Cachessia tumorale: si curerà con gli ormoni maschili?

Molti pazienti oncologici soffrono di una perdita di massa corporea nota come cachessia. Circa il 20% dei decessi correlati al cancro sono attribuiti alla sindrome della cachessia, che nei pazienti oncologici è spesso caratterizzata da una rapida e / o grave perdita di grasso e muscolo scheletrico. La dottoressa Melinda Sheffield-Moore, professore e direttrice del Dipartimento di Salute e Kinesiologia, insieme ai ricercatori del ramo medico dell’Università del Texas, ha recentemente pubblicato una ricerca che dimostra che il testosterone è efficace nel combattere la cachessia nei pazienti oncologici e migliorare la qualità della vita. Questi risultati sono importanti, dal momento che attualmente non esistono terapie stabilite mirate a questa perdita di muscolo scheletrico, e senza un intervento i pazienti perdono la funzione muscolare e si affaticano e si indeboliscono. La dottoressa Sheffield-Moore ha detto che i medici hanno cercato la sua esperienza in nutrizione e metabolismo quando i pazienti stavano perdendo enormi quantità di peso dalla cachessia da cancro. Ha detto che un precedente trattamento focalizzato sulla nutrizione non è riuscito a combattere questa grave perdita di massa corporea, che ha portato la sua squadra a studiare l’ormone testosterone come opzione per combattere le conseguenze spesso debilitanti della cachessia da cancro.

Il team spera di dimostrare che questi pazienti andrebbero dal non sentirsi abbastanza bene da alzarsi dal letto, almeno a poter avere una qualità di vita di base che gli permetta di prendersi cura di se stessi e ricevere una terapia. È già noto che il testosterone costruisce il muscolo scheletrico in individui sani, quindi abbiamo provato ad usarlo in una popolazione ad alto rischio di perdita muscolare, quindi questi pazienti potrebbero mantenere la loro forza e lo stato di prestazione per essere in grado di ricevere terapie standard per il cancro. Durante questo studio quinquennale finanziato dal National Cancer Institute, i pazienti con un tipo di tumore noto come carcinoma a cellule squamose sono stati trattati con chemioterapia standard e / o radioterapia oltre a sette settimane di trattamento con testosterone o placebo. Durante lo studio, i pazienti sono stati monitorati per i cambiamenti nell’attività fisica, massa muscolare e grassa e testati per le prestazioni fisiche. I pazienti in questo studio che hanno ricevuto testosterone hanno mantenuto la massa corporea totale e aumentato la massa corporea magra del 3,2%. Sostenere la massa corporea è importante considerando che la maggior parte dei pazienti presenta una diminuzione del 20% nella massa corporea o più a seconda del tipo di tumore.

“I pazienti randomizzati al gruppo che ha ricevuto il testosterone come adiuvante del loro trattamento standard di chemioterapia e / o radioterapia hanno anche dimostrato una maggiore attività fisica”, ha detto la dottoressa Sheffield-Moore. “Si sentivano abbastanza bene da alzarsi e prendersi cura di alcune delle loro attività di base della vita quotidiana, come cucinare, pulire e fare il bagno da soli.” Inoltre, il laboratorio del Dr. Sheffield-Moore sta attualmente analizzando i dati proteomici dei muscoli scheletrici da questo studio. “Ciò che il proteoma (profilo delle proteine ​​trovato nel muscolo) ci dice è quali particolari proteine nei muscoli scheletrici sono state influenzate positivamente o negativamente dal testosterone o dal cancro, e ci permette di iniziare a scavare nei meccanismi potenziali dietro la cachessia”. L’indicazione per tale terapia non sarebbe adatta per quei pazienti maschi affetti da tumori ormono-dipendenti (ad esempio testicoli e mammiferi) .Per fortuna, i tumori mammari negli uomini sono rari, per il cancro al testicolo, gli interventi precoci di solito non guidano i pazienti che sviluppano la cachessia, una preoccupazione significativa, tuttavia, sorgerebbe in caso di cancro alla prostata, ma sarebbe interessante esaminare se altri comuni tumori maschili (ad es. polmone, stomaco, fegato o colon) possano ricevere un segnale di crescita positivo da ormoni androgeni. Questa possibilità non è stata ancora esplorata.

Nel frattempo, la dottoressa Sheffield-Moore spera che questa ricerca possa aiutare i malati di cancro a migliorare la qualità della vita e mantenere l’ammissibilità a ricevere una terapia standard di cura in caso di cachessia.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wright TJ et al., Sheffield-Moore M. J Cachexia Sarcopenia Muscle 2018 Jun; 9(3):482-496. 

Dev R, Bruera E, Dalal S. Ann Oncol. 2018 Feb 1; 29(suppl_2):ii18-ii26. ù

Michaelis KA et al. J Cachexia Sarcopenia Muscle. 2017 Oct; 8(5):824-838.

von Haehling S, Anker SD. Int J Cardiol. 2015 Apr 1;184:736-42.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it