martedì, Aprile 16, 2024

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Ulcere diabetiche: guariscono se manca la proteina TSP2

Una delle complicanze diabetiche più frustranti e debilitanti è lo sviluppo di ferite sul piede o sulla parte inferiore della gamba. Una volta che si formano, possono persistere per mesi, portando a infezioni dolorose e pericolose. Una nuova ricerca svela il ruolo di una particolare proteina nel mantenimento di queste ferite e suggerisce che invertire i suoi effetti potrebbe aiutare a migliorare la guarigione delle ferite nei pazienti con diabete. Gli scienziati hanno scoperto che una specifica proteina, la trombospondina-2 (TSP2), è elevata nelle ferite di pazienti con diabete e nei modelli animali di diabete. Per determinare se il TSP2 contribuisce alla ritardata guarigione delle ferite, hanno rimosso geneticamente il TSP2 da un modello murino di diabete e hanno osservato una guarigione migliorata della ferita. Hanno presentato la ricerca all’American Society for Investigative Pathology Meeting durante la riunione del 2018 Experimental Biology, tenutasi dal 21 al 25 aprile a San Diego.

Il diabete attualmente affligge quasi 26 milioni di americani, oltre l’8% della popolazione. Le ferite diabetiche sono una delle molte complicazioni della malattia. Il trattamento per queste ferite è per lo più limitato alla normale cura delle ferite, come bende umide, rimozione di tessuti danneggiati e calzature che riducono la pressione sulla ferita. Nonostante queste misure, le ferite spesso persistono. Nei casi più gravi, diventa necessario amputare il piede o la gamba colpiti; le ferite diabetiche sono la principale causa di amputazione negli Stati Uniti. La maggior parte dei precedenti lavori sulla guarigione delle ferite nel diabete si sono concentrati sui tipi di cellule coinvolte nella cicatrizzazione delle ferite, come le cellule immunitarie, le cellule della pelle e le cellule che formano i vasi sanguigni. Al contrario, il team si concentra su TSP2, un componente della matrice extracellulare. La matrice extracellulare è un reticolo che funge da base strutturale per le cellule, come l’impalcatura utilizzata nella costruzione.

Oltre a fornire supporto strutturale, la matrice extracellulare regola i processi che sono importanti per la guarigione delle ferite, compreso il comportamento delle cellule immunitarie, della pelle e dei vasi sanguigni. TSP2 è un componente della matrice extracellulare che influenza il modo in cui viene formata la matrice, nonché lo sviluppo e la comunicazione di altri tipi di cellule che crescono all’interno della matrice. La loro attenzione alla TSP2 ha quindi permesso loro di studiare una singola molecola che influenza diversi processi correlati alla guarigione della ferita. La squadra ha allevato topi che sviluppano il diabete di tipo 2 ma non possono produrre TSP2. Quando i ricercatori hanno indotto ferite in questi topi, hanno scoperto che i topi senza TSP2 guarivano significativamente meglio e più velocemente di altri topi che avevano il diabete insieme ai normali livelli di TSP2. Hanno anche analizzato i fattori che influenzano la quantità di TSP2 prodotta dall’organismo. Questa parte dello studio ha rivelato che la produzione di TSP2 aumenta quando c’è iperglicemia stabile, spiegando perché le persone con diabete hanno livelli più elevati di TSP2 rispetto alle persone senza diabete.

La TSP2 è un inibitore dell’angiogenesi, contrasta gli effetti del VEGF o fattore di crescita vascolare; quindi rimuovendo l’inibitore, la crescita dei vasi sanguigni per riparare il tessuto non trova ostacoli. Semplice, facile da ricordare.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Roudnicky F, Yoon SY et al. Oncogene. 2018 Feb 22.

Yang S et al. BMJ Paediatr Open. 2018 Jan 3; 2(1):e000190.

MacLauchlan SC et al. Matrix Biol. 2018 Jan; 65:45-58.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

La vitamina D nella fatica e le sue sindromi: cosa ha trovato la scienza a riguardo?

Vitamina D e salute umana Studi precedenti hanno associato la vitamina D al metabolismo osseo. Tuttavia, venti anni fa la ricerca ha indicato il coinvolgimento...

Quando il bersaglio ideale è lì ma non lo puoi sfruttare (come vorresti): il caso dell’oncogene c-Src

Le vie di segnalazione utilizzate dalle cellule tumorali sono spesso composte dagli stessi componenti di quelle fisiologiche, ma il risultato complessivo è una deregolazione...

Cacao: il primo rimedio alimentare per la fatica nella SM?

La sclerosi multipla è una condizione neurodegenerativa che colpisce più di 2.000.000 di persone in tutto il mondo e la fatica è uno dei...