Home BIOMEDICINA & SALUTE I termo-linfociti: la prossima generazione di soldati anti-cancro

I termo-linfociti: la prossima generazione di soldati anti-cancro

Gli scienziati hanno ideato un metodo di controllo a distanza che un giorno potrebbe essere utilizzato per far sì che il sistema immunitario monti un potente attacco antitumorale. La tecnica è stata sviluppata al Georgia Institute of Technology (Georgia Tech) di Atlanta e utilizza geni ingegnerizzati, tecnologia laser e nanoparticelle d’oro per ottenere linfociti T inserite nei tumori per aumentare enormemente la produzione di proteine specifiche. Le cellule T sono un tipo di globuli bianchi che hanno una capacità intrinseca di rilevare e uccidere le cellule tumorali, che, sfortunatamente, alcuni tumori possono spegnere. Tuttavia, il nuovo metodo del team offre un modo per cambiare di nuovo la capacità anti-cancro nelle cellule T. Un articolo che è ora pubblicato sulla rivista ACS Synthetic Biology descrive come l’approccio abbia innescato “l’espressione genica in siti specifici a livelli superiori a 200 volte” all’interno di tumori impiantati nei topi. Il team ora progetta di sviluppare il metodo per aumentare la produzione di proteine che aiutano le cellule immunitarie a colpire e uccidere le cellule tumorali. Sperano che un giorno servirà da “strumento di precisione” per combattere il cancro.

“Nei prossimi esperimenti”, dice il caporicerca Gabriel A. Kwong, assistente professore di Ingegneria Biomedica presso la Georgia Tech, “stiamo implementando questo approccio per trattare i tumori aggressivi e stabilire l’efficacia nella lotta contro il cancro.” La tecnica è un tipo di immunoterapia, che è un modo relativamente nuovo di trattare la malattia amplificando o adattando i meccanismi di difesa che sono naturalmente presenti nel corpo. Esistono diversi tipi di immunoterapia per il cancro e ciascuno di essi lavora in modo diverso. Alcuni fermano o rallentano la crescita delle cellule tumorali, mentre altre interrompono la diffusione del cancro verso nuovi siti o metastasi. E alcuni, come quello su cui stanno lavorando il Prof. Kwong e colleghi, aiutano il sistema immunitario a uccidere le cellule tumorali. Un esempio di immunoterapia che ha colpito i titoli dei giornali è stato il trattamento riuscito nel 2015 dell’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter, quando aveva 91 anni. I medici hanno trattato il suo melanoma metastatico – che si era diffuso al fegato e al cervello – con una combinazione di radiazioni e immunoterapia. Tre mesi dopo, i tumori secondari erano scomparsi.

Nel loro studio, il Prof. Kwong e il suo team descrivono come hanno inserito un “interruttore genetico” all’interno delle cellule T che viene attivato quando raggiunge una particolare temperatura. Quando questo interruttore è attivato, può far aumentare notevolmente la produzione di proteine specifiche nella cellula T. I ricercatori hanno introdotto le cellule T, con i loro interruttori genetici disattivati, in tumori che erano stati impiantati nei topi. Avevano seminato i tumori in anticipo con nanoparticelle d’oro. Poi hanno fatto brillare un laser vicino all’infrarosso sui tumori al di fuori dei corpi dei topi. Questo ha fatto sì che le nanoparticelle d’oro generassero calore e riscaldassero i tumori e le cellule T al loro interno. Quando la temperatura ha raggiunto 40-45 °C, ha attivato gli interruttori genetici ingegnerizzati nelle cellule T e ha notevolmente aumentato l’espressione genica che controlla la produzione di proteine specifiche. I ricercatori sottolineano che, come molte altre terapie a cellule T, la loro è molto nuova e ha una lunga strada da percorrere prima che sia pronta per curare il cancro.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Miller IC et al. ACS Synth Biol. 2018 Apr 20; 7(4):1167-1173.

Cheng K, Ding Y, Zhao Y et al. NanoLett. 2018 Apr 26.

Yoon HY, Selvan ST et al. Biomaterials. 2018 Mar 21.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI