sabato, Luglio 13, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Musicoterapia: per tenere a bada il dolore nella falcemia

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Journal of Music Therapy rivela risultati promettenti per l’applicazione della musicoterapia improvvisativa nell’alleviare il dolore acuto multidimensionale di pazienti adulti affetti da anemia falciforme (chiamata anche falcemìa). Questo studio, condotto dal terapista musicale Rodgers-Melnick dell’Università Samuel Connor Integrative Health Network, ha studiato la fattibilità e l’efficacia preliminare di un’improvvisazione di musica elettronica a sessione singola per diminuire l’intensità del dolore e migliorare l’alleviamento del dolore e dell’umore negli adulti con falcemìa. “Il dolore falcemico è complesso, colpisce i pazienti fisicamente, emotivamente e socialmente”, ha detto Jane Little, MD, direttore della clinica per adulti SCD presso UH Seidman Cancer Center. “I nostri risultati supportano il valore che i terapeuti musicali contribuiscono alla gestione complessiva del dolore e all’esperienza di cura dei pazienti, così come rinforzano l’educazione del paziente e le strategie di coping. Scopriamo che i pazienti rispondono meglio ad una strategia diversa, piuttosto che ai farmaci da soli”.

Nello studio randomizzato controllato, i pazienti con SCD trattati nella Clinica per l’assistenza acuta del Cancro UH di Seidman sono stati assegnati a una delle tre condizioni di 20 minuti: una sessione con un musicoterapista, un iPod per ascoltare la musica preselezionata o no la musica a tutti. Mentre l’ascolto passivo della musica ha migliorato l’umore, la musicoterapia ha avuto un impatto significativamente più forte sull’aiuto nella gestione del dolore per i pazienti attivamente impegnati con un musicoterapista. Rodgers-Melnick ha creato gli interventi di musicoterapia nei generi preferiti dai pazienti: rhythm and blues, gospel, soul, hip-hop e jazz. Egli commenta: “Quando sei socialmente e cognitivamente impegnato in musicoterapia, ha un effetto maggiore sul tuo umore e sul modo in cui provi il dolore. La musica funziona quasi come un antidolorifico quando le persone sono coinvolte nell’esperienza”.

In questa anemia ereditaria che rende i globuli rossi più appiccicosi e più fragili, i pazienti con anemia falciforme sperimentano attacchi di dolore cronico improvviso e grave che aggravano il dolore (crisi ischemiche). Rodgers-Melnick lo paragona a un ingorgo nel corpo, causando dolore imprevedibile e intenso. In uno studio precedente, egli ha sviluppato il programma BEATS (Build / Educate / Advance / Transition in SCD) per fornire strumenti educativi attraverso la musica per potenziare i pazienti con anemia falciforme. Lo UH Seidman Cancer Center ha istituito una Bridge Clinic, completa con una vivace sessione di musicoterapia BEATS, per guidare i pazienti con SCD dall’adolescenza all’età adulta. Il Dr. Little ha indicato che questa malattia può causare danni significativi a organi, vasi sanguigni e nervi nel tempo. Pertanto, lei e il team mirano a utilizzare la musicoterapia per migliorare la gestione del dolore a tutti i livelli, non solo per gestire le crisi acute.

Per questi pazienti sarà “musica per le loro orecchie”; e anche per il corpo, ovviamente….

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Rodgers-Melnick SN et al., Little JA. J Music Ther. 2018 Jun 7; 55(2):156. 

Rodgers-Melnick SN et al., Little JA. Int J Adolesc Med Health. 2017 Aug 5.

Innes KE et al., Kandati S.J Alzheimers Dis. 2016 Apr 8; 52(4):1277-98. 

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Diete vegetali: per prevenire problemi di prostata e disfunzione erettile mangiando a tavola

Le diete vegetali o vegane comprendono prevalentemente alimenti di origine vegetale, mentre le diete vegetali (PF) o mediterranee incorporano alimenti di origine animale, come...

Il potere degli alimenti regolari e della nutrizione sul mantenimento delle difese immunitarie

Una dieta sana è fondamentale per mantenere e migliorare l’immunità. Le cellule immunitarie richiedono energia sufficiente per funzionare, mentre i micro e macronutrienti mantengono...

Sclerosi multipla: galeotto fu l’enzima che si fece trovare fuori posto

La sclerosi multipla è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario del corpo attacca e danneggia il rivestimento protettivo intorno alle cellule nervose....

Questo si chiuderà in 20 secondi