sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Cioccolata fondente: gli effetti in dettaglio su cervello ed immunità

Vuoi dare una spinta alla tua salute fisica e mentale? Gli scienziati propongono una strategia gustosa: mangiare una piccola quantità di cioccolato fondente. Nuovi studi fanno luce su come il cioccolato fondente possa migliorare la salute del nostro cervello e rafforzare il nostro sistema immunitario. Uno di questi studi ha associato il cioccolato a un minor rischio di battito cardiaco irregolare, mentre altre ricerche hanno collegato il gustoso trattamento a una ridotta probabilità di diabete e malattie cardiache. In generale, più scuro è il cioccolato, maggiori sono i benefici per la salute; il cioccolato fondente contiene livelli più alti di catechine, che sono una classe di antiossidanti che possono proteggere le nostre cellule dai danni e ridurre l’infiammazione. Due piccoli studi – recentemente presentati alla Experimental Biology 2018, tenutasi a San Diego, in California, e che saranno pubblicati su The FASEB Journal – forniscono ulteriori prove di come il cioccolato fondente possa essere buono per noi. Entrambi gli studi sono stati condotti da Lee Berk, associato decano degli affari di ricerca presso la Scuola di Allied Health Professions a Loma Linda in California.

Berk ei suoi colleghi hanno studiato come mangiare una piccola quantità di cioccolato fondente contenente il 70% di cacao potrebbe avere effetti positivi sul cervello e sul sistema immunitario. Per il primo studio, i ricercatori hanno arruolato cinque soggetti sani tra i 22 ei 40 anni. Ogni partecipante ha mangiato 48 grammi di cioccolato fondente (70% di cacao e 30% di zucchero di canna biologico), che equivale a una piccola barretta di cioccolato. Prima del consumo di cioccolato e circa 30 minuti e 120 minuti dopo, l’attività cerebrale dei soggetti veniva misurata usando l’elettroencefalogramma. Il team ha scoperto che mangiare il cioccolato fondente porta ad un benefico aumento della frequenza gamma in certe regioni del cervello coinvolte nella memoria e nell’elaborazione sensoriale. I ricercatori hanno anche scoperto che l’assunzione di cioccolato fondente ha aumentato l’espressione genica associata alla segnalazione neurale e alla percezione sensoriale. Fenomeni del genere sono associati ad attivazioni di regioni di DNA che non sono mobilitate molto di frequente, e richiedono una precisa coordinazione dell’attività del metabolismo neuronale.

Il secondo studio ha coinvolto cinque adulti sani di età compresa tra 25 e 50 anni. Gli è stato chiesto di mangiare 48 grammi di cioccolato fondente al giorno per un totale di 8 giorni. Campioni di sangue sono stati prelevati dai partecipanti alla linea di base dello studio. I campioni di sangue di follow-up sono stati prelevati 2 ore dopo l’assunzione di cioccolato ogni giorno, così come 7 giorni dopo il basale. I campioni di sangue sono stati analizzati al fine di determinare in che modo il consumo di cioccolato influisce sull’espressione genica associata all’attività del sistema immunitario. È stato scoperto che mangiare cioccolato fondente porta ad una maggiore attività di regioni del DNA coinvolte nell’attivazione dei linfociti T, i globuli bianchi che combattono le infezioni e le malattie. Tali effetti molto probabilmente sono legati al contenuto di epi-catechina (polifenolo) e ai componenti nel burro di cacao (anandamide, arachidonil-glicerolo, ecc.). Questi, infatti, sono potenti modulatori delle cellule immunitarie e cerebrali attraverso i recettori dei cannabinoidi, gli stessi che sono stimolati dai principi attivi della marjuana.

Possibilmente, per tale motivo la cioccolata fondente esercita effetti molto potenti sull’umore, la soglia del dolore, la memoria ed altri fenomeni cerebrali superiori. Berk e colleghi osservano che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere con precisione quali sono i risultati di questi due studi per il cervello e la salute immunitaria, ma ritengono che i risultati siano promettenti. Questo è il primo studio che ha esaminato l’impatto di grandi quantità di cacao in dosi piccole come una normale barretta di cioccolato negli esseri umani, per periodi brevi o lunghi. Il team è incoraggiato dai risultati, perché i loro dati mostrano che maggiore è la concentrazione di cacao, più è positivo l’impatto su cognitività, memoria, umore, immunità e altri effetti benefici. Non è che certe nozioni degli effetti positivi del cacao sulla salute umana siano una novità, ma certi aspetti biologici non sono stati indagati sistematicamente sino a tempi molto recenti. Forse era proprio ora di farlo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Camandola S, Plick N, Mattson MP. Neurochem Res. 2018 Feb 8.

Tsukamoto H, Suga T et al. Nutrition. 2018 Feb; 46:90-96.

Fernell M et al. Commun Integr Biol. 2016 Jul 27; 9(4):e1205772.

Kuebler U et al. Brain Behav Immun. 2016 Oct; 57:200-208.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Dieta mediterranea: MedDiet in Australia si chiama MedDiary

Le malattie cardiovascolari costano la vita a 17,9 milioni di persone ogni anno, pari al 31% di tutte le morti globali. In Australia, è...

Antipsicotici nell’infanzia: cosa potrebbero far spuntare in futuro?

La prevalenza dell'obesità infantile è più che triplicata dal 1971 al 2011 ed è ora in proporzioni epidemiche, contribuendo all'aumento dei tassi di diabete...

La vitamina D fa bene ai muscoli? Le rivelazioni di tutto quello che si sa oggi

Studi osservazionali hanno precedentemente suggerito che l’integrazione di vitamina D può aiutare la salute dei muscoli. Tuttavia, in una nuova meta-analisi, i ricercatori hanno...

Questo si chiuderà in 20 secondi