Rischio di tumore al seno: si può dimezzare con l’aspirina

Dopo il cancro della pelle, il cancro al seno è il tumore più comune tra le donne negli Stati Uniti. Nel 2017 sono stati diagnosticati oltre 252.000 nuovi casi di carcinoma mammario invasivo. Precedenti ricerche hanno suggerito che potrebbe esserci un legame tra l’uso quotidiano di aspirina e rischio più basso di cancro al seno. Gli studi riguardanti questa ipotesi sono stati riportati in diverse riviste. Tuttavia, pochi studi hanno studiato gli effetti dell’aspirina sul rischio di alcuni sottotipi di cancro al seno e non è chiaro se l’aspirina a basso dosaggio (aspirina “baby”) protegga contro il cancro al seno. Lo studio non è stato progettato per individuare i meccanismi mediante i quali l’aspirina a basso dosaggio può ridurre il rischio di cancro al seno, ma i ricercatori ipotizzano che possa essere dovuto agli effetti anti-infiammatori del farmaco. Uno di questi proviene da una squadra del Beckman Research Institute di Monrovia, in California. Hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Breast Cancer Research (Clarke CA et al., 2017).

Con questo in mente, i ricercatori hanno deciso di determinare gli effetti dell’aspirina a basse dosi – definita come una dose di 81 milligrammi – sul rischio di cancro al seno in generale, così come i suoi effetti sui sottotipi di cancro della mammella definiti dal recettore degli estrogeni (ER) ed espressione del recettore del fattore di crescita epidermico umano 2 (HER2). Lo stato ER è se le cellule del cancro al seno contengono o meno recettori per gli ormoni estrogeni o progesterone. Ad esempio, le cellule del cancro al seno che possiedono tali recettori sarebbero ritenute positive ai recettori estrogenici (ER-positive). Lo stato di HER2 è se le cellule di cancro al seno contengono troppi recettori HER2, che possono alimentare la crescita del cancro stesso. I ricercatori hanno raggiunto le loro scoperte analizzando i dati di 57.164 donne che facevano parte del California’s Teachers Study, che ha monitorato la salute di oltre 133.000 insegnanti e amministratori in California dal 1995.

Nel 2005, i partecipanti hanno compilato questionari che dettagliano il loro uso di aspirina e altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). A gennaio 2013, 1.457 donne avevano sviluppato un carcinoma mammario invasivo. Di questi casi, 998 erano positivi a ER / negativi a HER2, 138 negativi a HR / HER2 negativi, 120 ER-positivi / HER2-positivi e 44 ER-negativi / HER2-positivi. I dati sullo stato ER e HER2 mancavano per le restanti 157 donne. Complessivamente, i ricercatori hanno scoperto che le donne che hanno riportato di aver usato l’aspirina a basse dosi almeno tre volte alla settimana avevano il 16% in meno di probabilità di sviluppare un tumore al seno, rispetto alle donne che usavano l’aspirina a basse dosi meno frequentemente. Guardando i sottotipi di cancro al seno, il team ha scoperto che il rischio di sviluppare un carcinoma mammario ER positivo / HER2 negativo era del 20% inferiore per le donne che assumevano aspirina a basso dosaggio, almeno tre volte a settimana.

Non è stato trovato alcun collegamento tra l’uso di altri FANS e il rischio di cancro al seno, riferisce il team. “Inoltre non abbiamo trovato associazioni con l’aspirina regolare poiché questo tipo di farmaci viene assunto sporadicamente per mal di testa o altro dolore e non quotidianamente per la prevenzione delle malattie cardiovascolari”, osserva l’autrice principale Christina A. Clarke, Ph.D., dall’Istituto di prevenzione del Cancro della California. Le loro scoperte sono rimaste dopo aver considerato una serie di possibili fattori confondenti, incluso l’uso della terapia ormonale e una storia familiare di cancro al seno. Inoltre, il team osserva che gli inibitori dell’aromatasi sono utilizzati per il trattamento dei tumori al seno ER-positivi. Poiché l’aspirina è un debole inibitore dell’aromatasi, ciò può in parte spiegare il suo effetto protettivo contro i tumori al seno ER-positivi. Nel complesso, i ricercatori ritengono che le loro scoperte suggeriscano che l’aspirina a basso dosaggio potrebbe essere efficace per la prevenzione del cancro al seno, ma sottolineano che sono necessari ulteriori studi prima di poter formulare raccomandazioni.

Ricerche precedenti hanno rivelato un legame tra diabete e aumento del rischio di cancro al seno, ad esempio un aumento del 20% del cancro al seno tra le donne con diabete. Ecco perché un gruppo di ricerca di Taiwan ha suggerito che una dose giornaliera di aspirina potrebbe aiutare a ridurre il rischio di cancro al seno per le donne con diabete. I ricercatori hanno pubblicato il loro studio sul Journal of Women’s Health (Yang YS et al., 2017). Il team ha recuperato i dati dal Database di ricerca dell’Assicurazione Sanitaria Nazionale a Taiwan. Hanno identificato 148.739 donne a cui era stato diagnosticato il diabete. Oltre 14 anni di follow-up, i ricercatori hanno valutato l’incidenza del cancro al seno tra le donne che assumevano aspirina giornaliera a basse dosi (da 75 a 165 milligrammi al giorno). Rispetto alle donne che non assumevano aspirina a basse dosi ogni giorno, quelle che hanno avuto un rischio di carcinoma mammario inferiore del 18% in 14 anni. Inoltre, le donne che hanno assunto una dose cumulativa elevata di aspirina oltre 14 anni di follow-up (tra 89-100 grammi) hanno avuto un rischio ridotto del cancro al seno del 47%.

Infine, uno studio appena pubblicato conferma che l’associazione aspirina + metformina mostra un’azione antitumorale sul cancro al seno nel topo (Zhao M et al 2018). L’aspirina è in grado di stimolare la morte cellulare con diversi meccanismi, come il blocco della sintesi delle prostaglandine (che inducono la replicazione cellulare); a dosaggi più alti blocca la proteina NF-kB, che controlla le citochine ​​infiammatorie e certe proteine e anti-morte. La metformina, invece, attiva un programma metabolico che limita la produzione di energia cellulare. Inoltre, inibisce la crescita cellulare migliorando la funzione soppressiva del tumore del fattore di crescita trasformante beta (TGF-β). Lo studio ha dimostrato che a un topo con carcinoma mammario (tipo ER-positivo 4T1), è stata somministrata una combinazione di aspirina più metformina, hanno subito una riduzione della dimensione del tumore. Le analisi del tessuto tumorale hanno mostrato che le cellule producevano più TGF-β, che agiva sulle stesse cellule portandole a morte programmata. L’effetto dei due farmaci era sinergico e questa idea è eccitante, dal momento che l’effetto antitumorale è derivato da due farmaci non utilizzati nella chemioterapia del cancro.

Grandi speranze continuano a venire dall’aspirina, questa semplice molecola nata 150 anni fa col puro intento di alleviare i sintomi del raffreddore. E che invece si scopre capace di molto di più.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zhao M, Wang Y et al. Oncol Rep. 2018 Mar; 39(3):1414-22. 

Qiao Y, Yang T et al. BMC Cancer. 2018 Mar 13; 18(1):288.

Altundag K. J Womens Health (Larchmt). 2017 Dec; 26(12):1364. 

Yang YS et al. J Womens Health 2017 Dec; 26(12):1278-1284.

Ma J, Cai Z et al. Biomed Pharmacother. 2017 Nov; 95:656-661.

Clarke CA et al. Breast Cancer Res. 2017 May 1; 19(1):52.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2485 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it