sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Obesità e depressione: la terapia comportamentale integrata come soluzione

L’obesità e la depressione si verificano comunemente insieme. Circa il 43% degli adulti affetti da depressione è obeso e gli adulti con obesità hanno un rischio maggiore di contrarre depressione. Per trattare entrambe le condizioni, i pazienti devono visitare più operatori di solito inclusi dietisti, allenatori di benessere e consulenti di salute mentale o psichiatri. L’onere associato alla visita di più operatori sanitari nei lunghi periodi di tempo necessari per trattare l’obesità e la depressione può essere significativo e portare a un abbandono totale della terapia. Inoltre, questi servizi sanitari potrebbero non essere disponibili a causa della mancanza di fornitori o rimborsi e il costo di vedere numerosi specialisti può essere proibitivo. Un intervento che combina il trattamento comportamentale di perdita di peso e la terapia di problem-solving con farmaci antidepressivi necessari per i partecipanti con obesità e depressione in concomitanza migliorata perdita di peso e sintomi depressivi rispetto all’assistenza medica di routine, secondo un articolo pubblicato sul Journal of the American Medical Association.

Il Dr. Jun Ma, professore di Medicina presso l’Università dell’Illinois al Chicago College of Medicine e ricercatore principale dello studio, ha spiegato: “Esistono trattamenti efficaci nel trattamento dell’obesità e della depressione separatamente, ma nessuno che affronta entrambe le condizioni in concerto, che è un bisogno insoddisfatto critico a causa dell’alta prevalenza di obesità e depressione insieme. Abbiamo dimostrato che erogare l’obesità e la terapia della depressione in un programma integrato utilizzando allenatori di salute addestrati a duale che lavorano all’interno di un gruppo di cura che include un medico di base e uno psichiatra, è efficace nel ridurre il peso e migliorare i sintomi depressivi”. Il dott. Ma e il suo team hanno analizzato i risultati dello studio clinico randomizzato Research Aimed at Improving Both Mood and Weight (RAINBOW), che ha confrontato un programma integrato di assistenza collaborativa per il trattamento dell’obesità e della depressione concomitante – erogato da consulenti sanitari addestrati – con il solito assistenza fornita da un medico personale nelle strutture di assistenza primaria.

L’intervento RAINBOW promuove un’alimentazione sana e l’attività fisica, mentre la parte di psicoterapia si concentra sulle capacità di problem solving. Uno psichiatra è in grado di raccomandare l’aggiunta di farmaci antidepressivi se necessario, che il medico personale del partecipante prescrive e gestisce. I consulenti sulla salute addestrati a fornire questo programma integrato hanno lavorato in consultazione con un medico di base e uno psichiatra, che ha riesaminato congiuntamente lo stato clinico dei pazienti e consigliato gli aggiustamenti del trattamento per i pazienti che non stavano progredendo. Il medico di base e lo psichiatra non hanno avuto contatti diretti con i pazienti, né hanno prescritto farmaci o fornito altri trattamenti ai pazienti direttamente nel programma. Il loro ruolo era di supporto e di consultazione con gli educatori della salute con cui hanno lavorato in squadra. Questo gruppo di assistenza ha comunicato e collaborato con i medici personali dei pazienti che hanno supervisionato l’assistenza dei pazienti, tra cui la prescrizione di farmaci, la fornitura di trattamenti per condizioni mediche e l’invio di cure specialistiche quando necessario.

I partecipanti allo studio RAINBOW hanno incluso 409 pazienti con obesità e depressione. Tutti i partecipanti hanno ricevuto le cure mediche abituali dai loro medici personali e sono stati forniti informazioni sui servizi di assistenza sanitaria per l’obesità e la depressione nella loro clinica e sui tracker wireless dell’attività fisica. Duecentoquattro partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il programma integrato di assistenza collaborativa e sono stati visti da un allenatore della salute per un anno. Nei primi sei mesi, hanno partecipato a nove sessioni di consulenza individuale e hanno guardato 11 video su stili di vita sani. Nei sei mesi successivi, i partecipanti hanno avuto telefonate mensili con il loro educatore sanitario. Duecentocinque partecipanti assegnati in modo casuale al solito gruppo di controllo sanitario non hanno ricevuto alcun intervento aggiuntivo. I partecipanti al programma di cura integrato hanno sperimentato più perdita di peso e declino della gravità dei sintomi depressivi nell’arco di un anno rispetto ai partecipanti al controllo che hanno ricevuto cure usuali. In media, i pazienti nel programma integrato hanno sperimentato un calo dell’indice di massa corporea (BMI) da 36,7 a 35,9 mentre i partecipanti al consueto gruppo di cura non hanno avuto variazioni nel BMI.

I partecipanti che hanno ricevuto terapia integrata hanno riportato un calo dei punteggi di gravità della depressione in base alle risposte a un questionario da 1,5 a 1,1, rispetto a un cambiamento da 1,5 a 1,4 tra quelli nel gruppo di controllo. Il team sta attualmente studiando modi per adattare la terapia integrata per i singoli pazienti prendendo di mira i meccanismi neuro-comportamentali sottostanti per migliorare ulteriormente i risultati. Il Dr. Ma ha inoltre commentato: “Mentre i miglioramenti dimostrati nell’obesità e nella depressione tra i partecipanti che hanno ricevuto la terapia integrata erano modesti, lo studio rappresenta un passo avanti perché indica un modo efficace e pratico per integrare l’obesità frammentata e la cura della depressione in una terapia combinata. Per i pazienti, questo approccio è un’alternativa interessante per vedere più professionisti che fanno pagare per i loro servizi come è fatto tradizionalmente. Abbiamo alcuni dati preliminari che suggeriscono se possiamo adattare la terapia in base al coinvolgimento del paziente e risposta anticipata al trattamento – ad esempio offrendo 11 per i pazienti che mostrano segni precoci di scarso coinvolgimento o progresso. Inoltre, una migliore comprensione dei meccanismi della funzione cerebrale e del cambiamento del comportamento può guidare una terapia mirata”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ma J et al., Lavori PW. JAMA. 2019 Mar 5; 321(9):869-879.

Zakrzewski-Fruer JK et al. BMC Public Health 2019;19(1):222.

Pines AR et al., Williams LM. Sci Rep. 2018 Sep; 8(1):14032.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Trombosi da vaccino anti-COVID: finalmente gli scienziati hanno trovato come e perché

Il COVID-19 è un’infezione virale altamente trasmissibile causata dal coronavirus SARS-CoV-2 e ha provocato una pandemia globale. I pazienti critici con COVID-19 possono avere...

Cardo mariano: l’alleato del fegato diventa nemico dei tumori?

Il Cardo mariano (Silybum marianum) è una specie erbacea appartenente alla famiglia delle Asteraceae, che può raggiungere 1-2 metri di altezza ed è caratterizzata...

Terza dose del vaccino anti-COVID: evidenze, scelte, discussioni e controversie

COVID-19 e vaccinazioni di richiamo Negli ultimi mesi, la variante Delta di SARS-CoV2 si è diffusa ampiamente nei paesi di tutto il mondo, diventando la...

Questo si chiuderà in 20 secondi