Home RICERCA & SALUTE Asma: il fattore di crescita delle metastasi è colpevole e ora sotto...

Asma: il fattore di crescita delle metastasi è colpevole e ora sotto tiro

I ricercatori di UC Davis Health e Albany Medical College hanno dimostrato che il fattore di crescita vascolare endoteliale A (VEGF-a) svolge un ruolo importante nell’infiammazione e nell’ostruzione delle vie aeree associate all’asma. “Questa proteina è stata fortemente sovraregolata nei pazienti asmatici e negli animali che ricevono stimoli che causano l’asma”, ha detto Angela Haczku, UC Davis, caporicerca e professore di Pneumologia, Terapia intensiva e Medicina del sonno. “Questo mediatore può effettivamente suscitare i sintomi dell’asma nel modello del topo e, se lo si bersaglia, si possono eliminare i sintomi”. Per molti anni, il laboratorio Haczku ha collaborato strettamente con Qi Yang, coautore del nuovo studio e assistente professore di Immunologia e Malattie Infettive presso l’Albany Medical College. I due team hanno scoperto che i linfociti innati del gruppo 2 (ILC2) aiutano a guidare l’iper-reattività delle vie aeree, quando i polmoni rispondono ad allergeni o inquinanti atmosferici tossici come l’ozono e il processo di una vera e propria inizia l’attacco d’asma. Lo studio, pubblicato online sul Journal of Allergy e Clinical Immunology, potrebbe eventualmente portare a nuovi trattamenti per l’asma rivolti al VEGF-a.

La successiva domanda era: quali tipi di molecole infiammatorie producono ILC2 per generare questa infiammazione? “Non siamo riusciti a capire cosa causasse effettivamente l’ostruzione delle vie aeree”, ha detto Haczku. “In che modo queste cellule linfoidi innate causano l’asma?” Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno studiato come un modello murino ha risposto ad un allergene comune, Alternaria alternata. In poche ore, le cellule immunitarie si erano infiltrate nelle vie respiratorie, generando infiammazione. Quando i topi sono stati trattati con l’inibitore SU1498 del VEGF-a, tuttavia, sia la risposta immunitaria che l’infiammazione sono diminuite. Ulteriori studi hanno dimostrato che gli ILC2 sono stimolati dall’interleuchina-33, un’altra citochina infiammatoria, che ha anche favorito l’iper-responsività delle vie aeree e alzato VEGFR2, il recettore cellulare del VEGF-a. Ancora una volta, il trattamento con SU1498 ha mitigato la reazione. Mentre VEGF-a è meglio conosciuto per la sua attività nel cancro, la crescita dei vasi sanguigni e la comparsa delle metastasi, la ricerca di Yang e Haczku delinea il suo ruolo completamente diverso nell’asma.

Illuminare questa biologia potrebbe portare a nuovi trattamenti per l’asma. In passato, gli inalatori di glucocorticoidi erano il trattamento di base. Più recentemente, gli anticorpi monoclonali sono stati sviluppati per colpire bersagli più precisi. Gli anticorpi monoclonali possono bersagliare molecole molto specifiche piuttosto che buttare giù l’intero sistema immunitario. Alcuni di questi anticorpi prendono di mira le citochine che mediano anche i sintomi allergici e l’asma. Il team spera che il targeting del VEGFA, o del recettore del VEGFA, con tali anticorpi monoclonali si aggiunga a questo armamentario. Anticorpi del genere sono stati approvati per contrastare l’effetto del VEGF-a nella retinopatia diabetica, come il Bevacizumab (Avastin). Tuttavia, i laboratori Haczku e Yang non hanno finito di interrogare gli ILC2, che potrebbero essere significativi in una varietà di altre condizioni polmonari. Questi ILC producono un afflusso di neutrofili infiammatori nei polmoni, ed il team non sa esattamente cosa media questa infiammazione cellulare. Sono però a conoscenza che hanno la loro importanza in molte malattie, tra cui infezioni e danni polmonari indotti da sostanze inquinanti, che potrebbero essere mediate dalle cellule infiammatorie nei polmoni.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Oldford SA et al. Immun Inflamm Dis. 2018 Mar; 6(1):176-189. 

Shen X et al., Haczku A, Yang Q. J Allergy Clin Immunol. 2018 Jan 31.

Sengupta S, Haczku A. Allergy. 2017 Jul;7 2(7):1003-1005.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI