Alzheimer e poca dopamina: il primo studio RMN che lo dimostra

Alzheimer e dopamina: il primo studio RMN che lo mostra

Il morbo di Alzheimer è il tipo di demenza più comune, rappresentando il 60-80% di tutti i casi. Le persone che hanno il morbo di Alzheimer tendono a sperimentare la perdita di memoria e altri problemi cognitivi che interferiscono con le loro vite quotidiane. Circa 5,7 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il morbo di Alzheimer, ma si prevede che i numeri aumentino di circa 14 milioni entro il 2050. L’Alzheimer è anche la sesta causa di morte negli Stati Uniti. La dopamina è un neurotrasmettitore coinvolto nella regolazione delle risposte e dei movimenti emotivi. Il nuovo studio mostra che la perdita di cellule che usano la dopamina potrebbe compromettere la funzionalità nelle regioni del cervello che creano nuovi ricordi.

I risultati dello studio saranno a breve pubblicati sul Journal of Alzheimer’s Disease. I suoi autori ritengono che questa scoperta abbia il potenziale per trasformare il modo in cui viene diagnosticato il morbo di Alzheimer. I ricercatori hanno utilizzato un tipo di risonanza magnetica chiamata 3Tesla, che è il doppio della forza della risonanza magnetica standard, per eseguire la scansione del cervello di 51 adulti sani, 30 con lieve decadimento cognitivo e 29 con malattia di Alzheimer. Analizzando i risultati, hanno trovato un collegamento tra le dimensioni di due aree chiave del cervello – il tegmento ventrale e l’ippocampo – e la capacità dei partecipanti di apprendere nuove informazioni.

Annalena Venneri, autrice principale dello studio di Sheffield Institute for Translational Neuroscience presso l’Università di Sheffield nel Regno Unito, spiega i risultati. “I nostri risultati suggeriscono che se una piccola area di cellule cerebrali, chiamata area tegmentale ventrale, non produce la giusta quantità di dopamina per l’ippocampo, un piccolo organo situato nel lobo temporale del cervello, non funzionerà in modo efficiente. associato a formare nuovi ricordi, quindi questi risultati sono cruciali per la diagnosi precoce della malattia di Alzheimer. I risultati indicano un cambiamento che avviene molto presto, che potrebbe innescare la malattia di Alzheimer. Questo nostro è il primo studio a dimostrare un simile legame nell’uomo”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Liu SY et al. Lancet Neurol. 2018 Apr;17(4):309-316. 

Vermeiren Y et al. Front Neurosci. 2018 Mar 20;12:185.

Bouts MJRJ et al. J Alzheimers Dis. 2018 Jan 24.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1069 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it