sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Ernia inguinale: compare nell’anziano per colpa degli estrogeni

Un aumento correlato all’età in estrogeni può essere il colpevole dietro le ernie inguinali, una condizione comune tra gli uomini anziani che spesso richiede un intervento chirurgico correttivo, secondo uno studio della Northwestern Medicine pubblicato la scorsa settimana sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. Lo studio, condotto dal dott. Serdar Bulun, professore di Ostetricia e Ginecologia presso la Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University, ha rilevato che i muscoli addominali inferiori dei modelli murini sono particolarmente sensibili agli estrogeni, sviluppando tessuto cicatriziale in risposta all’aumento dei livelli di estrogeni che indebolisce il parete addominale e alla fine provoca un’ernia. Quando i ricercatori hanno ridotto l’estrogeno con un composto farmaceutico, ha impedito l’ernia, suggerendo una terapia con potenziale preventivo negli esseri umani. Le ernie inguinali si verificano quando il tessuto, come l’intestino, sporge attraverso il canale inguinale, un punto debole vicino all’inguine nella parete addominale umana. Questo punto, è caratterizzato da lassità muscolare, o di tendine o entrambe. Queste ernie sono la ragione più comune per gli uomini sottoposti a chirurgia. Ci sono più di 700.000 interventi di correzione di ernia inguinale eseguiti ogni anno negli Stati Uniti, secondo la Food and Drug Administration.

Precedenti studi sui topi suggeriscono che lo sviluppo delle ernie dello scroto può essere associato ad anomalie nei muscoli addominali, in particolare quelli nella regione inguinale. Negli uomini, studi istologici hanno identificato atrofia dei miociti, fibrosi e degenerazione grassa nell’area dell’anello inguinale interno da pazienti con ernia indiretta e nella parete addominale che circonda un bordo di ernia diretta. È stato riscontrato che l’espressione o l’attività dei muscoli e dei tessuti adiposi dell’aromatasi aumentano con l’avanzare dell’età, che coincide con l’incidenza dell’ernia inguinale. Mentre le probabilità di un’ernia inguinale aumentano man mano che gli uomini invecchiano, la causa principale rimane sconosciuta. Un’altra conseguenza dell’invecchiamento negli uomini è che una porzione maggiore di testosterone viene convertita in estrogeno da un ormone chiamato aromatasi. Il dottor Bulun, i cui principali interessi scientifici includono il cancro al seno e la ginecologia, stava studiando gli effetti degli estrogeni elevati nei topi femmina. Un esperimento ha comportato il potenziamento dei livelli di estrogeni incorporando il gene dell’aromatasi umana nel genoma del topo, creando topi che convertono il testosterone in estrogeni in tutto il corpo. In origine, non era nemmeno interessato ai topi maschi – fino a quando un guardiano di animali del Northwestern individuò grandi ernie che si sviluppavano solo nei maschi.

Bulun ha studiato questi topi, trovando ampi strati di fibroblasti – tessuto cicatriziale – che si sviluppavano in un piccolo sfintere muscolare, una struttura analoga al canale inguinale nell’uomo. Lui e il suo team hanno capito che il muscolo addominale inferiore è straordinariamente sensibile agli estrogeni. Gli estrogeni fanno sì che questi fibroblasti si dividano rapidamente, ad un ritmo molto più elevato rispetto alle cellule muscolari. Pertanto, avrebbe senso trattare gli uomini a rischio con un inibitore dell’aromatasi che potrebbe ridurre l’estrogeno e rafforzare il muscolo. La proliferazione dei fibroblasti indebolisce l’integrità dello sfintere e alla fine cede, causando un’ernia. Quando gli investigatori diedero ai topi un farmaco che bloccava l’aromatasi e quindi la conversione del testosterone in estrogeni, le ernie si fermarono, indicando la causa dell’estrogeno e indicando il potenziale per una terapia con inibitori dell’aromatasi che potrebbe essere in grado di prevenire un intervento chirurgico a rischio pazienti. Quei pazienti con maggiore rischio di ernia spesso hanno fattori comuni come l’età o la genetica, ma nel complesso il migliore predittore di una futura ernia inguinale è precedente. Il dottor Bulun e il suo team stanno attualmente lavorando con il dott. Jonah Stulberg, assistente professore di Chirurgia a Feinberg e coautore dell’attuale studio, per progettare studi clinici che testino l’efficacia di un inibitore dell’aromatasi negli studi sull’uomo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zhao H et al., Bulun SE. Proc Natl Acad Sci USA. 2018 Oct 16.

Robertson JO et al. Pediatric Surg Int. 2017 Sep; 33(9):981-987.

Pihlajamaa P, Sahu B, Jänne OA. Endocr Rev 2015; 36:357-384.

Shores MM et al. Curr Opin Endocr Diabetes Obes 2014; 21:209.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (I): le applicazioni di AI nella prevenzione del tumore mammario

Oltre che in campo tecnologico, l’Intelligenza artificiale (AI) è entrata anche in campo medico. Esistono numerosi strumenti di intelligenza artificiale per aiutare a rilevare...

Microbiota, glutine e sclerosi multipla: chi sta dietro chi?

L'evidenza sperimentale suggerisce che i cambiamenti nella composizione dell'ecosistema intestinale o microbiota, possono essere associati ad alterazioni della gravità in diversi modelli di malattie...

Cavoletti di Bruxelles: piccoli nella taglia, grandi nelle proprietà

I cavoletti di Bruxelles fanno parte della famiglia delle verdure Cruciferae, che forniscono una ricca varietà di nutrienti con poche calorie. Le verdure crocifere...

Questo si chiuderà in 20 secondi