Buonanotte e sogni d’oro: la regola numero uno della salute

Buonanotte e sogni d'oro: la regola numero uno della salute

Secondo un nuovo studio, le persone che abitualmente hanno avuto un sonno notturno interrotto hanno avuto un ciclo alterato di 24 ore più a rischio di disturbi dell’umore, depressione e disturbo bipolare. Hanno punteggi bassi sulla felicità e si sentono più soli, a detta dei ricercatori. Questo studio è fondamentale per comprendere l’equilibrio tra riposo e attività. Lo studio è apparso nell’ultimo numero della rivista Lancet Psychiatry. Gli autori dello studio di Scozia, Irlanda e Svezia hanno dimostrato che le interruzioni nei ritmi circadiani delle persone possono portare a problemi di salute mentale. Daniel Smith, professore di psichiatria all’Università di Glasgow e autore principale della ricerca, ha spiegato che entro il 2050 quasi due terzi della popolazione vivrebbe nelle città dove c’è un evidente scompiglio del ritmo circadiano. Questo sarà un enorme problema di salute pubblica. Per questo studio il team di ricercatori ha esaminato una grande quantità di dati dalla BioBank britannica. Hanno ottenuto dati sanitari e informazioni su oltre 500.000 partecipanti dal 2006. I partecipanti avevano un’età compresa tra 37 e 73 anni. Solo per questo studio hanno filtrato le informazioni su 91.105 partecipanti ai quali è stato chiesto di indossare inseguitori di attività basati sul polso per una settimana in qualsiasi momento tra il 2013 e il 2015.

Secondo Smith, hanno misurato 100 punti dati di movimento in tre dimensioni al secondo durante la settimana. Hanno registrato l’attività degli individui durante le 10 ore attive al giorno e l’hanno paragonata alle meno attive 5 ore al giorno. Il risultato di questo confronto è stato chiamato l’ampiezza relativa. Il Dr. Smith spiega che questa ampiezza relativa mostrava regolarità e cambiamenti nella routine del riposo e dell’attività. Ha detto che coloro che sono attivi durante il giorno e dormono bene di notte sono quelli con profili sani e hanno punteggi più alti in ampiezza relativa. Coloro che hanno un sonno disturbato, d’altra parte, ha spiegato, e sono di notte hanno un’attività inferiore durante il giorno e hanno un’ampiezza relativa inferiore. Successivamente il team ha consegnato ai partecipanti i questionari da completare. Questo ha esaminato i punteggi di solitudine, infelicità, tempo di reazione, depressione, malattia bipolare, ansia e nevrosi, ecc. I risultati finali sono stati calcolati sulla base delle ampiezze relative della popolazione. I partecipanti sono stati classificati in cinque gruppi in base alla loro ampiezza relativa.

I gruppi sono stati trovati di dimensioni quasi uguali. Il team ha negato l’influenza di altri fattori come età, sesso, stagione durante la quale è stato effettuato il test, stato di fumatore, stato socioeconomico, esperienze traumatiche passate dall’infanzia ecc. Questi potrebbero anche avere un’influenza sulla salute mentale e quindi hanno dovuto essere contabilizzati prima che si possano trarre conclusioni, spiega i ricercatori. I risultati hanno rivelato che le persone con bassa ampiezza relativa avevano una salute mentale peggiore. Il movimento da un gruppo di ampiezza relativa bassa ad un’ampiezza relativa inferiore ha significato un aumento del 9% della solitudine che hanno trovato. C’è stato un aumento del 6% e dell’11% nel rischio di depressione e disturbo bipolare, rispettivamente, con abbassamento delle ampiezze relative. Poiché le ampiezze diminuivano anche i tempi di reazione, così come le misure di felicità e soddisfazione per la salute. Secondo Smith, queste cifre possono sembrare piccole ma sono tutte significative. Ha aggiunto che i principali malati erano le persone con scarsa igiene del sonno. Ciò significava quelle persone che si alzavano durante la notte per controllare il cellulare o si svegliavano per uno spuntino, un thè o un drink nel cuore della notte. Anche le attività giornaliere sono importanti: il team ha definito “l’aria fresca del mattino” tanto importante quanto un “sonno della buona notte” per una ottimale salute mentale.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specilaista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lyall LM et al., Smith DJ. Lancet Psychiatry 2018 May 15. 

Doherty A. Lancet Psychiatry. 2018 May 15.

Jarczok MN et al. Chronobiol Int. 2018 Mar 15:1-14.

Zaki NF et al. Eur Arch Psyc Clin Neurosci. 2018 Jan 20. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1071 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it