SLA e demenza frontotemporale: i tratti genetici si incrociano

Quasi la metà di tutti i pazienti con sclerosi laterale amiotrofica (SLA), una malattia neuromuscolare fatale, sviluppa problemi cognitivi che influenzano la memoria e il pensiero. Perché una malattia che colpisce principalmente il movimento disturba anche il pensiero non è chiaro. Ma ora, un team internazionale di ricercatori ha identificato legami genetici tra SLA e demenza frontotemporale (FTD), una malattia rara caratterizzata da deterioramento nel comportamento e personalità, disturbi del linguaggio e scarso controllo degli impulsi. La SLA danneggia inizialmente i neuroni nel midollo spinale mentre la demenza frontotemporale colpisce principalmente i neuroni nel cervello. Ma le connessioni genetiche recentemente identificate tra i due disturbi possono spiegare perché condividono alcune delle stesse caratteristiche. Inoltre, i link suggeriscono che alcuni farmaci sviluppati per trattare la SLA possono anche funzionare contro la demenza frontotemporale e viceversa. Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Neurology.

Celeste M. Karch, PhD, professore assistente presso il Dipartimento di Psichiatria presso la Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis, ha detto: “Sebbene ci fossero prove cliniche che la demenza frontotemporale e la SLA potessero essere collegate, non abbiamo compreso appieno la connessione genetica. Questi geni connessi a entrambi i disturbi sono importanti perché, potenzialmente, il rischio genetico condiviso potrebbe indicare percorsi comuni che potrebbero essere mirati terapeuticamente, aumentando la possibilità che potremmo essere in grado di trattare le due malattie devastanti con una singola strategia”. Ci sono circa 6.000 nuovi casi di SLA diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti, e in qualsiasi momento, ci saranno circa 20.000 persone nel paese che vivono con la malattia. Il numero totale di pazienti con demenza frontotemporale negli Stati Uniti non è chiaro, sebbene si stima che rappresenti circa il 20% dei casi di demenza a esordio precoce.

Karch e co-autore Rahul S. Desikan, MD, PhD, un assistente professore di neuroradiologia presso l’Università della California, a San Francisco, ha condotto l’analisi dei dati da diversi studi genetici. Questo includeva informazioni da quasi 125.000 individui con vari disturbi neurologici – come la SLA, l’FTD, il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson – così come da soggetti di controllo sani della stessa fascia d’età. I pazienti hanno un’età compresa tra i 50 e gli 70 anni. L’analisi ha identificato altre varianti genetiche comuni che non erano state collegate alla SLA. Per esempio, varianti comuni vicino al gene MAPT, che codifica la proteina tau, in precedenza erano state associate a malattie come l’FTD e l’Alzheimer. Ma il gene non era stato collegato alla SLA. “Questa è una delle prime connessioni genetiche tra ALS e MAPT”, ha affermato Karch.

Mutazioni rare e variazioni comuni nel gene MAPT possono aumentare il rischio di malattie che coinvolgono la proteina tau, ma ora abbiamo dimostrato che alcune varianti genetiche comuni aumentano anche il rischio di SLA. Noi non pensiamo alla proteina tau nella SLA come facciamo con l’Alzheimer e altre cosiddette tauopatie, ma questi risultati sollevano la possibilità che le terapie tau-mediate possano essere utili nella terapia di alcuni pazienti affetti da SLA”. I ricercatori hanno anche identificato un secondo gene, BNIP1, che normalmente svolge un ruolo importante nella protezione contro la morte cellulare. Hanno scoperto che le varianti in BNIP1 aumentavano il rischio sia di SLA che di demenza frontotemporale. Hanno anche scoperto che i livelli della proteina prodotta da quel gene erano alterati nelle persone che avevano la SLA e nei pazienti con FTD, suggerendo che il BNIP1 potrebbe essere un potenziale bersaglio terapeutico per entrambi i disturbi. Il team ha convenuto che lo studio dimostra che è possibile per gli scienziati combinare i dati esistenti per identificare nuovi fattori di rischio di malattia che non sarebbero ovvi in ​​studi più piccoli.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it