Diabete: il veleno dell’ornitorinco ha la soluzione permanente?

L’ornitorinco è probabilmente l’animale più iconico e strano dell’Australia. È classificato fra i monotremi, che è un gruppo di mammiferi che include solo cinque specie sopravvissute. Ha la pelliccia ma depone uova e produce latte ma non ha capezzoli, ed è uno dei pochi mammiferi velenosi. Durante la stagione riproduttiva, gli ornitorinchi maschili producono veleno che può essere iniettato nei maschi rivali, nei predatori o in esseri umani curiosi usando uno sperone sulle zampe posteriori. Sebbene non sia fatale per l’uomo, gli effetti di una puntura di ornitorinco possono comportare dolore lancinante. Nel 2008, i ricercatori hanno sequenziato il genoma ornitorinco. Uno dei ricercatori coinvolti in questo progetto – il Prof. Frank Grutzner, dell’Università di Adelaide in Australia – sta ora esaminando nuovi modi per utilizzare questa conoscenza per aiutare a curare il diabete. Alle persone che hanno il diabete viene talvolta prescritta un farmaco chiamato exenatide. Questo composto è una versione modificata dell’ormone glucagon-like peptide-1 (GLP-1), che è naturalmente secreto nell’intestino e stimola il rilascio di insulina. Questo ha l’effetto di abbassare il livello di glucosio potenzialmente dannoso nel sangue. I risultati hanno suscitato l’interesse dell’industria farmaceutica; nuovi farmaci per il diabete possono essere redditizi.

I ricercatori coinvolti in questo progetto hanno recentemente ricevuto un significativo impulso finanziario dalla rete locale di Adelaide, che li aiuterà a continuare il loro lavoro. Mentre c’è ancora molto da fare per la ricerca e lo sviluppo, gli scienziati hanno grandi speranze. Credono che il GLP-1 dell’ornitorinco potrebbe un giorno offrire un farmaco di lunga durata, da utilizzare in una malattia che già colpisce oltre 400 milioni di persone in tutto il mondo. Il GLP-1 si trova anche negli animali, incluso l’ornitorinco. Tuttavia, la versione “ornitorinco” è significativamente modificata. Come afferma il Prof. Grutzner, “Una delle scoperte più sorprendenti del progetto del genoma ornitorinco è stata la massiccia perdita di geni importanti per la digestione e il controllo metabolico. Questi animali mancano fondamentalmente di uno stomaco funzionale e il GLP-1 intestinale è cambiato radicalmente in questi animali, a causa della sua duplice funzione sia nell’intestino che nel veleno. Una differenza chiave tra l’ornitorinco e il GLP-1 umano è la sua resistenza alla degradazione enzimatica. In parole povere, può restare nel corpo continuando a lavorare più a lungo della versione umana.

E’ proprio vero: la soluzione ad un problema può trovarsi nel più improbabile dei luoghi, basta solo andare a cercare o, se la fortuna dispone, aspettare che venga servita sul piatto.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Carlsson Petri KC et al. Diabetes Ther 2018 Jun 15. 

Korsatko S et al. Diabetes Obes Metab 2018 Jun 12.

Martin HC et al. Mol Biol Evol. 2018; 35(5):1238-1252.

Gautier C et al. PLoS One. 2018 Mar; 13(3):e0191904.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it