Home RICERCA & SALUTE Tumore tiroideo: non necessariamente il rischio si alza se il TSH è...

Tumore tiroideo: non necessariamente il rischio si alza se il TSH è alto

Il carcinoma tiroideo ha la più alta prevalenza di tutte le neoplasie endocrine e la sua incidenza aumenta più rapidamente di qualsiasi altra neoplasia tra uomini e donne. Negli Stati Uniti, il cancro alla tiroide è il nono tumore più comune e il tumore papillare della tiroide (PTC) rappresenta oltre l’80% di tutti i tumori della tiroide. Ma i fattori causali alla base del cancro alla tiroide rimangono scarsamente comprensibili. Il TSH è il principale fattore di crescita delle cellule tiroidee e il regolatore delle funzioni tiroidee. Le concentrazioni ematiche di ormoni tiroidei T3 e il suo pro-ormone tiroxina (T4) regolano inversamente il rilascio di TSH attraverso un circuito di feedback negativo a livello ipofisario. Alti livelli di TSH sono stati associati alla patogenesi del PTC in un modello murino. La soppressione del TSH è attualmente raccomandata per gestire pazienti con carcinoma tiroideo differenziato (DTC), che ha mostrato benefici per la sopravvivenza del paziente. È stato anche suggerito che gli ormoni tiroidei abbiano un effetto di promozione del tumore su diversi tipi di cancro, compresi i tumori del pancreas, della mammella, dell’ovaio e della prostata. Tuttavia, i risultati di studi epidemiologici che collegano il TSH e gli ormoni tiroidei al rischio di cancro alla tiroide sono stati incoerenti.

La maggior parte dei primi studi riportava un aumento del rischio di cancro alla tiroide associato a livelli elevati di TSH, diversi studi non hanno trovato alcuna associazione significativa. Tutti gli studi che hanno riportato un’associazione positiva tra TSH e carcinoma tiroideo erano studi trasversali o caso-controllo. Pertanto, la possibilità di effetto inverso della causa o del trattamento potrebbe essere potenzialmente preoccupante perché i livelli di TSH sono stati misurati dopo la diagnosi. Vi è un aumentato rischio di cancro alla tiroide associato a livelli di ormone tiroideo inferiori al normale, una scoperta che potrebbe avere un impatto maggiore sui pazienti che combattono la malattia. Lo studio, pubblicato sulla rivista American Association for Cancer Research, ha esaminato l’effetto dell’ormone stimolante la tiroide (TSH) sullo sviluppo del carcinoma tiroideo papillare umano (PTC). I risultati dello studio si sono basati su 741 partecipanti (341 donne, 400 uomini) dell’esercito statunitense che avevano regolari prelievi di sangue presso il Centro di Sorveglianza delle Forze Armate. Durante il test, è stata osservata un’associazione inversa tra PTC e livelli di TSH nell’intervallo normale tra uomini e donne. I dati hanno indicato che il  PTC è diminuito con l’aumento dei livelli di TSH sia tra uomini e donne.

I livelli di TSH al di sotto del range normale erano associati ad un aumentato rischio di PTC tra le donne ma non tra gli uomini, rispetto al terzile medio del range normale. Inoltre, un aumento del rischio di PTC in relazione a livelli di TSH superiori all’intervallo normale è stato osservato solo tra gli uomini ma non tra le donne. Il rischio di PTC è diminuito con l’aumento dei livelli di TSH nel range normale tra uomini e donne. È stata osservata invece un’associazione inversa tra livelli TT3 superiori all’intervallo normale e rischio di PTC solo tra gli uomini. “Studi precedenti hanno dimostrato che un livello più alto di TSH aumenta il rischio di PTC, tuttavia, questi erano studi caso-controllo in cui i livelli di TSH sono stati misurati in campioni di sangue raccolti tra pazienti che avevano già avuto la malattia”, ha detto Yawei Zhang, MD, PhD, professore associato presso la Yale School of Public Health. “Il nostro studio ha esaminato i livelli di TSH misurati in campioni di sangue raccolti molti anni prima della diagnosi della malattia. Pertanto, il nostro studio ha dimostrato che un basso livello di TSH aumenta il PTC. Questi risultati potrebbero avere implicazioni cliniche significative per i medici che gestiscono pazienti con funzioni tiroidee anormali. Una limitazione di questo studio è la mancanza di informazioni su diversi potenziali fattori di confusione, come l’esposizione alle radiazioni ionizzanti, la storia di patologie tiroidee benigne, la storia familiare di cancro alla tiroide e lo stato di fumatore”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Huang H et al. Cancer Epid Biomark Prev. 2017 Aug; 26(8):1209-1218.

Lee JH, Hwang Y, Song RY et al. Head Neck 2017 Aug; 39(8):1711-1718.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI