Concerti live: per sincronizzare le onde cerebrali e l’appartenenza

Musica insieme: per sincronizzare le onde cerebrali e l'appartenenza

Quando le persone partecipano a un concerto dal vivo e ascoltano la musica come un gruppo, le loro onde cerebrali si sincronizzano – un legame che indica che ogni individuo sta vivendo un momento migliore come parte di un collettivo. Le nuove scoperte, riportate lo scorso mese in una riunione della Cognitive Neuroscience Society, ci ricordano che gli esseri umani sono creature sociali, ha detto la neuroscienziata Jessica Grahn, una professoressa di Psicologia occidentale del Brain and Mind Institute che ha co-diretto lo studio. Il gruppo di ricerca di Grahn ha collaborato con LIVELab, la McMaster University, una sala da concerto unica nel suo genere in cui gli scienziati misurano le onde cerebrali dei musicisti e il loro pubblico per determinare in che modo la musica crea legami sociali innegabili. Il team ha ingaggiato una band per esibirsi per 24 partecipanti tra il pubblico, misurando simultaneamente i dati dell’onda cerebrale e catturando anche il modo in cui le persone si muovono verso la musica: dal vivo e registrato. “Abbiamo pensato che sarebbe stato utile utilizzare LIVELab per guardare le persone che ascoltano musica dal vivo e musica registrata e osservare come è influenzato il legame sociale e come viene influenzato il nostro cervello che sincronizza la sincronia”, ha spiegato Grahn. Alla band è stato chiesto di suonare otto canzoni – metà “high groove”, “half” low groove “.

Groove, nel mondo della psicologia, significa essenzialmente: “Quanto questa musica ti fa desiderare di muoverti.” Le canzoni ad alto groove tendono ad avere un suono più “funky, toe-tap”; i brani di basso groove sono più rilassati, melodie “orecchiabili”. “Abbiamo chiesto loro di provare il più possibile a mantenere l’acustica di base lo stesso, a non variare i livelli di volume o il tempo troppo tra le canzoni, ma in caso contrario, erano liberi di interpretarlo come volevano. Volevamo che fosse rappresentativo di ciò che potrebbe accadere in un concerto nel mondo reale”, ha aggiunto Grahn. “A noi interessava, ad esempio, se la musica che ti fa venir voglia di muoversi crea un maggiore legame tra i membri del pubblico, rispetto alla musica che è più facile da ascoltare. Eravamo interessati a confrontare ciò che la presenza di artisti dal vivo fa alla tua esperienza musicale. “Per la seconda serie di dati nello studio, la squadra di Grahn ha usato un grande schermo nel LIVELab per presentare un video della performance della band ai partecipanti, usando l’acustica sofisticata del laboratorio per assicurarsi che il suono fosse identico a quello che era stato percepito nella performance dal vivo.

I dati sono stati raccolti da una terza condizione, in seguito, dove i partecipanti hanno assistito al concerto registrato, ma questa volta, invece di avere un pubblico affollato, c’erano tre o quattro persone sparse per tutto il pubblico, quindi non potevano davvero vedersi o interagire tra loro. I ricercatori hanno raccolto dati sull’elettroencefalogramma (EEG) dai partecipanti in tutte e tre le condizioni e hanno osservato quanto le loro onde cerebrali si sono sincronizzate bene. “Si scopre che nella condizione di musica dal vivo, si ottiene una maggiore sincronia tra i membri del pubblico rispetto a quanto si fa nelle condizioni registrate o nella condizione in cui è registrata e non si ha molto pubblico con cui interagire”, ha spiegato Grahn. La sincronizzazione è massima in presenza di artisti dal vivo. È meno quindi quando si guarda una registrazione della performance come un gruppo più grande e ancora meno quando si guarda quella registrazione in un piccolo gruppo, ha continuato. “Quando le onde cerebrali erano sincronizzate in questa condizione di vita, si sincronizzavano attorno alla frequenza con cui le persone tendono a sentire il ritmo. Chiamiamo questa “band delta”. Questo sembrava essere il più alto nelle condizioni di vita. “Questo indica un maggiore godimento della musica in presenza di un’esibizione dal vivo, oltre a un maggiore divertimento quando viene vissuto come parte di un gruppo.

La squadra di Grahn ha anche fatto un’analisi di rete, osservando la sincronia tra le persone nel pubblico. I risultati hanno mostrato alcune persone collegate o avevano più alti tassi di sincronia con più individui nel pubblico, mentre alcuni non si sono sincronizzati allo stesso modo. “Potresti avere una persona che si sincronizza parecchio con molti altri membri del pubblico e un’altra persona che non è sincronizzata con molti altri membri del pubblico. Ha variato da persona a persona esattamente quanta sincronia hanno avuto e quante altre persone hanno con la sincronia”, ha spiegato Grahn. “Si è scoperto che le persone che avevano connessioni più sincronizzate con gli altri membri del pubblico, godevano maggiormente del concerto e inoltre si sentivano più connessi ai musicisti che alle persone che mostravano meno connessioni con il pubblico. C’è qualcosa nella performance dal vivo che aumenta la sincronizzazione ma anche, se la tua sincronizzazione è maggiore, la quantità di connessione sociale che hai in termini di misure e sincronia cerebrale, più sei connesso agli artisti e più ti diverti”.

Chi ha la passione dei concerti del proprio idolo musicale, dunque, se lo goda al meglio.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Leow LA et al. Exp Brain Res. 2018 Jan; 236(1):99-115.

Bouwer FL et al. PLoS One. 2018 Jan 10;13(1):e0190322.

Levitin DJ et al. Annu Rev Psychol. 2018 Jan 4; 69:51-75.

Nichols ES, Grahn JA. Neuropsychologia. 2016; 91:199-210.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 826 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.