lunedì, Maggio 27, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Allergia al nichel: alla ricerca dei segreti oscuri di questo metallo

Il nichel è un metallo molto diffuso nell’ambiente, in particolare legato alle attività industriali umane. È sempre stato considerato il principale responsabile della dermatite da contatto negli adulti e nei bambini. Negli ultimi anni c’è stato un notevole aumento di questi casi e sembra che, oltre all’allergia da contatto, gli alimenti abbiano un’importanza nel determinare l’insorgenza di questo disturbo. Ciò è probabilmente correlato alla contaminazione degli stessi alimenti, durante una o più fasi della loro raccolta o lavorazione, sia artigianale che industriale. Le persone che sono moderatamente o gravemente allergiche al nichel hanno maggiori probabilità di segnalare sintomi non cutanei, come: debolezza, nausea e vomito, mal di testa, tachicardia e mancanza di respiro. Con la persistenza del problema compaiono gastrite o gastro-colite, ulcere orali della bocca e perdita di peso. Alcuni meccanismi dei sintomi gastrointestinali sono stati chiariti. Gli ioni di nichel sembrano formare un complesso abbastanza stabile con la porzione esterna del recettore TLR4 (Raghavan B et al., 2012; Zoroddu MA et al., 2014; Peana M et al., 2017) e attivare un complesso proteico all’interno del cellule, chiamate infiammosoma. (NLRP3). Il recettore TLR4 è distribuito sia a livello cutaneo che immunitario e nella mucosa intestinale. È un sensore per batteri, proteine, sostanze complesse e frammenti di cellule. È coinvolto nell’immunità innata e nelle reazioni infiammatorie, quindi la sua attivazione nelle azioni tossiche del nichel giustifica i sintomi sia sulla pelle che nell’intestino.

Si noti che tra gli alimenti considerati ad alto contenuto di nichel, vi è una certa consistenza grassa indubbia come margarina, oli di semi, nocciole e altra frutta secca. Sebbene possa sembrare inaffidabile, in effetti, le concentrazioni più elevate di nichel si trovano in queste, incluso il cacao e il burro di cacao, che sono altamente calorici. Questo viene al tema dei casi sempre più frequenti di allergie segnalati dai pazienti al consumo di frutta secca e oli di semi. Infatti, per la produzione di grassi “idrogenati”, la conversione di acidi grassi mono o poli insaturi presenti nei trigliceridi di alcuni grassi richiede catalizzatori a base di nichel. Non è escluso che tracce di queste possano passare nell’olio in alcune fasi della lavorazione. Se è vero che il nichel alimentare può rappresentare il vero allergene in soggetti sensibili, non è chiaro quale sia il suo ruolo rispetto alle allergie causate dal consumo di oli vegetali, margarine e prodotti simili, che potrebbero essere contaminati dalla lavorazione industriale. Non è chiaro, tuttavia, se la sintomatologia allergica sia dovuta al nichel presente negli alimenti stessi, poiché nel caso degli oli di semi esiste la possibilità che il nichel provenga da fonti di lavorazione. Inoltre, un’allergia al nichel deve essere distinta da quella dei componenti proteici attivi delle noci, come arachidi e nocciole.

======================

Oltre alla sua presenza in alimenti noti, gli organismi viventi contengono tracce di nichel nei tessuti o nelle cellule, indicando che è utile per alcune funzioni enzimatiche e biologiche. Uno di questi è essere un cofattore enzimatico della lipasi pancreatica, un enzima digestivo che ha il ruolo di abbattere i grassi introdotti con la dieta. Associazioni tra ioni di nichel e struttura e funzioni dell’insulina sono state riportate in passato e sembra definitivamente stabilito che una carenza può portare a ipertensione e / o ipoglicemia. Guardando l’elenco dei sintomi che caratterizzano le forme clinicamente significative di allergia al nichel, non si può non notare la sorprendente somiglianza tra questi e quelli riportati in pazienti che soffrono di problemi digestivi (insufficienza epatica, esiti di pancreatite cronica, malassorbimento o sindromi correlate) . Ammettendo che il nichel è un regolatore naturale delle funzioni del pancreas, testato per la sezione digestivo-enzimatica ma non ancora confermato per l’endocrino, non sorprende che gli alimenti più allergenici e / o ricchi di nichel siano quelli con un alto contenuto di grassi (oli e derivati, cacao, burro, frutta secca). Per coincidenza, sono anche quelli che inducono una risposta pancreatica più energetica, sia di tipo enzimatico che in termini di successivo riflesso di svuotamento gastrico.

Non ci sono prove al momento, ma è possibile che l’allergia al nichel rappresenti effettivamente una “spia” per un problema internista che non può essere riconosciuto con gli attuali mezzi diagnostici. Data la relazione tra le funzioni del nichel e del pancreas sopra descritte, è ipotizzabile che essere allergici al nichel significhi una debolezza intrinseca del sistema epato-pancreatico. Che questo possa predisporre al diabete, carenze di enzimi e altre complicazioni mediche non può essere confermato al momento. Esistono prove, al contrario, che dimostrano la possibilità di associazione tra sensibilità al nichel e sintomi come affaticamento cronico in relazione alla comparsa di qualche autoimmunità. Già nel 1999 si sospettava un possibile legame tra esposizione al mercurio o al nichel, con pazienti che soffrivano di astenia cronica indeterminabile. Nel corso degli anni i sospetti sono diventati sempre più numerosi, raggiungendo la possibilità di collegare la sensibilità al nichel con le malattie autoimmuni. Il primo caso di un paziente con eritema di nichel simultaneo e tiroidite autoimmune è stato pubblicato alcuni anni fa (Niedzela M et al., 2012), e ulteriori pubblicazioni rafforzano le ipotesi originali (Andrioli M et al., 2015). Il ruolo totale del nichel nelle reazioni immunitarie non è noto, ma i dati preliminari indicano che i bambini con esposizione precoce a oggetti contenenti nichel hanno meno probabilità di sviluppare la loro allergia in età adulta.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bechara R et al. J Invest Dermatol. 2017; 137(10):2140-48. 

Peana M et al. J Trace Elem Med Biol. 2017 Dec; 44:151-60.

Rana SV. (2014) Biol Trace Elem Res; 160(1):1-14. Review

Li X, Zhong F. Inflammation. 2014 Apr; 37(2):457-66.

Zoroddu MA et al. Dalton Trans. 2014 Feb 21; 43(7):2764.

Pigatto PD et al. Dermatol Online J. 2014 Oct 15; 20(10).

Raghavan B et al. EMBO Rep. 2012 Dec;13(12):1109-15.

Sterzl I. et al. NeuroEndocrinol Lett. 1999; 20(3-4):221-28.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Noci a tavola: le prove scientifiche per la prevenzione del declino cognitivo senile

I numeri del declino cognitivo nel mondo La demenza è definita dal deterioramento progressivo correlato all’età della funzione cognitiva in diversi domini (memoria, apprendimento, giudizio,...

Breast cancer: imaging to decide “to remo, chemo or bio”

An estimated 1 in 5 women with breast cancer have a mutation in their tumor cells that produces excess amounts of human epidermal growth factor receptor...

Trovata radice comune fra tumori e una malattia della pelle: senza ali non si vola

Ricercatori dell'Università di Dundee e dell'Istituto Francis Crick hanno fatto una scoperta significativa, su un percorso cellulare associato a difetti dello sviluppo e una...