Home PREVENZIONE & SALUTE Pre-eclampsia: col nuovo esame del sangue, migliore gestione del quadro

Pre-eclampsia: col nuovo esame del sangue, migliore gestione del quadro

La pre-eclampsia, una complicazione improvvisa della gravidanza che può interferire con il flusso sanguigno alla placenta e possibilmente al feto, può portare a un basso peso alla nascita, alla prematurità e persino alla morte. È anche una delle principali cause di mortalità materna negli Stati Uniti. Fino all’8% delle donne in gravidanza può contrarre la pre-eclampsia durante il secondo o il terzo trimestre. Questa condizione mette in pericolo la salute, a volte anche la vita, della madre e del feto. Non sa cosa lo causi, ma la pre-eclampsia, se colta nel tempo, ha un rimedio semplice e provato: basse dosi di aspirina somministrate dalla sedicesima settimana fino alla fine della gravidanza. Un nuovo studio dell’Università di Tel Aviv identifica nuovi biomarkers della preeclampsia, segnalando il potenziale per un esame del sangue diagnostico precoce.

La ricerca per lo studio è stata condotta dal dott. Noam Shomron e dal prof. Moshe Hod, condotto dalla Sackler School of Medicine di TAU e in collaborazione con il Prof. Kypros Nicolaides del King’s College di Londra. Nel corso di sei anni, i ricercatori hanno esaminato i campioni di sangue di migliaia di donne in gravidanza nel loro primo trimestre di cliniche nel Regno Unito. Il team ha quindi ristretto il loro focus a 75 campioni di sangue specifici: 35 presi da donne che alla fine hanno contratto la preeclampsia e 40 prese da coloro che hanno completato la loro gravidanza in piena salute. I ricercatori hanno estratto le molecole di RNA (frammenti di informazioni molecolari presenti nelle cellule umane) dal plasma dei campioni e li hanno sequenziati utilizzando Next Generation Sequencing (NGS). Gli scienziati hanno scoperto i nuovi markers analizzando i dati utilizzando metodi computazionali che includevano analisi statistiche e algoritmi di apprendimento automatico.

Hanno identificato 25 piccole molecole di RNA che erano differenzialmente espresse tra la pre-eclampsia e i gruppi di controllo.  Sulla base di quelle molecole di RNA, i ricercatori hanno quindi sviluppato un modello per la classificazione dei campioni di pre-eclampsia. Questi risultati indicano il valore predittivo delle piccole molecole di RNA circolanti nel primo trimestre e gettano le basi per la produzione di un nuovo strumento diagnostico precoce non invasivo per la pre-eclampsia, che potrebbe ridurre il rischio di morte per la madre e il feto. Secondo il prof. Moshe Hod, la nuova ricerca segue una tendenza globale, che cerca di stabilire test di gravidanza nel primo trimestre, al contrario di oggi, quando la maggior parte dei test viene eseguita nel terzo trimestre. Il prof. Hod, presidente dell’Associazione Europea di Medicina Perinatale e presidente della Federazione Internazionale di Ostetricia e Ginecologia (FIGO), che si occupa di salute materna e della prole, sta conducendo uno sforzo globale per sviluppare nuove tecniche diagnostiche per migliorare la previsione e la prevenzione delle complicanze.

Le più comuni durante la gravidanza sono, durante la pre-eclampsia, il diabete gestazionale e il parto prematuro nel primo trimestre. Fino ad ora, i medici hanno valutato il rischio di una donna pre-eclampsia riferendosi a precedenti gravidanze, livelli di pressione arteriosa e altri sintomi generali. Ora, sarà possibile integrare l’esperienza clinica con strumenti scientifici più semplici e semplici: un esame del sangue. “I test o le previsioni precoci consentiranno ai medici di salvaguardare la salute della madre e del feto e faciliterà, se necessario, interventi preventivi precoci per migliorare i risultati materni e della prole, inoltre abbiamo raccolto molti campioni da altri paesi come Italia, Spagna, Russia e in particolare Israele, che saranno utilizzati per applicare collettivamente le nostre scoperte a pazienti di tutto il mondo”.

L’intero lavoro è pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Yoffe L et al., Shomron N. Sci Rep. 2018 Feb 21; 8(1):3401. 

Hu X, Ao J, Li X et al. Clin Epigenetics. 2018 Apr 10; 10:48. 

Mendelova A et al. Gen Physiol Biophys. 2018; 37(2):185-192.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com

ARTICOLI PIU' LETTI