromuscolare genetica, che colpisce uno su 3.500-6.000 nati maschi. La malattia è caratterizzata da progressiva...

Allergie da tinture per capelli: alla ricerca di alternative naturali più sicure

Capelli e cosmetica I capelli contribuiscono alla presentazione della nostra immagine, all’espressione della nostra personalità, ragion per cui l’estetica ha sempre puntato sulla cura di...

Ictus cerebrale: se si corregge l’enzima giusto il neurone è salvo

L'ictus cerebrale è una delle principali cause di mortalità e morbilità in tutto il mondo con un numero crescente di rapporti e studi clinici...

Questo si chiuderà in 20 secondi