venerdì, Maggio 31, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Emicrania: colpa degli estrogeni si, ma anche nell’uomo

L’emicrania è una disabilità neurologica caratterizzata da frequenti attacchi di forti mal di testa. Durante gli anni di gravidanza, le donne hanno tre volte più probabilità di avere l’emicrania rispetto agli uomini. Mentre è noto che l’estradiolo gioca un ruolo nell’emicrania per le donne, una nuova ricerca mostra che l’ormone sessuale femminile può anche giocare un ruolo nell’emicrania per gli uomini, secondo un piccolo studio pubblicato qualche giorno fa su Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology. “Ricerche precedenti hanno scoperto che i livelli di estrogeni possono influenzare quando le donne hanno emicranie e quanto gravi sono, ma poco si sa se gli ormoni sessuali influenzano anche l’emicrania negli uomini”, ha detto l’autore dello studio W.P.J. van Oosterhout, MD, del Centro medico universitario di Leiden nei Paesi Bassi. “La nostra ricerca ha rilevato un aumento dei livelli di estrogeni negli uomini con emicrania, così come i sintomi di bassi livelli di testosterone“.

Lo studio ha coinvolto 17 uomini con un’età media di 47 anni con emicrania in media tre volte al mese. Nessuno stava assumendo farmaci noti per influenzare i livelli ormonali. Sono stati confrontati con 22 uomini senza emicrania. Tutti i partecipanti erano di peso sano, abbinati per età e indice di massa corporea. I ricercatori hanno misurato i livelli di estradiolo e testosterone nel sangue. Hanno preso quattro campioni di sangue da ciascun partecipante in un solo giorno, ogni tre ore di distanza. Per quelli con emicrania, i primi campioni di sangue sono stati prelevati in un giorno non emicranico e poi ogni giorno successivo fino a quando il partecipante ha avuto un’emicrania. Hanno scoperto che gli uomini con emicrania avevano livelli più elevati di estrogeni tra le emicranie, 97 picomoli per litro (pmol / L), rispetto ai 69 pmol / L negli uomini senza emicrania, mentre i livelli di testosterone erano simili per entrambi i gruppi. Ciò ha determinato un rapporto più basso tra il testosterone e gli estrogeni tra le emicranie, 3.9, rispetto agli uomini senza emicrania, 5.0.

I livelli di testosterone aumentavano di 24 ore prima dell’emicrania negli uomini che presentavano sintomi pre-emicranici come affaticamento, rigidità muscolare e voglie di cibo. Inoltre, i partecipanti sono stati intervistati sui sintomi che potrebbero avere una relativa carenza di testosterone, come umore, energia e disturbi sessuali. I ricercatori hanno scoperto che gli uomini con emicrania hanno più frequentemente riportato tali sintomi e i sintomi erano più spesso gravi. Un totale del 61% degli uomini con emicrania ha riportato tali sintomi, rispetto al 27% degli uomini senza emicrania. “Sono necessari ulteriori studi in popolazioni più grandi per convalidare i nostri risultati”, ha detto Van Oosterhout. “Il ruolo esatto degli estrogeni negli uomini con emicrania, e se le fluttuazioni degli estrogeni possono essere associate con l’attività di emicrania, come sono nelle donne, ha bisogno di essere completamente studiato”. Una limitazione dello studio è che i partecipanti hanno compilato un questionario da prendere in considerazione per l’iscrizione.

È possibile che quelli con grave emicrania abbiano più probabilità di compilare il questionario, il che significa che i risultati di questo studio possono essere applicati solo alle persone con grave emicrania.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

van Oosterhout WPJ et al. Neurology. 2018 Jun 27.

Allais G et al. Neurol Sci. 2018 Jun; 39(Suppl 1):11-20.

Todd C et al. Curr Neurol Neurosci Rep. 2018;18(7):42.

Calhoun AH. Headache. 2018 Apr; 58(4):626-630.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Bifidobatteri per correggere la stitichezza cronica: capire la loro biologia e costruire probiotici selettivi

Microbioma è il termine usato per descrivere l’insieme di microbi, inclusi batteri, funghi, virus e i loro geni, che vivono nel e sul nostro...

Infezioni pediatriche e rischio leucemia: l’ultima ipotesi

La mancanza di infezioni durante l'infanzia è una tendenza comune negli ambienti ossessivamente puliti in cui i bambini crescono oggi. Secondo il prof. Mel...

Alcolici: la loro ricerca sembra aumentare dopo un ictus. Perchè?

I cambiamenti cerebrali dopo l'ictus possono portare ad un aumento del comportamento di ricerca di alcol, almeno nei modelli animali, secondo una ricerca pubblicata...

Questo si chiuderà in 20 secondi