Isterectomia: associazioni con rischio cardiovascolare e metabolico

Isterectomia: associazioni con rischio cardiovascolare e metabolico 1

Un nuovo studio condotto dagli scienziati della Mayo Clinic ha rivelato l’associazione di isterectomia con conservazione ovarica e rischi elevati di malattie cardiovascolari e condizioni metaboliche. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Menopause. Lo studio ha arruolato 2.094 partecipanti donne della contea di Olmsted, che hanno avuto la loro isterectomia con conservazione ovarica per malattia benigna tra il 1980 e il 2002. Sono stati identificati usando il Rochester Epidemiology Project, un database medico che contiene i registri ospedalieri e ambulatoriali completi di tutti gli operatori sanitari in Contea di Olmsted, Minnesota. L’età dei partecipanti secondo le date indice era di 18 anni e superiore alla data della loro isterectomia. Ogni partecipante allo studio era in età adulta con una donna che risiedeva nella stessa contea alla data dell’indice senza alcuna storia di isterectomia o di rimozione dell’ovaio. I risultati hanno identificato le precedenti condizioni cardiovascolari e metaboliche prima dell’intervento chirurgico e si sono concentrati solo sulla nuova insorgenza di malattia dopo l’isterectomia.

Di 75487 donne (età media 48 anni) sottoposte a isterectomia per indicazioni ginecologiche benigne, 32186 (42,6%) sono state trattate prima e 43301 (57,4%) dopo l’avviso emesso dalla FDA. Le donne bianche non ispaniche comprendevano la maggior parte (59,4%) della popolazione totale, seguite da donne afro-americane (15,1%). Complessivamente, le complicanze maggiori e minori sono rimaste stabili prima e dopo l’avviso emesso dalla FDA. Al contrario, tra un sottogruppo di 25571 donne (33,9%) sottoposte a isterectomia per fibromi uterini, le complicanze maggiori sono aumentate significativamente dopo l’avviso emesso dalla FDA dall’1,9% al 2,4%. I risultati dello studio hanno mostrato un aumento del 14% del rischio di aumento dei trigliceridi, un aumento del 18% del rischio di obesità, un aumento del 13% del rischio di ipertensione e un aumento del 33% del rischio di malattia coronarica nelle donne sottoposte a isterectomia con conservazione ovarica. Inoltre, i risultati hanno anche identificato un rischio aumentato di 4,6 volte di insufficienza cardiaca congestizia e un rischio aumentato di 2,5 volte di malattia coronarica nelle donne della fascia di età di 35 anni.

Secondo il Dr. Laughlin, l’isterectomia è la seconda chirurgia ginecologica più comune e sono soprattutto le lesioni benigne che influenzano questa scelta di chirurgia in quanto si ritiene che abbia ridotto i rischi cronici per la salute. Dopo aver analizzato i risultati del presente studio, ha suggerito alle donne di sottoporsi a trattamenti alternativi non chirurgici per endometriosi, fibromi e prolasso, che sono le principali cause di isterectomia. Questo è il primo studio ad oggi che mostra che le donne sottoposte a isterectomia hanno un rischio di malattia a lungo termine, anche quando entrambe le ovaie sono conservate. Non si conosce ancora il motivo d tale associazione, anche se apparentemente i fattori ormonali sembrano estranei. Mentre le donne sono sempre più consapevoli del fatto che la rimozione delle loro ovaie comporta rischi per la salute, questo studio suggerisce che l’isterectomia da sola comporta dei rischi, specialmente per le donne che subiscono l’isterectomia prima dei 35 anni”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Multinu F et al., JAMA Surg. 2018 Jun 20; 153(6):e180141.

Laughlin-Tommaso SK et al. Menopause. 2018 May; 25(5):483-492.

Laughlin-Tommaso SK et al. Obstet Gynecol Clin North Am. 2017; 44:81-94.

Laughlin-Tommaso SK. Obstet Gynecol Clin North Am. 2016; 43:397-413.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 968 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.