HomeATTUALITA' & SALUTETerza dose del vaccino anti-COVID: evidenze, scelte, discussioni e controversie

Terza dose del vaccino anti-COVID: evidenze, scelte, discussioni e controversie

COVID-19 e vaccinazioni di richiamo

Negli ultimi mesi, la variante Delta di SARS-CoV2 si è diffusa ampiamente nei paesi di tutto il mondo, diventando la variante dominante in molti luoghi. La sua rapida diffusione ha recentemente portato paesi, come l’Australia, a rafforzare rigidi blocchi, poiché i dati emergenti suggeriscono che la variante è più infettiva di quelle preesistenti, come la variante Beta, e che potrebbe essere in grado di aggirare i vaccini COVID-19 esistenti in alcuni casi. Il prof. Sir Andrew Pollard, capo dell’Oxford Vaccine Group, che ha contribuito allo sviluppo del vaccino Oxford-AstraZeneca, ha persino commentato che, a suo avviso, la variante Delta altamente trasmissibile ha reso impossibile ottenere l’immunità di gregge. La variante Delta infetterà comunque le persone che sono state vaccinate.

E questo significa che chiunque sia ancora non vaccinato ad un certo punto incontrerà il virus e gli scienziati non hanno nulla che possa fermare [completamente] la trasmissione.

Inoltre, dati recenti hanno anche suggerito che l’immunità fornita dai vaccini COVID-19 svanisce considerevolmente nel tempo, il che significa anche che gli individui vaccinati diventano più suscettibili all’infezione da SARS-CoV2. Tuttavia, alcuni scienziati e aziende farmaceutiche sostengono che offrire un’ulteriore dose di richiamo di alcuni dei vaccini COVID-19 più ampiamente autorizzati potrebbe fornire un modo efficace per tenere a bada la variante Delta. Ma cosa dicono le prove finora e come stanno rispondendo i paesi di tutto il mondo all’idea di incorporare ulteriori colpi di richiamo nelle loro campagne di vaccinazione COVID-19?

Cosa sono i booster vaccinali e perché farli?

I richiami di vaccino sono dosi aggiuntive di vaccino che dovrebbero fornire una protezione aggiuntiva contro le malattie, poiché gli effetti di alcuni vaccini possono svanire nel tempo. I richiami di vaccino sono comuni per molte infezioni virali, compresa l’influenza, che richiede un richiamo ogni anno, e il tetano, la difterite e la pertosse, per i quali è necessario un richiamo ogni 10 anni. Per alcuni vaccini, ricevere dosi più piccole più spesso è più efficace che ottenere una singola dose grande di vaccino. Questo approccio consente al sistema immunitario di costruire la sua risposta immunitaria in modo sostenibile. Quando il sistema immunitario ricorda determinati antigeni che lo hanno attivato in precedenza, può rispondere molto più rapidamente la prossima volta che li incontra.

Sebbene molti booster vaccinali siano identici alle dosi precedenti, alcuni vengono modificati per aumentarne l’efficacia. Il vaccino antinfluenzale, ad esempio, cambia ogni anno per rispondere in modo più efficace alle nuove mutazioni del virus influenzale. Ci sono generalmente due ragioni per cui le persone potrebbero prendere in considerazione i richiami del vaccino. Il primo è che l’immunità diminuisce naturalmente nel tempo. Senza un’esposizione ripetuta a determinati antigeni, il sistema immunitario può diventare meno in grado di prevenire infezioni o malattie. I booster vaccinali aiutano il sistema immunitario a mantenere una risposta protettiva.

Chi dovrebbe prendere in considerazione un richiamo?

Come notano le agenzie nazionali come il CDC, i dati esistenti indicano che la maggior parte dei vaccini COVID-19 produce una forte risposta immunitaria che offre una protezione sufficiente contro il virus SARS-CoV2. Tuttavia, non è chiaro per quanto tempo i vaccini COVID-19 – negli attuali dosaggi – continueranno a offrire protezione. Tuttavia, le dosi di richiamo potrebbero avvantaggiare gli individui più anziani o quelli con un sistema immunitario debole, poiché i loro corpi potrebbero non aver generato una risposta immunitaria sufficientemente forte dopo i vaccini iniziali.

Polemiche sui booster dei vaccini

Scientificamente, non c’è nulla di controverso sulle vaccinazioni di richiamo aggiuntive; funzionano in modo molto simile a un secondo vaccino in un programma di due vaccini Il dibattito sui vaccini aggiuntivi è se siano necessari in questa fase o se le dosi di vaccino siano meglio utilizzate altrove, in particolare nei paesi più poveri. Sir Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group presso l’Università di Oxford, ha affermato che lo scopo principale dei vaccini è “mantenere le persone fuori dall’ospedale”. Poiché i vaccini sembrano ridurre significativamente i ricoveri ospedalieri con COVID-19 e gli esperti prevedono che le forniture di vaccini saranno limitate per il prossimo futuro, Sir Andrew sostiene che è importante dare la priorità a coloro che non hanno ancora avuto nemmeno una singola iniezione prima di fornire richiami agli altri. Alcune persone si chiedono addirittura se sia moralmente giusto somministrare dosi di richiamo a coloro che sono già stati vaccinati quando molte persone, specialmente quelle nei paesi in via di sviluppo, non hanno ricevuto nemmeno una vaccinazione e sono quindi a maggior rischio di infezione.

Perché altri mettono in dubbio la necessità di una terza dose?

In risposta alla vaccinazione, le cellule T e B, che fanno parte del sistema immunitario dell’organismo, reagiscono sviluppando un’immunità di lunga durata al virus. Le cellule B sono le “cellule della memoria” del sistema immunitario e producono anticorpi che si legano al virus. Le cellule T aiutano le cellule B a produrre questi anticorpi. Alcune cellule T uccidono anche le cellule infette. Finora, uno studio – che non è ancora stato sottoposto a revisione paritaria, ma appare su un servizio di prestampa online – ha suggerito che le persone che si sono riprese da un lieve COVID-19 sperimentano una risposta duratura dei linfociti T. Un altro studio che presenta un servizio di prestampa prima della revisione tra pari ha scoperto che, nelle persone che si stanno riprendendo da COVID-19 sintomatico o lieve, le cellule B possono produrre nuovi anticorpi che prendono di mira specificamente nuove varianti di SARS-CoV2. È probabile che la stessa risposta immunitaria duratura si verifichi a seguito di un vaccino COVID-19, sostengono alcuni esperti.

I dati preliminari suggeriscono l’efficacia del richiamo

Sebbene i dati pubblicati sull’efficacia dei booster del vaccino COVID-19 contro la variante Delta non siano ancora disponibili, alcune delle aziende farmaceutiche che producono e distribuiscono vaccini COVID-19 hanno annunciato che recenti studi clinici supportano questa prospettiva. Secondo il rapporto sugli utili del secondo trimestre 2021 di Pfizer, la ricezione di una dose aggiuntiva di richiamo del vaccino COVID-19 dopo aver ricevuto le due dosi iniziali aumenta di cinque volte la quantità di anticorpi della variante Delta nei soggetti di età compresa tra 18 e 55 anni e di 11 volte. nei 65-85 anni. Questa conclusione si basa sui dati iniziali della sperimentazione di richiamo in corso di una terza dose dell’attuale vaccino BNT162b2 e sui test di laboratorio. Lo studio di richiamo si basa sullo studio di fase 1/2/3 e fa parte della strategia di sviluppo clinico delle aziende per determinare l’efficacia di una terza dose contro le varianti in evoluzione. Questa terza dose sarebbe identica alle due dosi del vaccino Pfizer attualmente autorizzato. Tuttavia, la società sta anche studiando come se la caverebbe una dose di vaccino “aggiornata”, modificata per colpire specificamente la variante Delta.

Moderna ha anche affermato che un’ulteriore dose di richiamo del suo vaccino COVID-19 sarebbe in grado di tenere a bada la variante Delta. La società ha fatto questo annuncio, inizialmente, nel proprio rapporto finanziario del secondo trimestre, in cui si afferma che negli studi di fase 2 sono state osservate solide risposte anticorpali dai candidati al richiamo di Moderna esistenti contro il COVID-19. In uno studio di fase 2, il rapporto ha affermato che la vaccinazione con 50 microgrammi di tre diversi candidati booster di mRNA Moderna ha indotto robuste risposte anticorpali contro importanti varianti di interesse, tra cui Gamma (P.1); Beta (B.1.351); e Delta (B.1.617.2). I tre booster sotto inchiesta includevano il loro tiro attualmente autorizzato, così come altri due candidati sperimentali. Secondo il rapporto di Moderna, i livelli di anticorpi neutralizzanti generati dopo la terza iniezione di richiamo erano simili a quelli registrati dopo due dosi da 100 microgrammi del loro vaccino attualmente autorizzato.

Le dosi di richiamo sono già autorizzate?

A seguito di questi risultati, sia Pfizer che Moderna hanno chiesto l’autorizzazione per le rispettive dosi di richiamo da paesi che hanno già autorizzato i loro principali vaccini COVID-19. Finora, la FDA americana ha autorizzato la distribuzione di terze dosi di richiamo sia del vaccino Pfizer che del vaccino Moderna COVID-19, ma solo per coloro che sono immunocompromessi e quindi a più alto rischio di infezione con varianti emergenti di SARS-CoV2. Israele ha anche recentemente autorizzato la distribuzione di terzi colpi del vaccino Pfizer, che ora è disponibile per “persone sopra i 50 anni, operatori sanitari, persone con gravi fattori di rischio per il coronavirus e prigionieri e guardiani”. Sebbene il Regno Unito non abbia ancora autorizzato ulteriori dosi di richiamo, rapporti non ufficiali indicano che ha ordinato milioni di dosi extra per una campagna di richiamo del vaccino COVID-19 nell’autunno 2022.

Moratoria dell’OMS sulle dosi di richiamo

Mentre i colpi di richiamo possono in qualche modo offrire una migliore protezione contro le varianti emergenti di SARS-CoV2, l’OMS ha espresso preoccupazione per il fatto che la rapida distribuzione di terze dosi di vaccino nei paesi ad alto reddito contribuirà ulteriormente al nazionalismo vaccinale e amplierà il divario vaccinale nei paesi a basso e medio reddito. paesi a reddito medio. Nel tentativo di colmare questo divario sempre più ampio, l’OMS ha chiesto ai paesi ad alto reddito in prima linea nello sviluppo e nella distribuzione di vaccini, almeno di non offrire ulteriori dosi di richiamo fino a settembre 2021. Il Dr Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, in una conferenza stampa il 4 agosto, ha dichiarato: “Capisco la preoccupazione di tutti i governi di proteggere la loro gente dalla variante Delta. Ma non possiamo accettare che paesi che hanno già utilizzato la maggior parte della fornitura globale di vaccini ne utilizzino ancora di più. Abbiamo bisogno di un’inversione urgente, dalla maggior parte dei vaccini diretti ai paesi ad alto reddito alla maggioranza destinata ai paesi a basso reddito”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Broseta JJ et al. Am J Kidney Dis. 2021 Oct; 78(4):571-581.

Albach FN et al. Ann Rheum Dis. 2021 Oct; 80(10):1361-62.

Rubin EJ et al. New Engl J Med. 2021 Sep 23; 385(13):e54.

Kent SJ, Juno JA. EBioMedicine. 2021 Sep 15; 72:103586.

Vogel L, Duong D. CMAJ. 2021 Sep 7; 193(35):1400-1401.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI